Reviews - Interviews

REVIEWS FOR "...FROM THE TWILIGHT ZONE"



RIFF RELEVANT (USA): https://www.riffrelevant.com/2017/06/21/bretus-from-the-twilight-zone-review-track-streams/

One of my favorite traditional styled doom bands, Italy’s Bretus, will soon return with a brand new offering in this month of June. That offering is entitled ‘...From The Twilight Zone‘ and it will arrive via the Endless Winter label.

To get a bit further into the details, the new release is a conceptual album, where each song is inspired by a classic horror film. Bretus, or more specifically, guitarist and vocalist Ghenes, vocalist Zagarus, bassist Azog, and drummer Striges are the ideal band and players for such a grand undertaking (in my opinion).

I say such because Bretus, who are in their seventeenth year of existence this year, have always steeped themselves in occult images and lyrics. One need only refer to 2015’s ‘The Shadow Over Innsmouth’, 2014’s self-titled LP, or 2012’s ‘In Onirica‘ to grasp this reality.

The descent into the unknown begins here with a thunderstorm, acoustic music and some eerie organs as ‘Terror Behind The Mirror‘ unfolds. It suddenly breaks into a monstrous riff and tumult of drums and organ stills. Once on keel, some very animated vocals cue in, as the music reaches a very Sabbath-y vibe. See, Black Sabbath are where most of our doom originates and the boys from Bretus are clearly disciples of such.

Take the full-on doom deluge delivered via tracks ‘ln The Vault‘, the amazing ‘Murder‘ and ‘The Creeping Flesh‘. The latter two are just stellar, stand out songs with Murder being a very uptempo throwback to the days of proto-doom. It powers away like some careening locomotive and then breaks into fiercely bluesy grooves.

The Creeping Flesh starts with a rather appropriate film sample, before delving into somewhat furious metallic styling. It may just be me, but I get a certain Mercyful Fate/King Diamond feel from this song, along with some other moments on the album. That, of course, is a damned fine thing, too.


Several of those moments permeate the ‘Old Dark House‘, a true doom epic sounding song. The section where the vocals take the spotlight, while the music dies down, becoming barely audible and sparse is grandiose. The song is followed by one of the more experimental, well textured tracks here, ‘Danza Macabra‘. Another heavy cut that delves into slower-paced doomy excess, laden with beautifully melancholy melodics.

Things end on the new album with the magnificent instrumental ‘Lizard Woman‘, a lengthy foray into doom psychedelia. Thunderous bass lines rumble throughout the song, before it takes on an enthralling rhythmic path. Lighter acoustic touches enhance things nicely, as do the organs and synth flourishes. They enter heavily mid-way after some fiery guitar antics. Oh, and the instrumental designation maybe challenged since there are some very basic, airy and eerie, trippy as hell vocalization touches laid down for a brief moment.

Just as they have always done, Bretus are the living, breathing embodiment of modern doom with traditional influences. ‘…From The Twilight Zone‘ continues that tradition with formidable heaviness and great grooves.

They take inspiration from what has come before and instill it with their own superb styling. The result is another intense, powerful album from the always bad-ass Bretus!

DOOM-METAL.COM: http://www.doom-metal.com/reviews.php?album=3171

Bretus, the Italian heavyweights of Heavy Horror Doom, return from the unknowable depths of their dark dwellings with their third full length album, '…From the Twilight Zone', which, much like the seminal tv show alluded to in the album name, is an anthology of scary stories. That's right, this is a concept album, each song being inspired by some form of the macabre. Whilst previous album, 'The Shadow over Innsmouth' was based entirely on works of the master of cosmic horror himself, H.P. Lovecraft, this most recent release draws on an eclectic array of sometimes obscure horror, to create a chilling cornucopia of Doom-filtered curios.

Horror fans may recognise the source material of certain tracks with relative ease, others may be found, with some difficulty (as this reviewer discovered), using google, whilst a number can only be guessed at by anyone not possessing an encyclopaedic knowledge of scary movies. Either way, it's fun trying to figure them out. Fittingly, opening track, 'Terror behind the Mirror' begins with the sound of pouring rain and the plaintive cries of a crow, or perhaps, I dare quoth, a raven. An acoustic, slightly folky, riff follows, gently pulling the listener into the nightmarish world of Bretus before unleashing a vicious Doom riff. When the vocal starts, though, that's when the fun really begins. Zagarus's voice is wonderfully dramatic and theatrical in a way that perfectly complements the material; imagine how Freddie Mercury might have sounded after a week holed up in an abandoned cottage watching a perpetual loop of Hammer Horror movies and dropping acid, and you might be somewhere close.

As fun as the concept behind the album undoubtedly is, there's far more to enjoy here than just an interesting idea; the impressive vocals are backed admirably by an extremely tight band. Riffs so monstrous they'd have struck fear into the hardened hearts of Hammer stalwarts Christopher Lee and Peter Cushing abound, whilst crunching bass lines and powerful drumming create an accomplished sound, each instrument complementing the other to create something greater than the sum of their parts. It's hard and heavy, but there are moments of respite here and there with acoustic passages, organ effects and classic horror movie voice samples, all of which add to the Doom-laden atmosphere the album creates. 'Old Dark House' is a particular strong point; a down tempo malevolent riff begins the track followed by an outstanding solo that morphs into peels of thunder. Zagurus's vocal is heavily accented, but this actually adds to the mystique. Would Bela Lugosi have sounded quite so iconic if he'd spoken with a Barnsley accent? Everything about this album just, well, works.

Whether you're a horror fan or not, the music speaks for itself on this album, and it can be enjoyed by Doom fans that may never have watched a horror film in their lives. Whether such Doom fans exist is perhaps questionable, but if they do, and it's you, you will still enjoy this album. If you are a horror fan, though, particularly if your interest extends to the obscure, long-forgotten flicks of the early 70s, the type they don't make anymore, you'll have real fun with this gem. Long after masterful final track, 'Lizard Woman' draws a red velvet curtain on '…From the Twilight Zone', you'll have the unique sound of Bretus echoing in the fragments of your mind.

SLOVAK METAL ARMY: https://www.slovakmetalarmy.sk/2017/08/05/bretus-twilight-zone-stoner-doom-metal-ita/

Nikdy nehovor nikdy. Túto vetu predo mnou povedali mnohí ľudia a poniektorí aj odspievali. Xx rokov nazad, keď som prvýkrát počul švédsku kapelu, dnes už ako je pomaly zvykom, legendu epic doom metalu Candlemass som si povedal, že toto nie je pre mňa. Ja som chcel čo najväčší rachot humbuk. Muselo uplynúť xx rokov, aby som aj ja osobne dozrel a našiel mnohé pravé orechové a Candlemass je jedným z nich. Všetko nie je len o death growlingu zmixovanom s ťažkými, pomalými a hutnými gitarovými riffmi. Ako sa hovorí, old school doom je o pocitoch, ktoré vokalista dáva do skladieb a vyhrávať sa s emóciami za pomoci hudobných nástrojov. Toto je presný prípad stoner doom smečky z Talianska zvanej Bretus. Toto spoločenstvo už existuje neuveriteľných 17 rokov a tento rok pod značkou labelu Endless Winter (Russia) vydali v júni svoje tretie dieťa „…from the Twilight Zone“. Na rovinu… na chuť daného albumu som prišiel až po treťom počúvaní a druhom zaspávani pri ňom. Nechcel som sa unáhliť ako kedysi u Candlemass. Už samotný názov nasvedčuje kam ideme. Hororová tématika so seriálu 70 rokov je jasná. Hudobne sa chalani neženú do ťažkých pochmúrnych melódií, ale vyhrávajú sa so svojimi inštrumentami. Do úplnej dokonalosti poprepletali melancholické stavy s depresívnymi prvkami, preťahujúce jemnými až metalovými riffmi ako sme zvyknutí u King Diamonda. Pri dôkladnejšom posluchu započujete tóny ala Black Sabbath, alebo ranná psychodelická tvorba Pink Floyd. Toto je tam počuť, ale toto je BRETUS ! A spev Zagarusa je stelesnené šialenstvo. Žiadny murmur, growling ale čisté vokály siahujúce až do šialeného prednesu. A keď si pomyslite, že nič už Vás neprekvapím prídu klávesové linky a v momente sa nachádzate uprostred hororového seriálu. Už len dve slová : DOKONALÝ ALBUM !



EARTHQUAKERMEXICO: http://earthquakermexico.blogspot.it/2017/07/bretus-cara-cara-frente-la-locura-y-la.html

Bajo la advertencia de que este material no es un álbum conceptual pero que busca homenajear a algunas de las mejores películas de horror de todos los tiempos y recordar a sus actores y directores, la banda italiana Bretus ha publicado su tercer disco que lleva por nombre ...From the Twilight Zone, en referencia directa al viejo programa de televisión norteamericana de los años sesentas.

Por medio de la disquera rusa Endless Winter, la banda originaria de puerto italiano de Catanzaro  ha lanzado en junio de 2017 su último disco, una colección de siete temas que mantienen el paso marcado en su The shadow over Innsmouth de 2015 (reseña-review) que los colocó dentro de la escena doom europea. Para esta ocasión, Bretus buscan mayor intensidad en cada uno de sus temas hasta lograr hacerlos más directos sin perder su esencia doom que se ha convertido en el sello personal de la banda, pero con un mejor trabajo de producción que logra darle mayor claridad a su sonido y con un ligero toque psicodélico que los tenues pero fúnebres teclados incluidos en algunos temas construyen para reforzar el mórbido ambiente.



Abajo de las capuchas encontramos nuevamente a Ghenes en la guitarra, Zagarus en las vocales, Azog en el bajo y a Striges en la batería quienes en siete temas logran asegurar un lugar dentro de la historia del nuevo doom del siglo XXI. Atmósferas lúgubres nos van ahogando poco a poco mientras todo se vuelve más obscuro segundo tras segundo, pero al tronar las bocinas por culpa de la intensidad de los instrumentos sabemos que el temor se vuelve ira bajo la luz de la luna llena.

La lluvia cae mientras los cuervos graznan, los lobos aúllan y las campana repican mientras una guitarra acústica entona una melancólica melodía. Así inicia ...From the Twilight Zone, pero todo queda olvidado tras un minuto y medio al dejarse escuchar las guitarras como un eléctrico lamento. El recuerdo de Black Sabbath, Saint Vitus y Pentagram es inevitable, pero al comenzar a cantar Zagarus las neuronas se inundan en el Danzig solista de finales de los ochentas. Sangre, almas en pena y muertos vivientes salen a nuestro paso como si se tratara de una casa del terror, pero a final de cuentas termina convirtiéndose el disco en un museo cinematográfico que busca recrear los momentos más sublimes de los clásicos del horror.



...From the Twilight Zone arranca con "Terror behind the mirror" para asestar un golpe certero a nuestro deseo doom incontenible que nos precede por los materiales anteriores de Bretus, pues su figura cortante como navaja ritual logra cortar las venas para saciar la sangrienta sed del maligno. "In the vault" la velocidad se reduce para ofrecernos un verdadero tributo al primer doom de los años setentas, aunque la fuerza es retomada en "Old dark house" como si se tratara de una continuación más desgarradora de la canción anterior. Aunque Bretus mantiene el uso de extractos de las viejas películas que han inspirado a los temas, la banda nos ofrece nuevos elementos en este disco como los pasajes acústicos de "Danza macabra" o el lisérgico viaje instrumental de "Lizard woman" con sus más de siete minutos de duración.

Sin embargo, Earthquaker desea rescatar y profundizar lo alcanzado en el tercer disco de Bretus a partir de su primer single llamado "The creeping flesh". El tema comienza con una guitarra que marca su acorde para permitir que los armónicos surjan al cubrir las cuerdas para que estas dejen de vibrar, como si un psicópata buscara asfixiar lentamente a su víctima. El bajo y la batería golpean desde su sepulcro cuatro veces como si solicitaran salir a pasear por la fría noche. La intensidad aumenta y todo se convierte en un ritmo infeccioso que fácilmente regresa a sus lúgubres orígenes cuando la voz de Zagarus nos narra parte de la historia del clásico filme de Freddie Francis, logrando que con su entonación pareciera un demente a punto de saltar sobre nosotros. Los cambios de ritmo logran que "The creeping flesh" nos tenga a la orilla del asiento en tensión permanente, haciendo que el tema se convierta en uno de los mejores del disco e indiscutible sencillo promocional.



Bretus lanzó en abril de 2017 el video de promoción de "The creeping flesh" como preparativo a su ...From the Twilight Zone. Como era de esperarse, el trabajo visual está realizado a partir de diversos extractos del clásico del terror británico que Freddie Francis realizara en 1973, la cual fue protagonizada por Christopher Lee, Peter Cushing y Lorna Heilbron. La historia nos cuenta como un esqueleto humanoide es encontrado en Nueva Guinea, el cual es llevado para su investigación a Inglaterra. Ahí descubren que tiene la capacidad de regenerar su carne al estar en contacto con el agua, pero una vez que está por completar el proceso, entienden que en dicha joya antropológica reside el mal. Sin embargo, la película no se basa sólo en el monstruo, sino en la locura que radica en el hombre, la envidia y la búsqueda mórbida que llega hasta la obsesión.



Bretus se encuentra en plena promoción de su nuevo material, situación que los ha llevado a compartir escenario con Jucifer y Goatness. No sobra decir que la banda ha consolidado su estilo en los últimos años, dejando a un lado los largos y densos pasajes instrumentales del pasado para enfocarse a crear ambientes ideales para sus líricas cada vez más trabajadas. ...From the Twilight Zone merece ser escuchado con calma para ir descifrando todo lo que esconde tras las capas de ruido, es necesario ir cavando en sus terrenos para descubrir al verdadero monstruo que hay en su interior. Aquí está el primer arañazo, ahora les toca seguir rasgando hasta su obscuro abismo que aguarda en los surcos del disco...


THE OBELISK: http://theobelisk.net/obelisk/2017/07/13/quarterly-review-summer-2017-day-4/

Doom! Horror! Riffs! Though it starts out with quiet acoustics and unfolds in echoing weirdness, Bretus’ new album, …From the Twilight Zone, more or less shouts these things from the proverbial cathedral rafters throughout its seven tracks. The Catanzaro, Italy, foursome weren’t shy about bringing an air of screamy sludge to their 2015 sophomore outing, The Shadow over Innsmouth (discussed here), but …From the Twilight Zone shifts more toward a Reverend Bizarre trad doom loyalism that suits the Endless Winter release remarkably well. Those acoustics pop up again in expanded-breadth centerpiece/highlight “Danza Macabra” and closer “Lizard Woman,” and thereby provide something of a narrative thread to the offering as a whole, but on the level of doom-for-doomers, there’s very little about the aesthetic that Bretus leave wanting throughout, whether it’s the faster-chug into drifting fluidity of “The Murder” or the nodding stomp of “In the Vault” (demo posted here) and crypto-NWOBHM flourish of “Old Dark House” (video posted here). Not trying to remake doom in their own image, but conjuring an eerie and engaging take in conversation with the masters of the form.


METALLIZED: http://www.metallized.it/recensione.php?id=14252

Dalla letteratura al cinema, si sa, il passo è stato storicamente quasi obbligato, nonostante i due celebri fratelli di Besançon si fossero sbilanciati a definire la propria creatura “un’invenzione senza futuro”. Certo, la sfida tra incorruttibili pasdaran del primato della scrittura e cultori del nuovo linguaggio visivo ha vissuto e vive talvolta attimi di tensione (quante volte siamo incappati nel lapidario “molto, molto, ma molto meglio il romanzo, del film…”?), ma, a poco più di un secolo dal fatal brevetto, possiamo sostanzialmente affermare che la settima arte sia stata accolta ormai con pari dignità sulle pendici di quel monte Elicona che dalla notte dei tempi ospita le alunne predilette di Apollo.
Una volta entrato nell’augusto consesso, il cinema ha potuto così interagire con le nobili e più attempate sorelle, in un rapporto di inscindibile simbiosi che ha dato frutti qualitativamente spettacolari sul piano dell’ispirazione, allargando potenzialità e prospettive ma risultandone anche trasfigurato, basti pensare all’effetto dirompente dell’avvento del sonoro in un mondo inizialmente fatto di sole immagini. In questo varco, non poteva non entrare a vele spiegate la musica, sia come elemento di decorativo accompagnamento sia, soprattutto, come moltiplicatore di emozioni, tanto che non sono rari i casi di colonne sonore altrettanto memorabili dei film che hanno accompagnato.

Letteratura, cinema e musica sono anche i vertici di un ideale triangolo d’oro entro cui si dispiega il raggio d’azione di una delle band più interessanti sulla scena doom tricolore, quei Bretus che cinque anni fa avevano stupito con un solidissimo debutto sulle lunghe distanze (In Onirica) e che sono stati capaci di ripetersi nel 2015 con The Shadow over Innsmouth. Eccolo subito in evidenza, l’elemento letterario, con il richiamo a uno dei migliori romanzi di H.P. Lovecraft, dove rivive il tipico gusto fantasy/horror di un maestro del genere tra incubi, visioni e paure geneticamente connaturate alle debolezze della nostra specie. Inquadrati in una solida cornice letteraria, gli spunti multidirezionali di In Onirica si erano così organizzati intorno alla forma di un horror doom dai tratti spiccatamente tradizionali e con l’esclusione di qualsiasi virata verso il lugubre (soluzione invece cara a un’altra delle italiche eccellenze, gli Abysmal Grief). Come al solito, in presenza di operazioni in cui la macchina del tempo sposta artificialmente le lancette in un’era lontana per gusto e retroterra anche culturale, il rischio era quello di disseminare il percorso di banalità vintage più di posa che di sostanza (per un risultato in cui anacronismo e derivatività lottano con esito incerto per il primato, mentre intanto a perdere è di sicuro l’ascoltatore), ma i Bretus erano riusciti nell’impresa di modulare con grande intelligenza le spinte verso epopee di altre decadi risultando contemporaneamente moderni anche per chi non abbia vissuto gli echi immediatamente successivi al primigenio big bang post-sabbathiano.

C’era dunque grande attesa e curiosità intorno alla nuova fatica del quartetto e i ragazzi non sbagliano davvero il colpo, spostandosi stavolta verso il vertice cinematografico del triangolo a cui accennavamo. Lo spunto per questo …from the Twilight Zone, infatti, viene da una delle serie tv in carsica apparizione sugli schermi americani tra il 1959 e il 2003 e approdata anche ai tubi catodici italiani con il titolo “Ai Confini della Realtà”. E fino a qualche lontana frontiera si sono davvero dovuti spingere, i Nostri, intanto per entrare in una nuova scuderia dopo l’abbandono della genovese Bloodrock Records; si è trattato, in realtà, di una replica di quel viaggio verso est che già aveva contraddistinto il debut (allora la Arx Productions di Donetsk) e che ora conduce alla cittadina di Taganrog, sul mar d’Azov, dove la piccola ma qualitativamente agguerritissima Endless Winter sta radunando un roster doom di tutto rispetto.
Ma a non mutare sono soprattutto le coordinate stilistiche della band, sempre alle prese con l’ingombrante eredità sabbathiana declinata con un’essenzialità e un’asciuttezza di fondo che riportano immediatamente alla lezione dei Saint Vitus, sia pure con consistenti integrazioni figlie di echi Pentagram e Reverend Bizarre. A giovare alla resa dell’insieme è soprattutto l’intreccio impeccabile tra le possenti strutture edificate della sezione ritmica e le “libere uscite” concesse a sei corde e voce, che, a seconda dei casi, alimentano o sciolgono la tensione accumulata dalla coppia Azog/Striges.
Eccellente, anche stavolta, la prova al microfono di Zagarus, col suo timbro vocale rigorosamente in clean e sempre molto carico in termini di pathos, a esaltare una sorta di vena recitativa/teatrale quanto mai opportuna, considerati gli approdi horror e i richiami alla cinematografia. E, quanto a imprescindibilità, non è certo da meno il contributo della sei corde, magistralmente brandita da Ghenes in modalità NWOBHM squadernando riff assassini, ad aprire improvvisi squarci luminosi che risaltano ancora di più andando ad innestarsi su trame in prevalenza oscure, quando non plumbee. Completa il quadro un intelligente ricorso all’arsenale “storico” del genere, in cui l’hard rock settantiano gioca ovviamente un ruolo di primo piano ma senza dimenticare venature delicatamente blues o addirittura accennate escursioni in territorio prog, a certificare l’impressionante livello di maturità raggiunto dai calabresi alle prese con le sfide dei classici.

Spente le luci in sala, si parte subito alla grande con l’opener Terror Behind the Mirror, distillato perfetto di ciò che si dipanerà nel resto dell’album con la sua atmosfera in progressivo appesantimento, mentre Zagarus occupa la scena da mattatore nei panni di uno Scott Wino Weinrich in versione marcatamente declamatoria, prima di consegnare il finale al primo memorabile assolo di Ghenes. Il tasso di pachidermicità aumenta ulteriormente nella successiva In the Vault (rieccole, le reminiscenze lovecraftiane, in un titolo che rimanda a un racconto del 1925), ma un improvviso stop centrale funge da colpo di scena per spalancare le porte a un inserto figlio della metal temperie ottantiana, in cui di nuovo la sei corde stampa un ricamo memorabile. Rispetto alla coppia d’avvio, l’andatura cadenzata di Old Dark House (che rimanda al lungometraggio del 1932) sembra ridurre la densità della struttura privilegiando piuttosto la componente “sinistra” dell’ispirazione, ma anche stavolta non mancano le sorprese, che si materializzano con un’improvvisa dilatazione melodica e un tocco avantgarde che sposano alla perfezione le velleità sceniche dei Bretus. Il quarto atto è affidato alla rievocazione di un film del 1964, Danza Macabra (con tanto di estratto vocale in presa diretta dalla pellicola) e si declina in forma di semi ballad intrisa di suggestioni blues, che tengono il campo per metà percorso in vista di una chiusura tra coriandoli Deep Purple e sabbia Saint Vitus.
Rispetto all’impressionante qualità andata finora in onda, colpisce un po’ meno l’attitudine settantianamente hard rock di The Murder, anche se va riconosciuto che a questo punto del viaggio una scarica di energia può comunque svolgere una funzione salutare, nell’economia del platter (senza contare che già il finale in oscura dissolvenza ci riporta alla dimensione canonica della tracklist). E’ ancora un richiamo “dal vivo” al film di riferimento ad avviare The Creeping Flesh e in questa occasione i Nostri sfoderano la loro migliore prova classic doom dell’album, impreziosita da un passaggio in doppio timbro vocale forse meritevole di approfondimenti, nelle prossime prove, considerata l’ottima resa. C’è ancora spazio per un’ultima perla e i Bretus sembrano compiere una scelta spiazzante, affidandosi alla strumentale Lizard Woman; niente paura, però, perché dal campo psichedelico improvvisamente arato germoglia un capolavoro che riporta in vita con la giusta delicatezza sonorità che, pur trasfigurate, sono ormai indissolubilmente scritte nel nostro metal dna e al cui richiamo è impossibile restare indifferenti.

Viaggio multimediale all’interno di antri in cui l’oscurità raddoppia tra immagini e suoni, coperto da un velo di artistica inquietudine in cui rivivono senza stucchevoli manierismi le lezioni delle band che hanno fatto la storia del doom più affacciato sui balconi hard rock, …from the Twilight Zone è un album che trasuda classe da ogni solco e per cui non c’è alcun bisogno di scomodare un occhio di riguardo nel nome della tricolore conterraneità. Da Catanzaro alle pianure intorno a Rostov, a parlare per i Bretus è solo la qualità.


DISFACTORY: http://www.disfactory.it/recensione-bretus-from-the-twilight-zone/

Forti emozioni occulte, suono piacevolmente scorrevole ma positivo nel suo essere “stantio” e tanta voglia di fare bene. I Bretus riversano tutta la loro passione per la causa e il sacro mondo doom metal per la terza volta su lunga distanza (questa volta sotto la russa Endless Winter), lo fanno al top per quanto concerne ombre e songwriting. Ebbene si, perché il nuovo …from the Twilight Zone (omaggio alla serie “Ai Confini della Realtà”) non funge solo da “esercizio nostalgico” come ogni buon prodotto di classic doom richiede già dall’etichetta, qui le cose verranno lavorate saggiamente e con la necessaria pazienza. In certi casi non otterremo la nostra “zuppa” pronta, ma sarà proprio questa l’arma definita di un disco che potrà giostrare le sue avvenenti caratteristiche solo con l’insistenza dei giusti ascolti.

Rapisce quel sound che tutto sembra voler sottolineare tranne che la potenza (o meglio, non fatevi ingannare da queste parole perché la presa non mancherà) scavando e lavorando nei meandri di territori perennemente ombrosi, settantiani e dal taglio ora progressivo, poi sconfinante a tratti nell’hard rock. I brani finiranno per diventare -nel loro speciale modo- piccoli dannati tormentoni iconici, non mi vengono altre parole pensando ad esempio all’attacco della grandiosa Terror Behind the Mirror giusto per ancorarci alla partenza di un album che offrirà diverse sfaccettature senza chiederci l’urgenza di “scomporci” più di tanto.

Serve nominare la triade Black Sabbath/Electric Wizard/Candlemass per rendere l’idea di cosa troverete all’interno di …from the Twilight Zone? Se riuscite ad immaginare un po’ di questo e un po’ di quello avrete colto il bersaglio ancor prima di iniziare e potrete cominciare a gioire senza remore. D’altronde questi quaranta minuti passano così in fretta da rappresentare un concreto sinonimo di costante intrattenimento.

Il riff portante di Terror Behind the Mirror è da antologia e lancia di fatto nel migliore dei modi il terzo full-lenght dei Bretus. Il cerimoniere Zagarus infiamma sgraziatamente ogni piccolo anfratto di ogni canzone scegliendo di volta in volta il mood necessario, giostrando così su più registri come solo un navigato capitano può fare. In the Vault accresce il fattore nefasto/oscuro scandendo lentamente il ritmo prima di lasciare spazio alla sinistra epicità di Old Dark House. Danza Macabra a metà disco funge da “nenia-rituale-ciondolante”, un gradino gradito prima di una aperta, “baldanzosa” e più leggera The Murder. L’album trova conclusione con due tracce azzeccate come The Creeping Flesh (che crescendo! la mia prediletta assieme alla opener) e la psichedelica-heavy-strumentale di Lizard Woman.

I Bretus sono una freccia non importante ma importantissima per il panorama doom metal nostrano, evitare di fare la loro conoscenza sarebbe davvero un piccolo insulto rivolto a noi stessi cultori del genere. Solo così, con quei piccoli accorgimenti, e via verso la cima di una faticosa scalata, perfezione e nobiltà possono essere raggiunte solo in questa maniera. Loro lo sanno bene, voi potrete dire lo stesso?


METALYES-IYEZINE: http://metaleyes.iyezine.com/bretus-from-the-twilight-zone/

Ritornano i calabresi Bretus, una delle migliori band italiane in ambito doom.

La loro proposta musicale è un doom classico, cantato con timbro chiaro e possente, e poche distorsioni strumentali, seguendo la lezione di St.Vitus e Pentagram.
Per fare questo genere minimale e renderlo interessante devi avere delle specifiche caratteristiche che non sono alla portata di tutti. I Bretus tengono incollato l’ascoltatore alla poltrona dall’inizio alla fine, non lasciando mai scendere la tensione, come nelle storie horror che loro adorano. Ispirati nella loro opera dal sommo vate di Providence, per questo nuovo disco esplorano i territori di …From The Twilight Zone, una serie televisiva americana del 1959 che esplorava in maniera incredibile la fantascienza e l’orrore, tenendosi sempre vicina alla sottile linea che divide il nostro mondo da altri mondi e multiversi. Il doom dei Bretus in questo disco si addolcisce leggermente e va a bagnare gli strumenti nei fiumi ottantiani del doom americano ed inglese, trovando una formula vincente, perché ogni canzone è interessante e godibile. Il disco è oscuro ma non è una tenebra fine a se stessa, bensì è una luce diversa per capire la realtà in un’altra maniera, o per cominciare a scorgere le altre che ci circondano. Ascoltare dischi come …From The Twilight Zone smuove qualcosa nel cuore di chi ama il doom e più in generale la musica oscura ma fatta bene. In alcuni momenti ritornano all’orecchio reminiscenze dei grandi del doom, come i Candlemass ad esempio, ma ascoltando il disco si comprende la via personale adottata dai Bretus, un modo originale di fare doom. Il disco può anche essere goduto come un film, poiché c’è un filo conduttore nella narrazione. I Bretus con questo disco si confermano un ottimo gruppo doom che non sbaglia un disco.


HM MAGAZINE: http://hmmzine.blogspot.it/2017/07/bretus-from-twilight-zone-recensione.html?spref=fb

Aaah, che bella scoperta il disco di questi doomsters calabresi! Anzi, che bella scoperta i Bretus in sé, dato che leggendo la bio della band scopro come la stessa sia stata molto prolifica sin dal 2008 (con una serie di album, EP e split) e che le sette tracce incluse in quest'ultima release siano dedicate ad altrettanti horror movies di culto (eccezion fatta per “In The Vault”, ispirata all'omonimo racconto lovecraftiano). Non sono mai stato un accanito cinefilo, ma la connessione tra doom e cinema è spesso ricorrente ultimamente – vedi gli Arcana 13 – ed è comunque fuor di dubbio che le due atmosfere (quella iconografica e quella musicale) si combinino alla perfezione.

Dicevo, bel disco davvero questo “… From The Twilight Zone”, anche se sulle prime i Bretus mi avevano ricordato due band laziali del passato: i Garden Of Cry (tra i primi ad incamminarsi timidamente sul sentiero di collegamento tra goth e metal, complice la passione per gli arpeggi) e i più longevi e blasonati Martiria, anche grazie alle atmosfere cadenzate e alle ritmiche schiacciasassi che caratterizzano da subito l'opener “Terror Behind The Mirror” e che sembrano mutuate dai citati maestri del doom italico, autori di “On The Way Back”. Un'impressione solo parziale che va ovviamente integrata con l'ascolto del disco per intero, che di per sé è caratterizzato da un approccio “folle” del vocalist che sposta un po' le coordinate dalla seriosità del doom europeo (di scuola italiana, britannica o scandinava, poco importa) all'ecletticità schizzata del genere nella sua versione a stelle e strisce. Il resto lo fa un chitarrista aderente ai dettami chainiani e sempre attento alla funzione descrittiva del proprio rifferama, come nel caso della già citata “In The Vault”, uno dei brani migliori.

E a proposito di America, sulle sfuriate di “The Murder” fanno capolino echi alla Manilla Road (complice la velocizzazione dei tempi), mentre la conclusiva “Lizard Woman” ha un mood molto più settantiano: atmosfere tirate, con la band che non ha fretta di arrivare al dunque e lo dimostra appieno con un cipiglio improvvisativo in studio e un finale mastodontico, degno del favoloso decennio a cui è ispirato. Toccherà informarsi anche sul passato (e perché no, sul futuro) di questo quartetto...


METALWAVE: http://www.metalwave.it/recensione.php?id=7845

Fondati nell’anno 2000 i Bretus, band horror doom calabrese, rilascia per l’etichetta Endless Winter il suo terzo full lengh intitolato “..From the Twilight Zone” preceduto anche da diverse uscite in 7’’ split e MCD. Particolare quanto accattivante è lo stile della band che con le proprie tendenze oscure rende ancora più sinistro e cupo l’intero clima che si respira nel corso dell’ascolto. Il doom realizzato dal quartetto è nitido, pulito con le andature caratteristiche del genere, mai sopraffatte da effetti o da quanto possa offuscare il classico sound doom. Moderazione ed andature lente che ti affondano i timpani come una lama che recide la pelle è a poco a poco in sostanza il senso horror che viene trasmesso. La parte clean dalla multiforme interpretazione, si trova a suo perfetto agio tra le melodie che vengono a susseguirsi nei sette brani proposti spesso alternati nel loro interno da arpeggi e da atmosfere inquietanti. “Terror Behind the Mirror” è forse l’esempio migliore di come la band voglia fare colpo sull’ascoltatore: una breve atmosfera introduttiva horror e subito dopo un pacato arpeggio in anticipo ad un’andatura splendida realizzata con un motivo avvincente; segue “In The Vault”, classica andatura doom inarrestabile, all’interno della quale lo splendido cantato rende quella giusta atmosfera tra sofferenza, paura e disperazione; è poi la volta di “Old Dark House” e della successiva “Danza Macabra”, due esempi diretti quanto significativamente coinvolgenti, soprattutto il secondo per il particolare doom acustico oscuro, opaco, triste ma splendido allo stesso tempo; “The Murder” si orienta invece su un doom con qualche richiamo a potenti riff più hard rock ed annessa andatura; “The Creeping Flesh” altro incredibile brano che con la conclusiva “Lizard Woman”, dalla proposta iniziale molto settantiana e con un evolversi tutto da ascoltare, fanno di questo disco un ottimo lavoro su cui fare pieno affidamento materializzando un’altrettanta meritata promozione della band.




DOOMBRINGER (BRAZIL):https://doombringerbr.wordpress.com/2017/06/06/bretus-from-the-twilight-zone/

“… From the Twilight Zone” é o terceiro álbum de estúdio da banda italiana Bretus, lançado via Endless Winter Records. Seguindo os passos de seus antecessores, o álbum reúne toda aquela atmosfera de horror complementada pelo conteúdo lírico que aborda temas relacionados ao misticismo e influências das obras de H.P. Lovecraft.

A banda se mantém fiel ao estilo old school e tradicional do Doom Metal, com influências de nomes como Reverend Bizarre, Sain Vitus e Black Sabbath. E por mais que muitas bandas sigam essa abordagem a Bretus consegue ser uma das mais equilibradas, a banda sabe como introduzir suas influências mas sem se manter presa às mesmas, as percepções e ideias de como a banda deseja conduzir sua música também estão presentes.

Em “… From the Twilight Zone” a banda entrega um repertório que passa por faixas mais imediatas como a abertura “Terror Behind the Mirror”, que conta com uma passagem acústica interessante, ou “The Murder”, de longe a faixa mais intensa do disco.

A dedicação da banda é colocada em evidência ao decorrer do trabalho, o esforço para criar composições mais elaboradas resulta em faixas como “Danza Macabra” e “Lizard Woman”, essa última repleta de progressões incríveis e uma riqueza de detalhes. E ainda destaco “In the Vault” e “Old Dark House”, as faixas que mais me agradaram no álbum.



SALAD DAYS MAGAZINE: http://www.saladdaysmag.com/bretus-from-the-twilight-zone/

Doomster calabresi, dal forte richiamo evocativo e dalle sonorità sinistramente horror: è con queste premesse che i Bretus si presentano. Il loro nuovo lavoro, ispirato fin dal titolo dell’album ‘…from the Twilight Zone’ alla omonima serie statunitense di fine anni 50, è composto da 7 songs, dove le influenze doom di band anni 80 si intrecciano a meraviglia nei riff chitarristici di Ghenes, nei marziali ritmi rompi ossa del basso di Azog, nel drumming preciso di Striges: il tutto si amalgama perfettamente nel pathos che le vocal di Zagarus infonde come un sapiente mistico, che richiama ed evoca dal profondo innominabili e arcani misteri. Brani articolati dal minutaggio medio di 5 minuti si susseguono talvolta iniziati da arpeggi, altre volte da schegge filmiche o brusii di presenze primordiali; i brani ci immergono in atmosfere che la band di Catanzaro riesce a organizzare in modo magistrale. Analizziamo per es. ‘In The Vault’: la pièce si snoda in un iniziale riff heavy/super doomy davvero micidiale, la voce fa da contraltare con un doppio stile evocatorio/inquisitorio, poi un sorta di intro a metà pezzo che è come una svolta, un presagio ad un riff che sfocia in un assolo NWOBHM style da far accapponare la pelle, poi un travolgere e ritornare sui propri passi, infine un tocco di campana. Imperioso. Siamo di fronte ad un album intrigante pieno di stile, di idee e ben congegnato. A giugno fuori per la russa Endless Winter.


PURORUIDO (ARGENTINA) : https://puroruido.blogspot.it/2017/06/bretus-from-twilight-zone.html

Con Bretus tengo una relación que viene casi desde el comienzo de la historia discográfica del grupo. El casi no es casual, pues en realidad los conocí cuando sacaron "In Onirica", su muy buen primer disco full, allá por el año 2012. Hice la reseña del disco y comencé a tener contacto con la banda, quienes me pasaron los links para descargar y escuchar los trabajos previos, el Demo del año 2008 y el EP autotitulado del 2009. Antes de que el segundo disco de la banda ("The Shadow over Innsmouth", del año 2015) viera la luz, yo ya lo había recibido en mi cuenta de e-mail. Entusiasmado por los resultados obtenidos en los trabajos previos, me lancé de cabeza a escuchar el segundo larga duración de la banda de Catanzaro. No encontré lo que buscaba pues Bretus habían cambiado. Seguían tocando Doom Metal (y creo que jamás van a dejar de hacerlo), pero ya no era aquel Doom monolítico, hipnótico y ultra pesado de "In Onirica". La banda había virado hacia un Doom más anticuado, habían viajado hacia los orígenes del género, adoptando como propio un sonido añejo, estructuras y atmósferas de corte 70's, e incorporando influencias de bandas como Cirith Ungol, Manilla Road y Witchfinder General. El resultado no fue el mejor, algo propio de un disco de transición. No era, ni es, un disco malo; sería injusto calificarlo de tal manera cuando tiene unos cuántos momentos muy logrados. Pero le faltaba el poder y la consistencia de su antecesor. Recuerdo que en aquel momento pensé que Bretus estaban buscando un nuevo rumbo, y que aun no habían llegado al camino, sino que recién estaban en el (nuevo) punto de partida.
Dos años después de "The Shadow..." aparece el tercer disco full de la banda italiana en cuestión (en el medio lanzaron un split junto a Black Capricorn). "...from the Twilight Zone" sigue la misma línea que se predecesor, pero las diferencias son notorias. Bretus han vuelto a ser una verdadera potencia dentro del mundo del Doom Metal. Manteniendo intacto el estilo encarado en el disco del 2015, la banda demuestra haber ajustado todas las tuercas, aceitaron cada uno de los engranajes de la maquinaria, y pusieron énfasis en un detalle que no es menor: las composiciones. Es por eso que éste nuevo trabajo de la banda de Ghenes (guitarra) es un buen disco de principio a fin.
Las atmósferas típicas de las películas y series de horror y ciencia ficción de los 60's y 70's (basta con ver el nombre del disco), más la consabida influencia de los filmes de la Hammer a la que son afectas este tipo de bandas. Los riffs clásicos, anticuados ya desde el sonido y las estructuras, pero sonando frescos por la naturalidad con son ejecutados. Los ritmos lentos que tienden a irse hacia el medio-tempo, fluidos y con mucho groove. Las entonaciones de Zagarus jugando siempre con la locura, emitiendo gritos que hacen pensar en alguien al borde de la demencia, pero luego volver a cantar con firmeza y dureza, y sin perder de vista la melodía de la canción. El bajo sosteniendo el pulso rítmico de la banda con simpleza y melodía a la vez, tal como las primeras bandas de Heavy Metal. Todo aquí suena muy familiar, pero, a la vez, suena auténtico. Mientras muchas bandas se hunden en su obsesión por sonar retro, perdiendo de vista lo más importante de todo (las canciones), a Bretus les sale con mucha facilidad eso de sonar añejos, como si realmente fueran una banda de los 70's.
"...from the..." no es un disco de grandes canciones, pero sí es un disco que entretiene en todo momento, apoyándose en la homogeneidad y la magia para mantener atento al oyente. Así y todo, no dudo en elegir a "The Lizard" como lo mejor de la placa, pues Ghenes exhibe en dicha pieza lo mejor de su repertorio, que no es poco. Es que éste guitarrista, lejos del virtuosismo estéril, entiende a la perfección que lo simple puede ser bello y oscuro a la vez, y que no hace falta caer en lo rebuscado para sonar atractivo al oído.
Ahora sí, puedo confirmar que "The Shadow..." fue un disco de transición. Hoy puedo decir que Bretus sigue siendo una de las tantas buenas bandas italianas de Doom Metal, una de las que se pueden tildar como Emblemáticas dentro de dicha escena. En otras palabras, puedo decir, sin temor a equivocarme, que el tercer larga duración de Bretus es un buen disco.


INDY METAL VAULT (INDIANA) : http://www.indymetalvault.com/2017/06/19/album-review-bretus-from-the-twilight-zone/

Bretus’s third full-length album sees the Italian group adhering to their established meat and potatoes approach to traditional doom metal. The guitar takes center stage with a riff style and tone reminiscent of The Gates of Slumber and Place of Skulls while the rhythm section provides a basic but sturdy foundation. In addition, the pulp horror theatrics are aided by a flamboyant vocal performance that is a dead ringer for Reverend Bizarre. These elements were in full force on Bretus albums past but …From the Twilight Zone may be their strongest usage of them thus far.

This album’s biggest source of strength in comparison to previous efforts is its polished production job. While Bretus has always been a melodic doom band making its best assets known, there’s a lot more clarity on here that makes the riffs even punchier and gives the bass a more melodic backbone. The vocals also sound a lot more confident than before, reinforcing the idea that the improvements are based on more than a mere superficial makeover.
It also helps that the songwriting has a lot of variety to it. The riffs and vocal lines aren’t always the most attention grabbing but each song finds a way to stand out. “Terror Behind the Mirror” is the strongest track thanks to its acoustic opening transitioning to its bombastic riff set in an appropriately sinister fashion though the borderline balladry on “Danza Macabra” makes it another highlight. Also, a Tony Danza-themed doom band called Danza Macabra seriously needs to be a thing…

Bretus may not be at the heights of the doom metal pantheon just yet but the improvements on …From the Twilight Zone suggest that they may well be on their way there. Fans of the genre are sure to find this to be a pleasant listen that highlights everything there is to love about old school doom. And in a scene that is stereotyped for its emulation of Black Sabbath and Electric Wizard, I’ll be more than happy to try out a Pentagram rip-off any day!










REVIEWS FOR "THE SHADOW OVER INNSMOUTH" FULL LENGHT






- METAL MANIAC MAGAZINE

Bretus = Doom!
E la recensione potrebbe anche finire qui;
dopo il buon "In Onirica" del 2012, la band di Catanzaro decide che è il caso
di fornire di connotati adatti la musica che riempie il CD in questione ed
allora ecco che H.P. Lovecraft e uno dei suoi incubi,
cosa peraltro già sperimentata nel primo mini del 2009,
diventa il fulcro importante di questo incubo doom,
direi che è una scelta più che azzeccata,
cosa c'è di più terrificante delle visioni dello scrittore di Prividence?
Forse solo Poe, e questo potrebbe essere un suggerimento per il prossimo album dei Bretus,
ma adesso la realtà è "The Shadow Over Innsmouth", fangoso esempio di come si possa oscurare il sole con pezzi
neri come la pece, a cominciare da "The Curse Of Innsmouth", più vicina allo stoner,
per passare da "The Oath Of Dagon", dove gli incubi rallentati cominciano a prendere forma,
fino alla conclusiva "A Final Journey", chiosa terrificante di un album che riesce a convertire
la musica in immagini spettrali, soprattutto grazie alle tetre e malsane vocals di Zagarus,
sorta di macabro nocchiero con le sembianze di un' incrocio tra Bobby Liebling (Pentagram) e Scott Reagers (Saint Vitus),
ben coadiuvato dagli altri spettri, pardon, compagni di viaggio nelle tenebre,
i seminali Ghenes (Chitarra), Azog (Basso), Striges (Batteria) che scavano nel nostro animo,
insinuandovi paure che neanche riusciremmo ad immaginare.
I Bretus sono un'entità maligna, ma superiore e forse, come i racconti di Lovecraft, inarrivabli!
9/10


- ROCK HARD (Febbraio-Marzo 2015):

Nell'arco di quindici anni di carriera i Bretus non si sono certo distinti
in virtù di una produzione discografica particolarmente prolifica,
fattore che tuttavia non ha impedito alla band di attirare a sè positivi consensi in termini
di critica e riconoscimenti anche a livello internazionale.
The Shadow Over Innsmouth, tributo al genio letterario di H.P. Lovecraft,
incarna la quintessenza del più cupo e sulfureo doom metal, enfatizzato anche attraverso una registrazione
volutamente dimessa e di basso profilo.
La vena oscura della band ne esce tuttavia rafforzata, al punto che si ha quasi
la sensazione di trovarsi al cospetto di una produzione d'altri tempi.
Le atmosfere decadenti tratteggiate dal grupo risultano fumose ed avvolgenti,
il suono ovattato ed essenziale, l'incedere grave e funereo.
Tra echi sabbathiani e lamenti lugubri che riportano alla memoria il buon Danzig dell'era
Samhain, l'album in questione estende le sue spire perverse senza lasciare scampo, è
una solenne processione notturna quella evocata dal gruppo, capace di generare pathos drammatico
di grande spessore emotivo.
7/10


-YMBDAD BLOGSPOT: http://ymbdad.blogspot.it/2015/03/bretus-shadow-over-innsmouth-album.html


I've been sitting on this potboiler for about three months now, keeping mum about it and it's been killing me. I wanted to hold off on talking about this album until there was a solid timetable for its release. Well, I still haven't seen an exact date for its release from Blood Rock Records, but the band said March, so that's close enough.

Bretus's new album is riffier and probably better than its predecessor, 'In Onirica' which I happened to like a great deal (two years ago this month I posted the review at this location). While the new album has lost some the prog appeal of the last one, it aligns more closely with throwback metal bands like Devil or Demon Eye, whose albums made the top three in my best of lists for 2013 and 2014 respectively, so you know I'm biased towards this kind of sound to begin with. But why wouldn't I be? This is exactly what I'm looking for: it's heavy, riffy, sounds like the kinds of albums I'd heard in my uncle's basement suite in the mid-80's and isn't alienatingly overproduced.

The first bit of info about the album I'll arm you with is that it's a concept album. As your inner Sherlock Holmes can surmise 'The Shadow Over Innsmouth' is about the seminal H.P. Lovecraft tale of the same name. The story is broken down here, quite well actually, with each song title breaking down the story in chronological order. Interestingly, I was in the middle of reading this story when the album was sent to me. Still am in fact because as a pure piece of writing, it's not one of Lovecraft's best. But the story resonates. It's about "otherness" and true alien-ness, and perhaps in a bout of self-awareness, Lovecraft turned the tables on himself, to see his xenophobia through the other side of the lens. Or maybe he was just trying to shock. None if which is here nor there really.

'The Shadow Over Innsmouth' is full with riffs the way a mother shark is full with shark babies. The crispest example is third track "Captain Obed Marsh". I put it on a podcast weeks ago and I still haven't gotten over this song. The whole first half of the album is a gallery of riffs, the Italian band puts on a clinic here.

On the second half of the album, the mood darkens considerably, starting with "The Oath of Dagon" as narrator Robert Olmstead runs into increasing danger. The atmosphere grows darker and increasingly frantic and claustrophobic. The listener loses some of "easy-listening" nature of those bright, memorable side one riffs on side two, but by then you're already knee deep in the story of the album and pulled along compulsively. That said, the darker side isn't without its thrills. "The Horrible Hunt" stands alone, musically with its cycle of almost black metal riffing, near thrash tempo and doom metal bridge. It's a tour de force.

If the idea of adapting Lovecraft's famous tale appeals to you, you should check out the 2001 film Dagon from director Stuart Gordon (the best interpreter of Lovecraft's stories). It's a loose adaptation of "The Shadow Over Innsmouth" that plays a bit like Night of the Living Dead with horribly deformed fish people in the place of zombies. I recommend it as highly as I do this album.

It was incredibly difficult not to put this album in my top 2014 list, but I wanted to play by the rules, this album being destined for a 2015 release, it didn't belong on a 2014 list. But I can tell you right now, that this album is best of 2015 list bound. Three months after first hearing it, I haven't stopped listening to it and I'm sure that this album will take its place among the two albums mentioned above along with Magister Templi's 'Lucifer Leviathan Logos' as timeless metal albums that will never grow old.

4,5/5


AVE NOCTUM: http://www.avenoctum.com/2016/01/bretus-the-shadow-over-innsmouth-blood-rock-records/


Let me take you on a little journey back in time, back to when I imagine the members of Italian doomsters Bretus were not even twinkles in the eyes of their parents. The year is 1982, and yours truly is a youngster at secondary school, confounding would be bullies by being both a bookish Sci-fi fan as well as being a big old rugby playing lump. Chess had given way to such bizarre tabletop activities as Dungeons and Dragons, Rune Quest, and inevitably Call of Cthulhu. To try and get some of the atmosphere of the background of that game, for 50p at my local second hand book shop I purchased my first ever HP Lovecraft paperback, ‘The Shadow Over Innsmouth and Other Stories of Horror’, the Scholastic Book Services version printed in 1971 to be precise, a book that started my continuing love affair with all things Cthuloid, and the very book which is next to me on the desk as I type this review. Let us just say, by producing a concept album based on the very story that started me down this path, Bretus have found in me a very eager listener.

The ‘Intro’ does well to evoke the rain sodden and broken down atmosphere of the town of Innsmouth, a fictional American coastal settlement that is as much a character in the story as any of the protagonists, its dilapidation being established lyrically in ‘The Curse of Innsmouth’ by band vocalist Zagarus sounding to all the world like a young Scott Reagers, his occasionally drawn out howls mating perfectly with the chugging mid paced doom number. Over the sound of crashing waves the song segues into ‘Captain Obed Marsh’, a harder and heavier thudding track that opens in a manner that is more than a little reminiscent of one of Motorhead’s slower songs with a riff designed to have heads banging before the pace slows and the fuzz rolls in like a fog from the sea. After an unsettling and slightly discordant opening ‘Zadok Allen’ builds up a slow inexorable head of steam, a track that sounds like a Saint Vitus track where the normal lyrics of drugs and depression have been replaced by a tale of supernatural aquatic beasts, whilst the following number ‘The Oath of Dagon’ has far more pomp and bombast about it, the near eight minute length delivering a Candlemass like performance.

‘Gilman House’ continues the narrative of the source story, nether-worldly effects mixing with the pounding rhythms, the pace building to match the panic felt by the central character trapped in a town with no likelihood of rescue, building to the NWOBHM musical sprint of ‘The Horrible Hunt’, the more frantic pace of first half of the song matching the fevered escape attempt of the central character, the music slowing down in pace like the faltering steps of the pursued before finding a second wind and charging forth once more, the changes in tempo matching the confusion and desperation of the would be escapee. The album, and indeed the story closes with ‘A Final Journey’, a dark and brooding number punctuated by strange howling effects, the musical transformation illustrating the final descent of the central character as he descends into the bestial form of his ancestors.

Whilst many bands play tracks dedicated to and influenced by the works of Lovecraft, Arkham Witch and Lavagoat being the first two of so many that spring to mind, in this the ‘The Shadow Over Innsmouth’, it is the first time I’ve come across an entire album that dares to tell one of of that esteemed horror author’s seminal tales from start to finish. That Bretus has matched their music to the themes of ominous threat, through to terrified pursuit, and into an inevitable descent into madness is only to be applauded. This is an album that deserves to be played in full to appreciate the scope of the tale, and with this reissue after the original 2014 release, you now have that opportunity.

(8/10 Spenny)


ARISTOCRAZIA: http://www.aristocraziawebzine.com/recensioni/7492-bretus-the-shadow-over-innsmouth


Con estremo piacere e ritardo, scrivo del secondo album dei Bretus intitolato "The Shadow Over Innsmouth". Non ci giro molto attorno, ho sempre apprezzato la proposta di Ghenes (in passato intervistato proprio dal sottoscritto), Zagarus e compagni, del resto l'indubbio potenziale in dote al progetto era già ampiamente venuto a galla con il mini eponimo, sgorgando poi definitivamente nelle canzoni pubblicate sull'ottimo "In Onirica". Quest'ultimo parto discografico ha confermato lo stato di forma invidiabile dei Catanzaresi.

«Consapevolezza» è la parola che domina la scena dal primo all'ultimo minuto: consapevolezza dei mezzi a propria disposizione e dello scenario orrifico-onirico che si è deciso di forgiare. I musicisti in questione sono consci di essere ormai calati in un mondo che li ha assorbiti integralmente, rendendoli una creatura priva di compromissioni e in grado di allestire un omaggio all'illustre maestro di Providence, Howard Phillips Lovecraft, nel migliore dei modi possibili.

Quasi cinquanta minuti di doom-stoner primordiale e cupo ci guidano attraverso un sentiero angoscioso quanto lenitivo, una «twilight zone» in cui ovviamente la naturale prospettiva delle cose viene continuamente messa in discussione da una realtà che diventa incubo, o più semplicemente da un incubo che è di per sé realtà. La musica minaccia e graffia aggressivamente in episodi come "Captain Obed Marsh", "Zadok Allen" e "The Horrible Hunt", mentre innalza una costante e imponente barriera emotiva che ingabbia l'ascoltatore durante tracce quali "The Oath Of Dagon" e la conclusiva "A Final Journey".

Eviterò di dilungarmi ulteriormente, "The Shadow Over Innsmouth" ha quasi un anno di vita e sono sicuro che in tantissimi abbiano già avuto modo di apprezzarlo. Nel caso in cui però vi fosse sfuggito o il nome dei Bretus non fosse ancora tra quelli a voi noti, vi suggerisco di entrarne in possesso. Per quanto riguarda il panorama delle produzione italiane, e probabilmente non solo, questo album rientra fra i migliori lavori di quello che è stato un buonissimo 2015.





THE SLUDGELORD: http://thesludgelord.blogspot.com/2015/04/bretus-shadow-over-innsmouth-album.html

I'm a huge fan of Italian Doom/Stoner Metal misfits – Bretus. I've reviewed a couple of their past releases so I already know what to expect from their 2nd album – The Shadow Over Innsmouth - with their blend of Doom/Stoner Metal with dark and creepy Occult Rock overtones.

This album is a very different beast compared to their past releases as this one is heavier with more emphasis on mood and atmospherics that 70s/80s Old School Doom Metal fans will appreciate the most. The Curse Of Innsmouth is a loud as hell song that sees Bretus pay homage to their musical heroes whilst still keeping the mood very modern. Zagarus is the demented storyteller spinning tales of things that go bump in the night. The music has quite an experimental feel where the atmosphere goes through many different stages of Doom/Stoner Metal as Bretus change the riffs from one moment to the next.

If you're a fan of Saint Vitus, Black Sabbath and Deep Purple you will be in your element here as Bretus love the 70s legendary sound where the ideas were as loud as the riffs. The Shadow Over Innsmouth already has it's fair share of admirers including my good friend Lucas who did a fantastic review on his blog. His review will tell you all you need to know as he's perfectly described what the album is all about.

One of my fave moments from the album is on 3rd track – Captain Obed Marsh – as it's another crazy psychedelic offering that shows you what Bretus can do that some bands can only dream for. I love how the band create different sounds and noises that shouldn't really work. I'm pretty sure I've heard influences such as Queen and even a few NWOBHM bands on this song. I maybe hearing things but you can't deny this isn't a fantastic song that's packed full of superb Doom/Hard Rock moments to listen to over and over again,

The album can be very dark and intense at times as Bretus thrive on their doom and gloom reputation. Though that's what makes Bretus such an exciting prospect in Doom/Stoner Metal world. They're willing to take risks with their music and blend different genres that shouldn't really work but they pull this off with style. What you end up with is an exciting and brave album that's packed with tons of scary moments and kick-ass riffs to to rock out to.

Do yourself a favour and buy this album now. It's seriously that good. Awesome stuff!!!



- ROCKAMBULA: http://www.rockambula.com/bretus-the-shadow-over-innsmouth/

Ho avuto il piacere e l’onore di seguire il percorso dei Bretus (una band di Catanzaro dedita allo Stoner/Doom) sin dagli albori. Il loro disco d’esordio, In Onirica, è riuscito a suscitarmi parecchio interesse, un lavoro pregno d’oscurità e qualità. Oggi mi ritrovo ad ascoltare The Shadow Over Innsmouth, il secondo album dell’affiatato quartetto. Come dicevo pocanzi ho avuto diverse occasioni di ascoltare l’operato della band, per questo non mi sono certo fermato solo al disco che li ha lanciati ma ho avuto l’opportunità di farmi un parere personale anche con l’ omonimo del 2010 e con lo split con i Black Capricorn. La band ha doti innate, la lezione dei Black Sabbath, dei Saint Vitus e dei Cathedral l’hanno appresa bene, perciò, non è un caso che i loro dischi siano di alto livello. Questo nuovo concept risulta essere una sorta di consacrazione per i Bretus, mostrando una spiccata personalità in un contesto underground dove risulta sempre più difficile mettersi in evidenza. Le otto tracce sono marcate da ottimi giri di chitarra e da un sensazionale basso. Ognuna di esse ha una propria atmosfera, un proprio punto di forza. Personalmente non saprei individuare il pezzo migliore perchè The Shadow Over Innsmouth riesce a farsi ascoltare in un solo colpo. Sembra di seguire un percorso dell’animo in cui è lo stesso disco a dettare i tempi di rabbia e di quiete. Non c’è che dire, questo è sicuramente un altro colpo messo a segno per la Bloodrock Records che, puntualmente, sa individuare e proporre gruppi di alto calibro. Di questo passo la band potrà solo ottenere buoni risultati; sono capaci, volenterosi ma soprattutto amano questo genere e The Shadow Over Innsmouth ne è la dimostrazione.






- LUPUSUNLEASHED (POLAND): http://lupusunleashed.blogspot.it/2015/01/bretus-shadow-over-innsmouth-2015.html

 Howard Phillip Lovecraft wciąż inspiruje muzyków na całym świecie. Grupa Bretus pochodzi z Włoch i na początku roku 2015 postanowiła wydać swój drugi album studyjny oparty na opowiadaniu mistrza makabry i grozy, twórcy Pradawnego Cthulhu, "Cień nad Innsmouth". Doom metal, który panowie preferują do Lovecrafta pasuje zaś znakomicie.

Zamiłowanie do Howarda Philipa Lovecrafta wylewa się już z bardzo dobrej, utrzymanej w ciemnych barwach okładki. Latarnia morska, tajemnicze istoty o wyglądzie humanoidalnych ryb oraz oczywiście Przedwiczny, omackowany stwór będący władcą czasu i przestrzeni. Jak głosi wkładka do albumu, materiał jest nawet dedykowany Mistrzowi Grozy. Jest to bowiem luźny koncept oparty na opowiadaniu "Cień nad Innsmouth". A jak wypada ten album muzycznie? Przede wszystkim surowo, ale i bardzo intrygująco.

Płytę otwiera złowrogie "Intro" skomponowane przez basistę grupy Azoga. Dźwięki ogniska na brzegu morza, rytualne tańce i gitarowy riff. Po czym następuje przejście do "The Curse Of Innsmouth". Ostry, ale melodyjny riff oraz wolna perkusja. Całość brzmi surowo, bardzo w stylu zespołów z lat 70 i to nawet nie tych najbardziej znanych, ale tych z doomowego undergroundu, spośród których najbardziej kojarzonymi będą Trouble czy Pentagram. To granie właśnie w takiej stylistyce. Włosi ją czują i wychodzi im to znakomicie. Równie udany jest numer drugi (właściwie to trzeci) "Captain Obed Marsh". Ten zaczyna się od odgłosów fal i okrzyków marynarzy, a po chwili wchodzi świetny, mocny riff. Gdyby ten utwór powstał w tamtych czasach, dziś byłby jednym z najważniejszych dla gatunku. Z racji tego, że powstał współcześnie doomowe tempo łączy się tuaj z iście przebojowym wczesnym heavy metalem tworząc bardzo interesującą mieszankę, która wpada w ucho i zostaje w głowie na długo po zakończeniu płyty. Po nim pojawia się "Zadok Allen" w którym na początku próbuje uśpić się naszą czujność, by po chwili znów uderzyć melodyjnym riffem wyrwanym z klasyków. Rozwija się powoli, niepokojąco i mrocznie, a gdy już się rozwinie znów jest bardzo przebojowo i niezwykle przyjemnie.


Jako piąty na płycie pojawia się singlowy "The Oath of Dagon". Ten wstrętny rybokształtny stwór z głębin na pewno będzie znany nie tylko fanom prozy Lovecrafta, ale także naszego rodzimego Andrzeja Sapkowskiego i jego sagi o Wiedźminie, Geralcie, Białym Wilku z Rivii. Lekkie, akustyczne, ale odpowiednio mroczne intro ponownie mające nieco zmylić czujność, jakieś stukanie w tle i chwilę później znów się całość rozkręca. Ciężkie, doomowe tempo, wraz z którym łapiemy się na kiwaniu głową w rytm. Słyszało się podobnych numerów mnóstwo, ale i tak brzmi to bardzo dobrze. To także jeden z najspokojniejszych utworów, choć bynajmniej nie pozbawionego mrocznego, niepokojącego klimatu grozy, który Włosi kapitalnie oddali. Ta muzyka wręcz ocieka śluzem i gęstą śliną rybiej poczwary, jak i samego Cthulhu czającego się gdzieś nieopodal. Pomiędzy wszystkim dalekie echa Black Sabbath z tamtych lat. W następnym składamy wizytę w "Gilman House" w którym wracamy do cięższych, bardziej surowych brzmień. Najpierw powolny i melodyjny, rozwijający się wstęp, a następnie przyspieszenie. Znakomicie wypada w tym numerze część instrumentalna, która zawiera w sobie cały strach i niepokój z opowiadań Mistrza. Zaraz po niej pojawia się "The Horrible Hunt", który otwiera melodyjny, ale pełen grozy wstęp, po czym następuje kolejne świetne przebojowe przyspieszenie. Jako ostatni pojawia się "The Final Journey", w którym cięższy, melodyjny i zarazem surowy klimat miesza się z wolniejszymi, huśtającymi tempami. Znakomite zakończenie, po którym ręka wędruje po pilota i wciska "play" jeszcze raz.

Bretus oddał hołd Lovecraftowi w sposób znakomity, przebojowy i świeży, a zarazem surowy i mocno nawiązujący do tradycji doom metalu i wczesnego heavy metalu. Nie jest to też album odkrywczy, ale zdecydowanie wart uwagi nie tylko przez wielbicieli Lovecrafta czy klasycznego doom metalu. Czuć tutaj siłę i dużą energię, radość z grania oraz całą masę emocji, które towarzyszą podczas lektury prozy Mistrza z Providence - od strachu, przez niepokój, aż po całkowitą panikę. To także jeden z najbardziej obiecujących albumów tego roku, może niekonieczne należący do tych pięknych, ale zdecydowanie z dużą ilością ognia. Jeśli jeszcze nie zetknęliście się z Włochami z Bretus najnowszy album jest świetnym startem w ich twórczość. Polecam! Ocena: 8/10



- IYEZINE: http://www.iyezine.com/bretus-shadow-innsmouth

Nuovo disco della band doom catanzarese Bretus, una delle migliori in Italia e non solo.
Alla fine, è successo ciò che era nei nostri migliori incubi, ovvero che il lento e corrosivo suono dei Bretus incontrasse il più grande medium di incubi di tutti i tempi : H.P. Lovecraft.
La quinta fatica discografica dei Bretus, dopo l’epico split con i Black Capricorn (difficile immaginare uno split migliore), è incentrata su uno dei racconti del ciclo di Cthulhu.
Innsmouth e il suo porto sono una discesa verso gli inferi, anzi chi conosce Lovecraft sa che c’è qualcosa di ben peggiore dell’inferno.
I Bretus mettono superbamente in musica tutta l’angoscia dello scrittore ed effettivamente il doom metal è forse la musica più indicata per musicare l’angoscia lovecraftiana: la sua lentezza, la sua profondità, lo scavare incessante ma senza fretta, il lasciare grande spazio all’immaginazione dell’ascoltatore sono tutte caratteristiche che questo genere musicale condivide con l’uomo di Providence.
I Bretus portano avanti dal 2000 l’incubo in musica, ispirandosi ad un immaginario ben definito e ben presto si conquistano la loro fama nella scena tanto da essere invitati al Malta Doom Fest e più recentemente al Doom Over Vienna IX. Il festival maltese è uno dei migliori festival doom del globo anche perché a Malta c’è un’ottima scena, forse eredità dei Templari ?
Nel 2012 pubblicano “In Onirica” che è appunto un disco maggiormente sognante e con un suono più etereo rispetto a questo; in  The Shadow Over Innsmouth il velo dell’incubo notturno è un dolce ricordo, poiché l’incubo diventa realtà, anche se in Lovecraft c’è sempre il dubbio di cosa sia davvero reale o no, lasciandoci con una domanda : è la nostra vita in fondo ad essere un incubo, o gli incubi sono la vita ?
Il suono di questo disco è fangoso e non lascia speranza, accompagnandoci per mano verde e lasciva nell’antico porto di Innsmouth.
Forse è l’opera migliore dei Bretus fino a questo momento, anche se essendo una band dalle infinite potenzialità ci aspettiamo sempre qualcosa di grandioso.
Recentemente ho letto che alcuni studiosi, cosiddetti eretici, affermano che le opere di Lovecraft non siano affatto di fantasia, ma che descrivano, in maniera romanzata qualcosa che esiste davvero, siano essi annunaki o antichi dei di qualche pianeta lontano.
A voi la scelta.


- LORDS OF METAL: http://www.lordsofmetal.nl/en/reviews/view/id/30837

 This second album by Italy’s Bretus is based on the writings of H.P. Lovecraft. When you are familiar with Lovecraft the album title already gave that away. There are plenty of bands in the various subgenres of metal that are inspired by Lovecraft. Bretus is a doom metal band from the category that is influenced by Black Sabbath, Pentagram, Saint Vitus, Trouble and the likes. When I’m completely honest I have to say Bretus is no highflyer. I’d rather say they are solid. I suppose you can compare them to their countrymen of Doomraiser in that regard. So a proper band with the right attitude and commitment. Fans of this style of doom metal should give them a shot.


- METALWAVE: http://www.metalwave.it/recensione.php?id=6504

I Bretus, veterani calabresi forgiatori dell’arte del Doom Metal ci rimpinguano gli animi con la loro seconda realizzazione dal titolo “The Shadow Over Innsmouth” nella quale si imbattono, ben riuscendoci, nel mondo mistico di H.P. Lovecraft reinterpretando il racconto intitolato “La maschera di Innsmouth”. Questa volta il clima è mistico, surreale, nebbioso, tanto quanto il misterioso patto fatto dagli anziani della tetra e umida cittadina portuale di Innsmouth nel Massachusetts con le creature demoniache provenienti dal mare. Dal platter proposto trasuda l’angoscioso stato psicologico dell’autore immesso nella storia e che ora viene rievocato con un Doom, a tratti quasi stoner, lento e profondo in grado di entrare nell’inconscio e nel mondo immaginario dell’ascoltatore; un elemento che spesso emerge dalle tracce è forse dato dalla presenza di svariate pause che finiscono per rendere l’album a tratti monotono nonostante l’inserimento di brevi lead o elementi allucinogeno - psichedelici che però riescono a risolvere parzialmente il problema. In ogni caso il sound, nella sua omogeneità, rimane incisivo sino ad un certo punto mentre il cantato appare pienamente confacente al clima generato che è al limite dell’irrealtà tanto da ricordarci a tratti un po’ sia Ozzy Osbourne che Lee Dorian. Dopo un intro, primo dei brani è “The Shadow over Innsmouth” che apre subito in maniera intrigante con un doom eseguito perfettamente con tratti un po’ in chiave blues dove il cantato un po’ vibrante si contraddistingue immediatamente mettendo in chiaro questa sua particolarità. E’ poi la volta di “Captain Obed Marsh” dall’andatura molto lenta che ci ricorda parecchio i primi Black Sabbath ; “Zadok Allen” invece dall’inizio acustico molto lento e nebbioso apre poi ad un riff che ci ricorda molto i BLS in “1919 Eternal” e che viene ripetuto spesso come intermezzo nell’intero brano; “The Oath of Dagon” con altro intro in acustico che poi prende bene il via grazie anche al sound sempre ben pregno e carico di doom. Ottima è la performance offertaci da “ Gilman House” con un dark’n’doom a palate servito da un riff cupo che a poco a poco si accende e offre un buon risultato; con la vivace “The Horrible Hunt” i Bretus ci dimostrano una buona e facoltosa attitudine anche alla ritmica più veloce rispetto ai precedenti brani; il lavoro si conclude con “Final Journey” brano cupo il cui andamento ci riporta direttamente nel porto di Innsmouth tra gli odori di alghe marce e un clima umido e nebbioso quasi horror. Il lavoro, nella sua struttura compositiva e nel portamento in generale, rappresenta un discreto lavoro anche grazie all’ambientazione e all’ispirazione tratta da H.P. Lovecraft; un full lenght che consiglio ai fan di questo genere musicale.


- THE NEW NOISE: http://www.thenewnoise.it/bretus-shadow-innsmouth/

Innsmouth si trova in Massachussets e, guarda caso, è spesso citata nei racconti del maestro H.P. Lovecraft, compreso quello che dà il titolo al nuovo disco dei Bretus, una lettura obbligatoria (almeno ai miei tempi) per qualsiasi metallaro o aspirante tale. Lungo queste otto tracce si parla di Dagon, degli esseri antichi che vengono dal mare, dei loro figli ibridi e di tutte quelle cose viscide nascoste nell’ombra tra i vicoli dei porti del Massachussets, ripercorrendo luoghi e rincontrando i personaggi della narrazione. Il connubio pare quello ideale, perché in fondo naturale come il famoso cacio sui maccheroni: un sound oscuro, lento, ricco di distorsione e feedback, che con la sua corposità rimanda al legno e alle valvole, impossibile non ritenerlo perfetto per seguire le indagini dello studioso mentre interroga i vecchi nelle taverne del porto e svela pian piano i terribili segreti che si celano dietro le leggende locali. Così la musica dei Bretus brano dopo brano aumenta di tensione e si fa più minacciosa, quasi a mutare forma e dinamiche interne, pur nel suo restare fedele al linguaggio prescelto declinato in ogni modo, tirando in ballo dialetti differenti del doom-verso (in apertura di “The Horrible Hunt” sembra far la sua comparsa persino Danzig, che in fatto di immaginario horror è un maestro assoluto). Poco altro da aggiungere, che i Bretus ci sappiano fare lo abbiamo ribadito già in varie occasioni, che il loro approccio tradizionalista non manchi di mostrare personalità e buoni spunti altrettanto, per cui l’unico consiglio è quello di provare ad accompagnare l’ascolto con letture lovecraftiane e una sola luce fioca, per non infastidire troppo lo strisciare delle ombre negli angoli della stanza. Serve aggiungere altro?

- PHANTASMAGORIA (GREECE): http://phantasmagoriagr.blogspot.gr/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth.htm

Οι μπαρουτοκαπνισμένοι Bretus σχηματίστηκαν το 2000 στην Καλαβρία της Ιταλίας κι έκτοτε δεν έχουν σταματήσει να προκαλούν θόρυβο γύρω από το όνομα τους, πότε με τις εμφανίσεις τους και πότε με τις διάφορες κυκλοφορίες τους, η έσχατη χρονικά εκ των οποίων, πρόκειται να κυκλοφορήσει στις αρχές του ερχόμενου έτους υπό τον τίτλο The Shadow Over Innsmouth.

Το εν λόγω άλμπουμ, όπως άλλωστε μαρτυρά κι ο τίτλος του, είναι εμπνευσμένο από έργα δημιουργών όπως ο H.P. Lovecraft, ενώ η horror αισθητική των Bretus δεν περιορίζεται στους στίχους τους, καθώς τα 8 κομμάτια συνολικής διάρκειας 47 λεπτών του μυστικιστικά όμορφου   The Shadow Over Innsmouth, διακρίνονται για την ηχητικά μυστηριώδη κι occult αύρα τους.

Η στεντόρεια φωνή πλαισιώνει υπέροχα τα μουσικά όργανα των Bretus και χαρίζει ένα εξόχως γοητευτικό epic αίσθημα στη νέα δουλειά τους, που οφείλει εν πολλοίς το proto metal άρωμα της, στην παλιομοδίτικη doom υπόσταση της κιθάρας της, η οποία ζωγραφίζει το χορταστικό The Shadow Over Innsmouth, με heavy και στιβαρά riffs και με ψυχεδελικά κι ατίθασα solos.

Τα δυναμικά ντραμς προσφέρουν άπλετο groove στο έξοχο The Shadow Over Innsmouth κι εντείνουν την υφέρπουσα 80's metal σπιρτάδα των συνθέσεων του, η οποία θαρρώ ότι αποκτά κάποια αχνά μεν, άκρως απολαυστικά δε, nwobhm χαρακτηριστικά χάρη στο μεστό κι ανέμελο μπάσο των Bretus, το οποίο συμβάλει σημαντικά στην μουσική ποικιλία των μελωδιών τους.

Ο στιβαρός ήχος τούτης της μπάντας οφείλει πολλά στην καθαρή και δυνατή παραγωγή, που αναδεικνύει υπέροχα το heavy τσαγανό της, ενώ τα stoner ψήγματα των Bretus, αποτελούν την καλύτερη συντροφιά για τον βαφτισμένο στην 70's ψυχεδέλεια doom ήχο τους, καθιστώντας παράλληλα άκρως συναρπαστικό το περιπετειώδες The Shadow Over Innsmouth. Εξαίρετο.


- SON OF FLIES: http://christianmontagna.blogspot.it/2014/11/recensione-bretus-shadow-over-innsmouth.html

Roboanti e oscuri come il genere comanda, i calabresi BRETUS continuano la loro scalata nell'underground nostrano e internazionale. Avevo parlato bene della band già ai tempi del debutto "In Onirica" e oggi che il nuovo lavoro in studio ("The Shadow Over Innsmouth") si insinua sotto la mia pelle posso riconfermare le impressioni positive che riservo per questi ragazzi del Sud Italia. Quello dei Bretus è un Doom/Stoner macchiato da innumerevoli sfumature Psychedelic, utilizzate per iniettare all'interno dei brani un dramma che non frena la sua turbolenta vibrazione. Non ci sono false pretese nel sound dei nostri, proprio perché tutto si erge con quella schiettezza di fondo che fa rivivere l'anima dannata dei maestri (passano per la mente Black Sabbath, Pentagram, Cathedral, Saint Vitus). Forti della propria conoscenza in materia, i quattro musicisti della band emettono una incontenibile potenza evocativa e tanta grinta; quest'ultima attivata con grande sapienza. "The Shadow Over Innsmouth" (pubblicato da BloodRock Rec.) possiede la robustezza e la forma di un vecchio binario ferroviario arrugginito, ma perfettamente funzionante e insostituibile. Mezzo importante per trascinarvi in dei luoghi sinistri privi di tempo
e memoria. A differenza del primo album, i Bretus puntano maggiormente sulle atmosfere, infatti, ascoltando "The Oath Of Dagon", "Gilman House" o la conclusiva "A Final Journey", si capisce come i 4 amino immergersi in acque oniriche / curative. Tutti molto bravi, ma un punto in più lo voglio regalare al cantante Zagarus, perché sfodera una prova di tutto rispetto che irrobustisce la potenza sonora del gruppo. Fate attenzione: Ignorarli sarebbe un grosso errore! Il disco sarà disponibile a inizi del 2015 (Gennaio/Febbraio).



- BACK IN BLACK: http://thebackinblack.gqitalia.it/2015/02/03/bretus-%E2%80%93-the-shadow-over-innsmouth/

Tornano i Bretus, band calabrese, che riesce a ripercorrere la strada gettata dai padri putativi Black Sabbath, affondandola sempre di più nella melma del doom, di un suono tra lo sludge e il rock anni ’70.
Imparando al meglio la lezione dai grandi del passato, i nostri sono capaci di condurre attraverso la palude della propria visione del genere, con grande intelligenza e attitudine, lasciando invischiato l’ascoltatore nel loro personalissimo inferno sonoro.
In questo lavoro si superano, creando un concept su Lovecraft e pescando dall’immaginario prolifico e senza limiti del solitario di Providence.
Ed ecco che ogni brano cattura attimi e personaggi del racconto (tradotto in italiano come) La maschera di Innsmouth, di questa cittadina del Massachussets, dove si muovono le nefande schiere di ibridi uomini-pesce dediti al culto creato dal capitano Obed Marsh e ai suoi patti scellerati.
Colonna sonora che si tinge di racconto musicale quella offerta dai Bretus, che riescono perfettamente a riportare l’ancestrale visione di un territorio sconosciuto agli  uomini e abitato dal buio dei Grandi Antichi e della loro infestante presenza.
Ogni passaggio e “capitolo” viene scandito magistralmente, in un disco che saprà conquistarvi e portarvi al di là delle stelle conosciute, verso il grande incubo che in ogni modo avete cercato di dimenticare… piccoli umani.


- HEAVY METAL HEAVEN: http://heavenofheavymetal.blogspot.it/2015/02/bretus-the-shadow-over-innsmouth-2015.html


Pur essendo molto d’aiuto, l’originalità non è un fattore determinante per scrivere della buona musica: possono esistere infatti anche gruppi che pur rimanendo all’interno di certi stereotipi, riescono comunque ad intrattenere molto bene. Esempio di ciò è il caso che analizziamo oggi, quello di The Shadow Over Innsmouth, secondo studio album dei catanzaresi Bretus: lo stile impostato dalla band è difatti un doom metal di vaga tendenza stoner piuttosto canonico, che si rifà molto al sound di Witchfinder General, Saint Vitus, Reverend Bizarre e soprattutto Pentagram, i quali sono richiamati alla lontana anche dalla voce sguaiatissima e roca del cantante Zagarus, ma a dispetto di ciò il risultato non è niente male. Merito di ciò è anche del concept che (non) si nasconde dietro all’album, ispirato ovviamente all’omonimo romanzo di Howard Philip Lovecraft, che è reso piuttosto bene attraverso toni spesso lugubri e che fanno sforare più di una volta il disco nell’horror metal. Dall’altro lato, l’album non è esente da difetti: il principale è un songwriting oscillante tra picchi di assoluta eccellenza e frangenti invece meno appetibili, con in particolare qualche canzone che risulta generica e poco efficace. La stessa cosa vale più o meno anche per la produzione: a tratti infatti il sound generale del disco incide a meraviglia, ma in altri momenti sembra un po’ troppo leggero, secco e poco graffiante, un particolare che in futuro dovrà essere rivisto, anche se ad ogni modo non danneggia più di tanto il disco.

Il preludio di rito, intitolato semplicemente Intro, è costituito inizialmente da suoni ambientali e di esplosioni, prima che il distorto basso di Azog cominci a scandire una melodia lieve ma piuttosto oscura. Quando anch’esso si spegne la opener vera e propria, The Curse of Innsmouth, entra in scena piuttosto placida e dal riffage vagamente stoner doom, che accompagna  tutta la traccia pur con diverse variazioni: ecco quindi che la parte strumentale si alterna con strofe piuttosto semplici ed anche meno heavy del resto (a volte forse pure troppo) e poi con ritornelli che invece incidono bene, essendo minacciosi e striscianti; il tutto è intervallato inoltre da aperture a tratti d’attesa (come quella che vede la sola batteria di Striges sotto a qualche effetto), in altri momenti più pesanti ed oscuri, come la bella frazione che trova spazio al centro, lenta e lugubre. Ottima anche la buia coda finale, il momento più orrorifico di una canzone che tutto sommato si lascia ascoltare piacevolmente. Un'altra introduzione di suoni e di effetti, poi Captain Obed Marsh parte subito col suo riff principale, movimentato e che riesce ad incidere a meraviglia, sia in solitaria che quando regge le strofe, valorizzate anche dalla voce bassa e all’altezza della situazione di Zagarus. Meno validi sono i ritornelli, in cui oltre allo stesso cantante, che tende un po’ a strafare, abbiamo un rallentamento che spezza la dinamicità del resto, nonostante l’atmosfera blasfema presente compensi questa perdita almeno in parte. Poco male, in ogni caso, perché il resto della traccia è invece ben composto: prova di ciò è anche la sezione centrale, inizialmente più armoniosa e d’atmosfera del resto, poi più movimentata e possente, con ritmiche su cui si posa anche un bell’assolo obliquo della chitarra di Ghenes, prima che la norma principale torni a fare il proprio corso fino a concludere un episodio che seppur con qualche difetto risulta piuttosto godibile. Un lungo preludio che vive del dualismo tra un arpeggio di chitarra pulita e lievi lead, poi Zadok Allen si avvia lenta ed inesorabile, con ritmiche cadenzate ed arcigne, che proseguono a lungo coinvolgendo bene ed aprendosi in senso melodico solo per quelli che sono considerabili come i chorus, i quali comunque suppliscono con una velocità ed un energia più sostenute. Il ritmo già piuttosto basso si fa inoltre anche più lento nella parte centrale, puramente doom anche se le melodie delle chitarre soliste comunque rendono il clima meno denso ed oscuro, e più aperto, una parte tutta strumentale tutto sommato di qualità, prima del ritorno in scena della norma precedente; l’unione di tutto ciò è un altro pezzo non esaltante  ma comunque di buona fattura. Un’altra lunga sezione retta da chitarre pulite, più ricercate e dolci che in precedenza, è l’introduzione a The Oath of Dagon, song che presenta un riff particolare, obliquo e molto melodico, quasi intimista, calmo e malinconico nel mood che riesce ad evocare. Quando però entrano in gioco le strofe, il tutto cambia: se esse sono soffuse, infatti, il cantante Zagarus riesce comunque a renderle piuttosto sinistre, sensazione che cresce sempre più fino all’arrivo dei ritornelli, intensi ed a metà tra l’infelicità precedente ed un feeling blasfemo e terribile, che li rende assolutamente coinvolgenti. Ottima anche la seconda metà del pezzo, nuovamente oscuro e che a tratti beneficia anche di possenti e cadenzati cori, che le danno ancor più forza nera del resto; degno di nota anche il tratto che segue tale frazione, che invece recupera per qualche istante una tranquillità placida ma in qualche modo anche funesta per poi riprendere la corsa con una parte ancor più strana, dissonante e che vede anche la presenza di bizzarri synth, degna conclusione del brano migliore del disco.

E’ il turno ora di Gilman House, la quale va subito al punto con il suo riffage possente, aspro ed arzigogolato, che la accompagna praticamente tutta, pur con lievi variazioni, e risulta sempre decisamente efficace, anche nella propria peculiarità; fanno eccezione a questa norma solo i refrain, più diretti e semplici, ma che comunque inizialmente sfoggiano anch’essi un’energia ammirevole, per poi confluire in brevi frazioni più d’atmosfera ed in cui appaiono a volte anche eterei effetti di tastiere. La seconda parte del pezzo è invece meno cupo e più rapido, presentando anche un lievissimo retrogusto heavy metal classico e dividendosi tra una prima parte relativamente più tranquilla e solare e la seguente fuga preoccupata su velocità alte (almeno relativamente al genere del gruppo), corredate da ritmiche circolari che incidono più che ottimamente coi loro diversi cambiamenti, denotando una scrittura di qualità che nel complesso fa risaltare questo brano come il più bello del disco insieme al precedente. Un nuovo intro estremamente delicato e melodico, che fa pensare ad un'altra composizione pesante ma lentae monolitica, viene presto spazzato via da The Horrible Hunt, up tempo con influenze heavy e vagamente anche punk, a causa del rifferama movimentato che nelle strofe si divide tra momenti di puro impatto macinante ed aperture dissonanti.  Quelli che sono considerabili come i refrain sono invece più tradizionali, con il loro riff sabbathiano dal retrogusto stoner che pur su alte velocità riescono a rendere bene ed a graffiare. La parte centrale è invece di trademark più classicamente Bretus, viste le lente ritmiche puramente doom e l’atmosfera decisamente orrorifica data dalla voce echeggiata di Zagarus e dal bislacco assolo di Ghenes, un bel momento di oscurità prima che la canzone torni a correre, concludendosi in bellezza; nel complesso, abbiamo un pezzo ben tagliente che si pone per qualità solo al di sotto dell’uno-due che la precede. Siamo agli sgoccioli ormai: è infatti il turno di A Final Journey, la traccia più cupa ed orrorifica dell’intero album, che si apre con un preludio pieno di echi, tranquillo ma cimiteriale, prima che il tutto deflagri al masimo della sua potenza, pur mantenendosi sempre su una velocità molto bassa. Da qui si avvia una progressione che alterna strofe ancora misurate e soffuse ma nere come la notte, dominate come sono da cupe armonizzazioni di chitarra, e chorus invece potenti e quasi evocativi nella loro estrema oscurità; il tutto può beneficiare inoltre di un Zagarus particolarmente teatrale, che da alla composizione una marcia in più. La traccia prosegue su questa falsariga per poi svoltare, verso metà, su qualcosa di più serrato, che si fa man mano sempre più convulso pur mantenendo una certa oscurità di fondo; toccato l’apice, la song torna alla propria norma precedente, contenuta ma intensamente lugubre. E’ questo però solo una falsa ripartenza, perché subito dopo giunge infatti un altro breve interludio tutto d’effetti, che rende l’episodio più inquietante ed  introduce la coda finale, in cui viene ripreso il riff principale, il quale torna poi a farsi sempre più serrato finché la canzone non esala l’ultimo respiro, sancendo in maniera più che buona il termine del disco (anche se la vera conclusione è rappresentata da un breve outro, costituito da suoni di risacca).

Grazie anche ad una seconda metà di ottima qualità, che tira su la media, alla fine dei conti The Shadow Over Innsmouth si rivela un buon album, che pur non impressionando risulta intrattenente al punto giusto. Certo, se siete fanatici della novità a tutti i costi e snobbate ogni cliché, questo non è proprio l’album per voi; se però vi accontentate anche di un album doom onesto, diretto e ben suonato, allora i Bretus sapranno sicuramente fare al caso vostro!.


- HARDSOUNDS: http://www.hardsounds.it/recensiones/10858

Lovecraft funziona sempre, è il serbatoio di idee per eccellenza dei musicisti metal. Tocca ai Bretus servirsene stavolta e il loro tributo al racconto "La maschera di Innsmouth" è da considerare tra i più riusciti, per quanto è riuscito a tradurre in musica le atmosfere melmose dello scritto lovecraftiano. La foschia attorno alla figura del capitano Obed Marsh, il vecchio Zadok Allen, la incredibile tensione della sinistra cittadina, la fuga, la consapevolezza dell'orrore... Non vogliamo rovinarvi la sorpresa, se non conoscete ancora la trama. Tutto ciò è presente nel secondo full length della band nostrana, autrice di una prova decisamente convincente. Non c'è soluzione di continuità, 'The Shadow Over Innsmouth' è inesorabile nel suo incedere, attraversato da molte influenze e da riff classici che prendono soprattutto da Cathedral, Saint Vitus e Black Sabbath. Ci si assesta su un sound opprimente, in cui la chitarra è nettamente al centro della scena. Per questo motivo il sacrificio più grande è chiesto alla voce, messa allo stesso livello degli strumenti, che esprime con enfasi spiritata le linee guida della storia. Meno impatto rispetto a 'In Onirica', più feeling, per un disco che in definitiva è sicuramente diverso da quanto fatto in precedenza dai Bretus e sottolinea la lodevole ricerca di un'evoluzione.


- RIDEWITHTHEDEVIL: http://www.ridewiththedevil.blogspot.it/2015/05/of-wicked-heritage.html

I've always got a soft spot for metal with Lovecraftian themes, so getting a full album built around one of his stories is a rare treat.  The Shadow Over Innsmouth is the latest release from Italy's squad of Bretus, and while there's a lot of traditional doom metal to the base of the music, the psychedelic under-currents to be found in the freedom of the guitar's riffs and tone-twisting provide an alien influence well-suited to the album's setting.  The lead melodies are heavy but catchy, putting me in mind of early Black Sabbath filtered through Candlemass, with dramatic vocal outbursts such as "Human sacrifice!" to give you a good jolt of spookiness.
Instrumental stretches provide noodling and slow doom riffs in near-equal measure, getting around the problem of possibly taking themselves too seriously/grimly by letting the music have fun while the singer keeps a straight face, vocally speaking.  They've got a melodic side that they let shine a few times with pared-down interludes, but the big bass presence dominates Innsmouth like shadows in the water, never letting things get safe for too long.  The climactic tracks deliver a satisfyingly wild rise of action as the narrative's chase ensues, with the conclusion growing naturally out of the album's established themes.  All in all, some very well done doom metal with enough homage to tradition to satisfy purists and enough experimentation to draw in those who haven't previously explored that style.  CD and vinyl copies will be available through Bloodrock Records, with a digital download option already live to be enjoyed.


- DOOMMABBESTIA: http://doommabbestia.blogspot.it/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth-review.html


Un viaggio tra i vicoli polverosi e oscuri di Innsmouth. E’ in questo vagabondare privo di qualunque riferimento con la realtà, che l’ascolto dell’ultimo capitolo Bretus ci accompagna passo dopo passo tra nebbie e scenari tipicamente lovecraftiani.
"The Shadow Over Innsmouth" è un album che gronda oscurità. Una svolta verso un doom ortodosso, estraneo a contaminazioni, nulla di particolarmente nuovo dunque, ma decisamente una scelta funzionale , alla narrazione in musica di un racconto firmato H.P. Lovecraft.  Completamente disorientati da un primo poderoso impatto, ci si scopre improvvisamente sperduti in un mondo distante e sconosciuto, ogni emozione, ogni angoscia diventa nostra accompagnandoci lungo tutto l’ascolto, trasformandoci in quel solitario e inconsapevole protagonista.
Non importa che siate amanti del genere o scrutiate ogni cosa con aristocratico sospetto, non importa per cosa o quanto apprezzerete questo lavoro,  sarà inevitabile  non restare indifferenti di fronte la forte carica emotiva che ne costituisce l’essenza.
Dopo appena due anni da In Onirica, che aveva incantato con le sue atmosfere cupe e sognanti, i Bretus tornano con un lavoro maggiormente consapevole, compiendo un ulteriore passo in avanti verso un sound sempre più coerente con lo spirito e le ambizioni di una band in continua crescita e assolutamente da non sottovalutare.


- METALITALIA: http://www.metalitalia.com/album/bretus-the-shadow-over-innsmouth/


La Calabria non è esattamente la regione italiana più prolifica in termini di uscite discografiche, ma ogni tanto anche da queste terre arriva qualcosa degno di essere ascoltato. I Bretus sono una nostra vecchia conoscenza, avendone già scoperte le doti al tempo dell’esordio “In Onirica” del 2012. Il passaggio alla Blood Rock Records non ha intaccato il corpus tematico e sonoro della formazione, che anche nella seconda fatica sulla lunga distanza maneggia con cura la materia del doom settantiano strettamente imparentato con lo stoner. Prendiamo nota dell’assenza di grandi cambiamenti nel sound di questi ragazzi, e non sarebbe nemmeno stato il caso di chiederli vista la natura piuttosto tradizionalista, ma peculiare, della loro proposta. “The Shadow Over Innsmouth” è un disco essenzialmente più cupo e strascicato del predecessore, nel quale la gradazione delle diverse influenze manifestate al tempo dell’esordio (Black Sabbath, Saint Vitus, Kyuss, Down, Corrosion Of Conformity) viene in parte alterata. La decadenza è un tratto preponderante, in assonanza al concept minuziosamente incentrato sulla cittadina immaginaria di Innsmouth, dove è ambientato uno dei racconti più famosi di H. P. Lovecraft. Nebbia, solitudine, il ritrovarsi in un ambiente estraneo, circondati da esseri dalla natura poco chiara: i temi del racconto trovano un commento sonoro molto azzeccato. La necessità di delineare un certo tipo di atmosfera, di allestire una cornice adatta alle liriche si manifesta alla lunga anche come il limite principale dell’intero album. I Bretus, infatti, difettano di continuità all’interno delle diverse tracce, finendo per concedersi troppe pause  al loro interno, infarcendole di brevi improvvisazioni e sacche di psichedelia non sempre funzionali allo sviluppo della musica. Il minimale chitarrismo di Ghenes ben predispone l’ascoltatore alle ambientazioni narrate dai testi, però non ha sempre il necessario peso specifico, l’incisività che ci aspetteremmo. Resta inconfondibile il cantato impostato, teatrale e surreale di Zagarus; la sua voce sembra traballare come una candela sferzata dal vento, connotandosi di umori precari. Vibra tra toni recitativi e taglienti strofe hard rock, prendendo in mano la situazione ed ergendosi a faro della band. Un po’ Lee Dorian, un po’ Ozzy, un po’ Wino, e con parecchio di suo, il singer fa molto per dare un’anima distintiva alla band. “The Shadow Over Innsmoutth” si dipana ad andature piuttosto calme, regalando meno sussulti di “In Onirica”, sul quale riff incalzanti di matrice hard rock arrivavano spesso e volentieri a rompere gli indugi e a smuovere il crepitante girovagare stonerofilo. All’interno della tracklist, le soluzioni più convincenti riguardano le canzoni più dure e massicce, oppure quelle con squarci ritmici sostenuti e la batteria – dalla resa deboluccia – libera di colpire con maggiore impeto. Se “The Curse Of Innsmouth” e “Captain Obed Marsh” suonano come una versione riveduta in chiave scarna ed essenziale dei primi Black Sabbath, rimanendo trattenute e incostanti nell’ispirazione, “Zadok Allen” rimette le cose a posto; un riffing grattato e insistito, un po’ southern, dona una nuova compattezza, e anche il resto del pezzo scorre con ben altra energia. Mentre “The Oath Of Dagon” scivola via gradevole ma senza sussulti di sorta, è “Gilaman House” a candidarsi come nostra favorita. L’attacco in pieno Corrosion Of Conformity-style già ci mette nella condizione ideale per l’apprezzamento della composizione, e le variazioni successive, a base di un’improvvisata hard rock nel mezzo, un assolo Seventies effettato e le schitarrate finali, confezionano un numero di stoner/doom di alto profilo. Buono anche il piglio vivace di “The Horrible Hunt”, con “Final Journey” ad accompagnarci nell’ultima capatina in quel di Innsmouth, tra odori di acque salmastre, sordide presenze e un corredo sonoro coerente con il resto dell’opera: un riff portante di ottimo gusto, striscianti melodie horror, una struttura un po’ ridondante e momenti graffianti, ma isolati. Il secondo full-length a firma Bretus è quindi un disco di discreta fattura, tutt’altro che scarso, messo assieme con un lavoro di assemblaggio attento: solo, non ci sembra avere il brio e il fervore di “In Onirica”, collocandosi leggermente sotto di esso come valutazione finale.



- ITALIA DI METALLO: http://www.italiadimetallo.it/recensioni/15545/bretus/the-shadow-over-innsmouth

Ecco per tutti gli amanti delle sonorità stoner/psychedelic/doom il nuovo cd dei Bretus. Il combo calabrese attivo dal 2000 sforna queste nuove composizioni ispirate ai racconti di Lovecraft, come da titolo di "The Shadow Over Innsmouth".

Dopo un Intro con suoni di chitarra molto old parte il riffing roccioso di 'The Curse of Innsmouth', classico nell'incedere e a tratti settantiano nell'intento, con tanto di variante blueseggiante e rallentamento centrale doom.

Si passa a 'Captain Obed Marsh', riff doom classici con quel tocco un pò blues/rock e richiami ai Cathedral, si passa a  un bel solo e si ritorna nella psichedelia meno oltranzista.

Suoni acustici e un solo malinconico introducono 'Zadok Allen', diversa dalle altre. RIffing più cattivo con tanto di apertura centrale, sempre con suoni psych. Si vede che i ragazzi hanno un bel rimando a quello stoner sanguigno, vero, che spesso non si trova in tutti gli album.

'The Oath of Dagon' è la più doom del lotto, lenta nell'incedere ma dal bel refrain che piacerà agli amanti del genere.

Entrati in un tunnel buio, questa è la sensazione che dà 'Gilman House', bella la parte centrale heavy classica suonata davvero bene che accompagna il brano fino a chiusura

I rumori "creepy" che introducono 'The Horrible Hunt' sono accompagnati da un bel riff che poi cambia completamente il tiro diventando martellante e classico. Il brano è molto variato, subisce un brusco rallentamento per poi picchiare ancora.

Un delay molto forte apre la conclusiva 'A Final Journey', veramente doom nel suo sviluppo .

Se devo fare un appunto alla band è solo sui suoni della voce, ma è un gusto puramente personale.



- MISANTROPIAEXTREMA (BRAZIL): https://misantropiaextrema.wordpress.com/2015/01/09/posto-de-escuta-09-01-2015/

Depois de lançarem o seu disco de estreia em 2013, os italianos Bretus cozinharam finalmente um novo longa-duração com o seu doom/stoner metal descomprometido e de influências psicadélicas. Se, musicalmente, a música do quarteto da Calábria não compromete em nada a sua intenção de soar tão fumacentos, clássicos e doom como os Black Sabbath, é nas letras, inspiradas pela temática de horror de H.P. Lovecraft e de filmes de Mario Bava, que o grupo tem o seu elemento diferenciador e grande parte do charme que anima «The Shadow Over Innsmouth». Não esperem grande originalidade, mas se a vossa cena é doom/stoner clássico tocado como se a década de 70 tivesse acabado o ano passado,
os Bretus podem ter alguma coisa para vocês



- STONER HIVE (NETHERLANDS): http://stonerhive.blogspot.nl/2014/12/bretus-shadow-over-innsmouth.html

Sounding highly obscure and occult, from the first notes to the last dying note. We are transported to a coastal village, underground caverns and inner city caves filled with ritualistic objects and curdled bloodstains. It is the new album The Shadow Over Innsmouth by Italian doom outfit Bretus and it’s a righteous Lovecraft trip. For it is an album based on the story by H.P. And you can easily envision yourself dwelling under the streets of the fabled city; or watching the sea pound on its coast. And it seems the compositions and instrumentation are all working together to tell its mad tale. It sounds elaborate and at the same time the mix comes across thin; which adds to the charm and the transparency. And it is this mixture and the expert use of tones that mirror the story being told. And with that, it seals our fate. We are all destined to become one of those marine creatures…


- THE METAL MAG: http://www.metalzoneprod666.com/Reviews2014-end.html

The Shadow over innsmouth" CD 2015 Blood rock records. Italian Dark Doom i must say i'm not quite sure what sticker to give them as it gots plenty of inspirations from early and late bands. The music is for sure very Heavy with slow tempo and down tuning that gives that Doom elements , the singer has a dark voice sometimes close to The cult 'asbury' new wave /gothic timbre that gives the creep yet very captivating tone. You can find many influences from Black Sabbath, Cathedral, Pentagram, Danzig , Slayer, Dimmu Borgir first albums... well it's all about riffs and what we can say it has a wide range to satisfy everyone. Inspired by HP lovecraft world this might talks to you. A good and interesting album.



- HEATHEN HARVEST : http://heathenharvest.org/2014/12/24/bretus-the-shadow-over-innsmouth/

Perhaps not as moody, trippy, or inclined to phantasmagoria as many of their fellow countrymen, Italy’s Bretus do not fail to deliver a highly enjoyable, albeit relatively straight-forward doom release that is a worthy successor to the band’s stellar debut, In Onirica. With H.P. Lovecraft serving as the band’s inspiration and patron saint of cosmicism and doom this time around, The Shadow over Innsmouth has an overall darker vibe than In Onirica and also reels in some of the hard rock influences that permeated the debut in favor of a gloomier, more traditional approach. The end result may seem deceptively less dynamic, but The Shadow over Innsmouth is an overall more cohesive album from start to finish with enough subtlety to keep the listener coming back for more.

If anything, The Shadow over Innsmouth proves that Bretus have mastered the art of mid-paced doom. A fair share of inspired and inventive riffs, numerous tempo changes, and the vocals of Marko Veraldi (credited as Zagarus) give Bretus a unique edge that helps to separate them from the horde of like-minded acolytes of traditional doom. These elements couldn’t be any clearer than on the completely gratifying track “Captain Obed Marsh.” Bretus are far from being a “retro” band, but the slightly sinister main riff of “Captain Obed Marsh” is a fist-pumping, adrenalized rocker straight from the early days of heavy metal. Pair this with Veraldi’s deep, slightly gritty croon and a perfectly placed wailing lead guitar, and “Captain Obed Marsh” shines as one of the album’s most infectious tunes.

Though Bretus play it a bit straighter than many of their Italian contemporaries, The Shadow over Innsmouth is embellished with brief atmospheric passages and samples that, to a degree, aid in tying the album’s tracks to the literary themes of Lovecraft, particularly to the tales revolving around Innsmouth and Dagon. “Intro” opens the album and establishes an ominous mood with field recordings of falling rain and crashing thunder, as well as the rise and ebb of distorted notes before “The Curse of Innsmouth” roars from the deep. Likewise, crashing waves and distant chants introduce the tale of the ill-fated patriarch of the Marsh family and founder of the Esoteric Order of Dagon in “Captain Obed Marsh.” A somber, extended acoustic passage effectively introduces “The Oath of Dagon”–a tune that heaves and lurches forward under its own weight before almost coming to complete halt that is bathed in feedback and lumbering drums. The track momentarily regains a semblance of life and the all too brief introduction of synthesizer adds an otherworldly dimension during the last remaining moments of the tune.

Really, the only criticism that could be leveled against Bretus’ The Shadow over Innsmouth is that perhaps the music is not quite creepy or surreal enough in comparison to the subject matter. While that was my initial impression, subsequent spins of the album seem to reveal more layers and the atmospheric touches, though sparse, expose a subtle yet threatening atmosphere lurking just beneath surface. I’ve been anticipating this album since the beginning of the year when the band and other devout followers began to circulate the single “The Haunter of the Dark,” which seemed to indicate that a darker path was underway for the band. The Shadow over Innsmouth does indeed pick up where they left off and the result is one fine doom album.


- ERASKOR: http://www.eraskor.com/blog/recensioni/bretus-the-shadow-over-innsmouth-bloodrock-records-2015/

Eravamo rimasti all’uscita di Dark Cloaks, ep del 2009 (recensione), nel frattempo i calabresi Bretus hanno continuato la loro marcia doom / stoner / sludge e psichedelica con la ripubblicazione di Bretus, poi successivamente il full lenght “In Onirica” e uno split con i Black Capricorn.

Ora è la volta del secondo full “The Shadow Over Innsmouth”, un fluttuante stato d’animo oscuro e fumoso, rock plumbeo e semplice. Song che incalzano la mente secondo dopo secondo, timore dopo timore. La band in 6 anni dimostra di aver fatto larga esperienza e di aver saputo metterla a frutto.

Un nuovo dischetto ricco di fascino e parsimonia, probabilmente, se dobbiamo proprio cercare un aspetto negativo, possiamo solo menzionare una certa tediosità strumentale in alcuni frangenti, ma oserei dire insignificante.

Un ritorno che saprà farsi strada tra gli appassionati degli anni settanta.







LIVE REPORTS





Calabrian Metal Inferno

Metallized: http://www.metallized.it/articolo.php?id=1701



"BRETUS

Cambio completo di sonorità con i Bretus, autori di un doom metal con profonde influenze sludge, che ha colpito molto il sottoscritto. Non avevo ancora avuto modo di ascoltarli, anche se Metallized se ne era già occupato in precedenza all'atto delle recensione del loro In Onirica, e devo dire di essermi perso qualcosa. Ascoltati dal vivo i Bretus hanno mostrato un sound corposissimo e malefico concretizzatosi in un lotto di pezzi ben costruiti e arricchiti da parecchie sfumature psych. Un'altra cosa che mi ha sorpreso in positivo è stata la prova vocale di Zagarus/Marko Veraldi, del quale non sospettavo le capacità interpretative in clean. Una prova acida, avvolgente e decisamente positiva da parte di una band da tenere d'occhio".



SETLIST BRETUS

1. Insomnia

2. The Dawn Bleeds

3. Down In The Hollow

4. Forest of Pain

5. Escape







Aristocrazia Webzine: http://www.aristocraziawebzine.blogspot.it/2013/01/calabrian-metal-inferno-70-28122012.html



"Gli Stige sfortunatamente non possono esserci per problemi personali dei due chitarristi, il vero step di cambiamento viene fatto allora dai Bretus che fanno entrare a casa Hemingway tutti i loro maestri: Black Sabbath, Electric Wizard, Kyuss, Sleep, Orange Goblin. Insomma quella sera avevamo tutti bisogno di una permanente e i Bretus ce l'hanno fatta! Volumi pieni, suoni stoner al 100%, perfetti nell'esecuzione, un cantato pulito all'altezza di Jus Oborn. Mancava soltanto una canna e sarei stato l'uomo più felice sulla faccia della Terra (per fortuna non è mancata a fine serata psichedelica)".







CALABRIA SOUNDS: http://www.calabriasoundsrock.com/csr/index.php?option=com_content&view=article&id=527%3Acalabrian-metal-inferno-7-hemingway-club-catanzaro-281212&catid=35%3Alive-report&Itemid=55





"I “doomiani” Bretus sono già sul palco e stendono sul locale un’atmosfera di certo cupa come quella dei Minus Tree, ma più lenta, riflessiva, cadenzata da una voce al limite del lirico. Il pubblico risponde bene anche in questo caso, presi sia dalla buona performance dei Bretus, nonchè proprio dai pezzi stessi che nella ridondanza tipica del genere proposto, hanno il loro punto di forza. La lentezza dei Crowbar accompagnata dalla voce di Keith Caputo".





Hate propaganda:
http://hate-propaganda.webnode.it/news/calabrian-metal-inferno-7-0-articolo-live-report-/


"A questo punto si cambia totalmente genere con i Bretus. Interessante esordio live della band catanzarese che ha subito riscosso consensi: note oscure dagli strumenti dei componenti della band, tutti incappucciati, a sottolineare fascino e mistero delle loro composizioni Doom, il tutto incorniciato da una voce potente e perfettamente in accordo con il genere. Applausi".










SOME REVIEWS FOR THE RE-RELEASE OF "BRETUS" MCD




PURO RUIDO: http://puroruido.blogspot.com.ar/2014/03/bretus-idem.html

Sello: Doom Cult Records (re-edición 2014)/Maddie (edición original del 2010)

País de origen: Italia

Disfruté bastante del cd debut de estos doomsters italianos. “In Onirica” es un disco pesado, oscuro, sensual y endemoniado, puro Doom Metal, influenciado por el Sabbath de los 70s, Pentagram, Reverend Bizarre y ese tipo de maravillosas bandas. Tras escucharlo, me puse en la búsqueda del primer MCD, pues deseaba conocer lo hecho por el grupo antes de su debut. No lo encontré en ninguna parte, lamentablemente. Por suerte, Doom Cult Records reimprimió dicho MCD, y los miembros de Bretus me lo hicieron llegar en su formato digital. Tras escucharlo, todas mis sospechas se confirmaron. El Ep en cuestión es la versión más cruda y depravada de “In Onirica”, con ese gustito a homenaje a films de la Hammer que tan bien queda en este tipo de bandas, con un sonido más sucio y con una banda que, en líneas generales, suena más agresiva y enojada, aunque menos pulida y contundente que en “In Onirica”.
Esto es, básicamente, un preámbulo de lo que sería el disco debut de Bretus, con diferencias puntuales (las antes mencionadas) que permiten que cada trabajo pueda, y deba ser apreciado por sus propias cualidades. Cualidades que, en este caso, salen a la luz apenas comienza el disco, con esa estupenda canción llamada “Sitting on The Grave”, tal vez mi canción favorita de Bretus, no sólo por el riff monumental del estribillo, sino por la atmósfera creada, la introducción, las partes que conforman el todo, y porque es una jodida obra maestra, así de sencillo. Mas el disco en sí es un compendio de riffs maquiavélicos, voces que van desde lo psicodélico hasta lo ritualístico, y una base rítmica contundente y directa, que pega duro en donde más duele. Claro que todo se encuadra dentro de parámetros tradicionales del género, y no hay intenciones de salirse de esos moldes. Pero Bretus poseen un encanto mágico haciendo este tipo de Doom, tan de culto, antiguo e irresistible a la vez. O sea, no cualquiera puede capturar la esencia de un estilo tan viejo como este, y adaptarlo a los tiempos actuales, sin perder dicha esencia en el intento. Bretus lo lograron, y sus 2 trabajos hasta la fecha así lo demuestran.

HARDSOUNDS: http://www.hardsounds.it/recensione.php?id=10312

Si parla tanto di fuga delle nostre eccellenze all'estero. Avete mai pensato che spesso fuggono anche i musicisti? Non parliamo solo di quelli che hanno avuto l'offerta dalla major. I Bretus hanno pubblicato il gioiellino 'In Onirica' per una label ucraina, la ristampa del loro omonimo EP invece è targata Slovenia. Ai ragazzi calabresi diciamo che hanno fatto bene, alla faccia dei sedicenti geni dell'industria discografica che popolano i nostri social network (e basta). Dicevamo, si ripubblica il primo dischetto, intitolato proprio 'Bretus'. Si capisce sin da subito che siamo davanti a un gruppo che avrebbe detto presto la propria in ambito doom, era il 2009 e il full seguente ha fatto sobbalzare molti doomster, che non pensavano fosse possibile avere una band così qui da noi. L'inizio è da amanti dell'horror, indovinate la citazione e poi lasciatevi scoperchiare il cranio con la fantastica "Sitting On The Grave", un bulldozer esoterico che non lascia indifferenti. Le voci (degne di un indemoniato) di Zagarus sono spettrali, cavalcano sicure le paludi da cui emergono riff grassi e velenosi. L'amalgama è pressoché perfetto, grazie a una produzione che non disperde nemmeno un grammo del peso di certe combinazioni basso distorto/chitarra. "In Onirica" è più sabbathiana e ha accenni psichedelici, ma la tempesta di sassi nelle tempie arriva con "The Only Truth", il brano più elaborato. Per guarire dalle ferite è necessario tornare indietro, premere di nuovo il tasto play e concentrarsi sulle sensazioni sospese di "Dark Cloaks Arrive".

THE SLUDGELORD: http://thesludgelord.blogspot.com/2014/05/bretus-st-ep-review.html

I originally featured Bretus back in 2012 when I reviewed their debut album – In Onirica – which left quite an impression from me as these demonic Sludge/Doom/Stoner Metallers had some creepy riffs to go with their eerie tales of the occult.

Well their 2010 S/T debut EP is being re-released by Doom Cult Records and I have been asked to check it out. And it's one seriously creepy affair that cranks up the tension with some impressive doomy atmospherics. First track – Sitting On The Grave is probably the highlight of the entire EP as it shows what Bretus is all about.

70s Doom Metal/Hard Rock matched against some modern day Stoner/Sludge based riffs. If you're a fan of Black Sabbath, Saint Vitus and more modern day Occult Rock bands then Bretus will speak volumes to you. Though it's quite refreshing to hear that Bretus talent was evident on this spellbinding EP.

Second Track – From The South – is the perfect embodiment of Italian Doom Metal. It captures the band in one hell of a violent psychotic mood which just adds even more menace to the doomy atmospherics oozing from your speakers. Sure there is more of a hint of Sabbath riffage going on but when the music is this good you don't fucking care. Embrace the madness and you will have one hell of a wild ride.

Third track – Dark Cloaks – is a gloomy doom based instrumental number which is very slow in nature and in tone. Nothing much happens but it does show the band in more experimental moods.

The EP's last two tracks In Onirica and The Only Truth returns the band to their realm of doom and gloom with two superb tracks that shows you why Bretus are highly thought of within the Doom/Stoner Metal world. As these two tracks just kick-ass. Heavy pounding riffs to get your teeth stuck into. Hold on as Bretus are going to take you on a hazy trip that you will be coming back to time and time again.

If you haven't heard of Bretus before then this is the perfect introduction to the band. Be prepared for something special.

Excellent and Highly Recommended.


ROCKAMBULA: http://www.rockambula.com/bretus-bretus-ristampa/

Il Doom proposto in Italia va trattato con i guanti e in maniera particolare in questi ultimi tempi ed il motivo è semplice, almeno per il sottoscritto: la mancanza di band capaci di farti entusiasmare nell’ascolto. Non parlo di una mancanza della scena, di band se ne trovano ma molto spesso (e questo è accaduto a chi scrive) sfociano totalmente nello Sludge, nello Stoner oppure nel Ghothic. Nella nostra penisola se vuoi ascoltare qualcosa di buono devi fare affidamento sempre alle solite band come i Doomraiser, L’Impero Delle Ombre, Thunderstorm o Misantropus per citarne qualcuno dei “vecchi” senza sperare sulle nuove leve. Negli ultimi cinque o sei anni l’unico gruppo che veramente mi ha colpito viene da Napoli e sono i Kill The Easter Rabbit, purtroppo anche loro l’ anno scorso hanno messo fine alla loro storia.
Questa sorta di crisi del Doom in Italia è nota ancor di più grazie a piccoli avvenimenti che messi tutti insieme fanno il punto della situazione. Per esempio una nuova edizione dell’ omonimo dei Bretus uscito nel 2010 e ristampato dalla slovena Doom Cult Records questo 2014 ne è la prova. Il nocciolo della questione è ancora più semplice e banale: è possibile che un genere come questo debba riemergere lentamente attraverso delle ristampe di un certo rilievo come questo lavoro dei Bretus? Ad ogni modo anche se questo andazzo lascia un pò l’amaro in bocca con la riscoperta di queste piccole perle il sorriso potrebbe tornare sulle labbra. L’omonimo in questione che anticipa lo split dei Bretus in uscita prossimamente, contiene cinque tracce di stimato valore, sono all’ incirca venticinque minuti d’ ascolto da mandare giù tutti d’un fiato. Ora che è stato riadattato con le nuove tecnologie il supporto suona decisamente meglio, tutti i particolari che prima potevano sfuggire adesso sono accentuati in maniera egregia. Per questo sarà difficile non notarli nonostante la band abbia cercato comunque di mantenere un suono “primitivo”, provando a mettere d’accordo tutti. Complessivamente l’operato dei Bretus è più che discreto, vi basti ascoltare “Sitting On The Grave”, la traccia d’ apertura, che nel bene o nel male soddisfa anche i guru di vecchia data. Un occhio di riguardo va a “Dark Cloaks” che anche se è la traccia più corta mostra comunque le grandi doti tecniche dei musicisti. Infine è d’ obbligo citare “In Onirica”, una traccia pulsante e baritonale, l’ esecuzione di questa mette a tacere chiunque abbia dubbi sulla bravura dei Bretus. La conclusiva “The Only Truth” chiude il lavoro alla grande. C’è poco da rifletterci su questo piccolo gioiello ristampato, si tratta di uno dei pochi lavori ben riusciti sfornato soprattutto da un gruppo nostrano, perderselo sarebbe un sacrilegio.


THE NEW NOISE: http://www.thenewnoise.it/bretus-ep/

In attesa che esca lo split che li vede in azione con i Black Capricorn, i Bretus ristampano per la Doom Cult Records l’omonimo ep d’esordio, che risale al 2010 e contiene cinque tracce di puro doom devoto ai padri putativi del genere. Si tratta, insomma, in tutto e per tutto di un disco che non fa nulla per nascondere le sue influenze, eppure contiene già in sé quelle contaminazioni stoner (sentire il riffing di “From The South”) e hard-psych che segneranno la scrittura della band: viene fuori un sound personale e robusto, che in breve tempo farà in modo che la formazione sia apprezzata all’interno della scena di appartenenza. Qui, comunque, è la vena doom a prevalere, con una marcata predilezione per atmosfere cupe e per un mood settantiano che si affaccia lungo le composizioni. Questo, come detto, non impedisce ai Bretus di differenziare già il proprio songwriting per costruire un ep in grado di catturare l’attenzione e di imporsi per la grande varietà di sfumature, pur senza perdere in compattezza, una qualità che si unisce alla scelta di suoni potenti e corposi atti a domare la giusta spinta al tutto. Per questo, la decisione di ristamparlo e renderlo nuovamente disponibile non sembra affatto una cattiva idea. Lo split ci dirà come si è evoluto il sound dei Bretus e se le promesse sono state mantenute.









REVIEWS/INTERVIEWS FOR "IN ONIRICA" FULL LENGHT 2012






METALLIZED: http://www.metallized.it/recensione.php?id=7175

Il silenzio, la notte che avvolge ogni angolo di luce, gli ululati sinistri dei lupi squarciano l'aria ed incendiano il mondo degli italianissimi (di Catanzaro, per la precisione) Bretus, e ci portano al nuovo parto della band, In Onirica, che segue il buon omonimo mini cd d'esordio del 2009.

Formatisi nel 2000 con la voglia di omaggiare un genere, il doom, Ghenes e Neurot cominciano a comporre dei pezzi propri che vedono la luce solo nel 2008 grazie all'aiuto di Marko dei Land Of Hate alla voce e di Sest alle percussioni. Il nuovo corso, a distanza di tre anni, vede la band calabrese affinare ancor di più le sue armi migliori, grazie ad un devastante wall of sound, a delle linee vocali imponenti e vincenti e ad un connubio perfetto di doom, sludge e psichedelia. Black Sabbath, Cathedral, Candlemass Orange Goblin, ma non solo: c'è anche l'acida visione dello sludge di High On Fire, Goatsnake e Down nella musica dei nostri, senza dimenticare l'amore per il passato - vedi la calda visceralità blues insita nelle band hard rock dei seventies -.

Insomma, gli ingredienti ci sono tutti, ed i nostri non deludono le aspettative: la produzione è ottima, una prova tangibile che non c'è bisogno di budget milionari per ottenere registrazioni di livello assolutamente professionale. L'album parte alla grande con l'opener Insomnia, con i suoi possenti riff dal taglio sabbattiano che vanno a tingersi del caldo e pachidermico andamento dei migliori Goatsnake; aperture sinfoniche ed epiche cavalcate heavy ci portano sino alla fine di un ottimo pezzo che, devo essere sincero, mi ha spiazzato, e non poco.

Si prosegue con The Dawn Bleeds, e le coordinate non cambiano e nemmeno la qualità, anche se qui l'amore per l'hard rock dalle tinte blues si fa più evidente soprattutto nel ritornello e nel break centrale, quest'ultimo condito da un breve ma ottimo assolo, acido e straniante al punto giusto.

Down In The Hollow parte con chitarre arpeggiate e psichedeliche per poi esplodere nella deflagrazione trascinante del riff groovy; il brano bilancia perfettamente le anime che la band ha mostrato fin'ora. Non si fanno mancare davvero nulla i Bretus, ed è difficile non rimanere affascinati da suoni tanto caldi e d'impatto. Ancora un ottimo assolo ed un finale da pelle d'oca che richiama l'inizio del pezzo.

Leaves Of Grass è una bellissima strumentale dominata da chitarre acustiche e fumosi interventi elettrici; la bellezza degli intrecci acustici è disarmante, un pezzo che sarebbe potuto benissimo appartenere ai Down di II: A Bustle In Your Headgerow.

Escape fa uscire maggiormente l'anima Blues della band: il brano gira attorno a circolari riff di chitarra che danno un senso di sbandamento tanto sono ubriacanti, e inoltre mi hanno fatto ricordare i romani Black Rainbows in alcuni punti. Forest Of Pain è un altro pezzo da pelle d'oca: molto classic doom nelle atmosfere create, è introdotto dal suono avvolgente ed ancora blues della chitarra, capace in tempi brevi di incendiare l'aria. Ma è solo un fuoco di paglia, perché un riff darkeggiante e dannatamente heavy trasporta la band nei lidi dei migliori Candlemass, con annessi ritornello vincente e suoni oscuri e sempre in tensione.

Il finale dell'album è affidato alla bellezza disarmante della strumentale The Black Sleep, un melting pot di sensazioni ed emozioni difficilmente descrivibili che mettono insieme l'epica vena degli ultimi Krux, languide tastiere settantiane che rimandano ai Siena Root, doom classico e cavalcate heavy di grande spessore. Assaporate bene, manca ancora qualcosa: lo sludge ed il blues... Ed ecco a voi otto minuti di pura magia.

Cercate un grande album doom? Non guardate troppo lontano, perché tra i confini del bel paese c'è chi la musica la sa scrivere con il cuore e con il sudore.

Il Flower Of Disease del nuovo millennio? Ok, non voglio esagerare, solo il tempo potrà rivelare il valore di quest'album, quel che è innegabile è che In Onirica è un lavoro stupendo, da ascoltare e riascoltare, da consumare al buio assieme alla tenue luce di una candela.

La terra e la sua storia si agitano dai tormenti, si risvegliano dal torpore, il sangue, il dolore, il sapore dell'odio, del calore e dell'amore: questi sono i Bretus, portatori sani di un virus incurabile...

85/100



VINCEBUS ERUPTUM N.15:

Doom...Doom...Doom!

From Italic Land again here is another veryintriguing creature struggling with cadences typical of the genre...but Ghenes'band is not a newcomer on its domestic stage, being active since 2000 and having released a number of EPs."In Onirica" is the real full lenght debut album and these foursome from Catanzaro even went and have it released in Ukraine by Arx Productions, a label specialized in every shade of rock metal can breed.Seven heavy and diverse tracks peaking at the highest point in the album with the instrumental "The Black Sleep"...eight minutes of such dark-psychedelic textures to manage and leave any fan of the genre stoned!



PERKELE: http://www.perkele.it/index.asp?pag=recensioni2&id=3786

Catanzaro Doom City. "In Onirica", disco d'esordio dei calabresi Bretus, è uno dei migliori prodotti partoriti nel settore psychedelic stoner doom in questo fertile ed apocalittico 2012. Sette brani che sono una goduria totale per chi ha nel cuore e nelle orecchie Pentagram, Saint Vitus, Cathedral, Spirit Caravan e Earthride. Edito dall'ucraina Arx Productions e disponibile in vinile tramite BloodRock Records, il lavoro del gruppo guidato da Ghenes (basso, low guitars) è esplosivo, oscuro, coinvolgente. La voce di Zagarus è stentorea e magmatica, da titano che si staglia su un orizzonte infinito. Ottimi anche Faunus alle chitarre e Striges alla batteria: attendiamo di vederli da vivo per averne conferma definitiva.

Tra riff a spirale di marca Hellhound e infiltrazioni progressive da Cathedral nel deserto, "Insomnia" rapisce sin dal primo ascolto. "The Dawn Bleeds" fa ancora meglio con una costruzione à la Electric Wizard ed un feeling melodico che solo in pochi (Al Morris e i suoi Iron Man?) riescono a trasmettere. "Down in the Hollow" è un carrarmato doom che macina riff su riff, "Leaves of Grass" un passaggio elettroacustico ammaliante e dopato, "Escape" un moloch che richiede il sacrificio della nostra anima con wah-wah corrosivi e ritmiche paralizzanti. "Forest of Pain" è un compendio di epica possenza e lancia in volata le meraviglie della conclusiva "The Black Sleep", strumentale in bilico tra Atomic Rooster e Goblin che si anima nel finale di cromatismi metal e asprezze progressive.

No poseurs please, this is fucking loud music! Il messaggio dei Bretus è chiaro. Il culto di Cthulhu può continuare a vivere.





THE SLUDGE LORD: http://thesludgelord.blogspot.co.uk/2012/07/bretus-in-onirica-review.html

Bretus play a hard rocking blend of Sludge, Doom and Stoner Metal influenced by bands such as Sabbath, Saint Vitus and Pentagram.Their new album – In Onirica – features 7 tracks which run for 58 mins or so.If you're a fan of those great bands mentioned above then your going dig this great band. As they play the same style of great hard hitting Doom Metal with great hints of top-notch modern Sludge/Stoner Metal riffage.The vocals can take a bit of time getting used to but after a couple of listens they seamlessly blend into the background of the awesome music and riffs on show.

Bretus are a super tight unit who know how to write a great song with a commanding presence to them. This band will make you take notice of what they have to say right from the start.

The riffs do get very spooky at times especially on the awesome 8 minute instrumental track – The Black Sleep which brings a foreboding sense of despair and doom to proceedings with a great organ instrumental thrown in for good measure as well."Insomnia" sets the album's atmosphere brilliantly well with an eerie barking of wolves before the creaking guitar riffs starting coming to life. Another 8 minute epic which the band set out their plan of attack right away. Playing sublime riffs to chill the soul to.

You know you're in for a great time when listening to this album from listening to this track alone. The band might not be the most original of Doom/Stoner Metal bands butt that doesn't stop them in writing top-notch rock/metal tracks to rock out to with passionate lyrics and vocals to match.They do throw in a healthy dose of modern Sludge/Stoner Metal just in case you feel like you're stuck in a time warp. 70's Hard Rock matched with today's cool modern riffs.Other outstanding tracks to check out include – Down in the Hollow and the brilliant Forest Of Pain. Superb tracks that show what a great band Bretus actually are. Another great band that Italy can be proud to call their own.The album is expertly produced and played by all involved. So In Onirica is a great album to check out from a band that should hopefully be round in many years to come.You can buy In Onirica from all good stockists now.

Highly Recommended.

Check This Great Band Below





EVILIZED: http://www.evilized.de/2010/rezensionen/bretus-in-onirica

BRETUS aus Calibria sind ein jener wenigen Bands, die sich tapfer jeglichen derzeitig vorherrschenden Trends widersetzen und stattdessen ursprünglichen und traditionellen Doom Metal im Stile von Gruppierungen wie THE GATES OF SLUMBER oder REVEREND BIZARRE zelebrieren und auf diese Weise für eine angenehm frische Brise im mittlerweile von Retro- und Okkultrock dominierten Genre sorgen. Nach einer ersten Promoveröffentlichung und einer fünf Songs umfassenden EP präsentieren die Italiener mit der Platte ”IN ONIRICA” ihr erstes Full-Length Werk, auf dem die vierköpfige Truppe mit urigen und eingängigen Kompositionen zu überzeugen weiß.

Kernige Riffs und ein abwechslungsreich bedientes Schlagzeug bilden das schwungvolle Grundgerüst der äußert dynamisch gestalteten Tracks, die zwar von schwer schleppenden Passagen dominiert werden, sich aber keinesfalls auf diese beschränken. BRETUS passen stets die richtigen Momente ab, um das zähe und mächtige Downtempo von Songs wie ”Insomnium” und ”The Dawn Bleeds” mit verspielten Leads und wuchtigen Bassspuren aufzulockern und intelligente Spannungsbögen zu kreieren. Hierbei greift das Quartett gerne auch auf Motive aus dem Stoner Rock zurück, sodass sich ”IN ONIRICA” immer wieder von lässig groovenden Gitarrerhythmen durchzogen zeigt, die im Zusammenspiel mit dem kehlig hypnotischen Gesang von Fronter Marco Veraldi deutliche Paralellen zu frühen Werken von KYUSS erkennen lassen. So experimentieren BRETUS zuweilen auch mit psychedelischen Einflüssen und setzen beispielsweise im abschließenden Instrumentaltrack ”The Black Sleep” mit spacigen Synthesizern markante Akzente, die eine eigenständige Note verleihen können.

Zwar fällt auf, dass es den einzelnen Songs noch ein wenig an einem individuellem Charakter mangelt und ”IN ONIRICA” in seiner Gesamtheit etwas zu gleichförmig gehalten isz, ohne dass besonders herausstechende Highlights genannt werden können, doch soll dieser Umstand an dieser Stelle noch nicht allzuschwer ins Gewicht fallen, handelt es sich bei dem vorliegenden Langspieler doch um ein Debütwerk. Immerhin gelingt es BRETUS die Platte vollkommen authentisch klingen zu lassen, sodass die Tracks zu keiner Sekunde aufgesetzt wirken, sondern stets eine innige Leidenschaft versprühen, die sich nicht nur in den Vocals wiederfindet. Abgerundet wird ”IN ONIRICA” von einem erdigen und dreckigen Sound, der die nötige Räudigkeit gewährleistet und dennoch ein differenziertes Hörerlebnis ermöglicht.

Zusammenfassend bleibt BRETUS nur ein gelungener Einstand zu attestieren, weiß ”IN ONIRICA” doch mit reichlich ansprechenden Ideen zu gefallen, die mehr als ordentlich umgesetzt wurden. Zusätzlich zur CD Version von Arx Productions ist ”IN ONIRICA” auch auf Vinyl durch BloodRock Records und als Tape durch The Arcane Tape erhältlich.





METAL MANIAC LUGLIO 2012

Dalla Calabria, ma su piccola etichetta Ucraina Arx Productions,i Bretus arrivano con "In Onirica" al primo album sulla lunga distanzadopo l'EP di debutto del 2009 che portava il nome stesso della band.Con buona registrazione e le idee giuste per un progetto simile,la band avanza nelle trame rocciose di un Doom malefico e maledetto,prendendo linfa dai grandi degli anni 70 per portare avanti con convinzione e capacitàun sound maligno e stregato.Riffoni possenti dal sapore Sabbathiano e la voce lisergica di Zagarus,più interessantideviazioni che sanno di Cathedral e voli hard progressive.Sette tracce,lavoro davvero ben fatto.

Voto: 8





DOOMMANTIA: http://www.doommantia.com/2012/07/bretus-in-onirica.html

Italian quartet Bretus have released their much anticipated new album 'In Onirica' and I always had the feeling that this band would release something amazing in the future and now it is finally here. Released by Arx Productions, the seven tracks on 'In Onirica' sound fresh, exciting, passionate and surprisingly unique given that the current state of stoner-doom is gotten very stagnant recently. So it is great that Bretus have put out this album that should take the band to the next level of acceptance within the doom and stoner metal community. What you hear on the album is nothing new but the songs are great, memorable tunes that don't blindly follow a certain blueprint but they don't reinvent anything either. Stylistically the band walk a fine line between traditional doom metal, 70's heavy rock, stoner-metal and sludge but they have a personality that is all of their own making.

One of the key elements to the albums freshness is the organic, live sound that this release captures and really this is the kind of production that is perfect for any band within the doom metal realm. The guitar sound is dirty, swampy, filthy but with just enough clarity so you can hear every detail within the playing. The sabbathian tones might be over-used these days but when they are recorded like this, they are still ear-candy for the traditional doom fan. The songs on 'In Onirica' are crushing without being overly heavy in the context of modern doom metal and that is where the 70's heavy rock influence comes in. Taking major cues from Black Sabbath the band approach their songs in a similar way.....big on riffs without ever sacrificing melody. Keep in mind now that this full length album has taken the band three years to get out there so you would hope they have done some fine-tuning in that time and I am glad to hear vast improvements in all areas of the band. As songwriters, they have always been great so they didn't need to do much there but the level of musicianship has had a big leap forward. The guitar playing reeks of pure class on this album and the vocals display a very real sense of maturity that didn't exist until now.

That maturity leaps out of the speakers within seconds of the opening track 'Insomnia.' The riffs are gargantuan and very infectious but it is the classy songwriting and arrangement that makes lengthy tracks like this one a sheer joy to crank up loud and enjoy. On the surface 'Insomnia' is stoner-doom with major 70's rock influences but it is the little twists that are added to this track that makes it such a killer tune. There are energetic sludge-metal sections that are intense and powerful and this is a recurring formula the band uses to perfection for most of the album. 'Insomnia' is a great opening track but in many respects, the album only gets better from this point onwards. 'The Dawn Bleeds' and 'Down in the Hollow' both have twists and turns to keep you guessing and the rhythmic intensity in these tracks is captivating. Also if you can stop your head from nodding with these two tracks, you must be heavily sedated or in a coma. Like many bands in the world these days, their concepts are based around horror and Lovecraft inspired themes but it is never too obvious with Bretus so you never get the feeling you have heard it all before.

'Down in the Hollow' is the albums first big highlight even though every song is a winner on 'In Onirica' but tunes like this one are simply mesmerizing examples of concise songwriting and exciting musicianship. That track is followed by the short interlude 'Leaves of Grass' which is a eclectic guitar instrumental that showcases their diversity and proves that Bretus are not a one-trick pony. That is followed by big highlight number two, a tune called 'Escape.' This monster of a track has infectious riffing and absolutely captivating vocals and the chorus to this track is easily the most catchy moment that 'In Onirica' has to offer. The vocals come with a heavy Italian accent but that just seems to add to the warmth of their sound. The second half to 'Escape' is pure doom metal to the extreme, classic, classy with an abundance of character and personality. 'Forest of Pain' follows with deadly riffing and an engaging atmospherics. Again the energy level is surprisingly high for what is basically a stoner-doom band and it is really the mid-tempo sections this album has that ultimately won me over, they are just so damn infectious.

The album ends with another instrumental except a long one this time. Titled 'The Black Sleep' it is a perfect way to bring this album to a close. The band goes all out on this track, blending all kinds of genres, tempo-changes, and even keyboards into one jaw-dropping track. So captivating is the musicianship on this track that it is only fitting that it is an instrumental piece.....vocals are just not needed. Overall, this album is very diverse for the style that it is. There are varying tempos, acoustic sections, keyboard parts, dark ominous passages and cleaner lighter sections. They seem to be able to go from total doom to sludge to stoner rock to psychedelic on a dime and the variations are seamless. The production is just perfect, the playing is great and the album is engaging from start to finish. The only problem is it is short (under 40 minutes) and it just leaves you wanting a whole lot more. This is easily one of the highlights of 2012 thus far and needless to say, 'In Onirica' has exceeded all my expectations....

9.5/10



THE PARANOID MUSIC BLOG : http://theparanoidmusicblog.blogspot.it/2013/03/bretus-in-onirica-album-review.html

We all had that one special tweenie summer where possibilities seemed limitless and ignorance of the future left us blissful.  Mine was full of going to places where I shouldn't have been.  One place in particular was a vacant two-story house down and across the street from my friend.  Shrouded by tall trees and bordered by an easily breachable chain-link fence, the house held no particular interest aside from its fortification which lent it a forbidden aspect.  So of course, we set forth to investigate.After making sure no one saw us we opened the back door and entered a dark and topsy-turvey world.  This all has to do with Bretus, believe me.  The house was full of ... stuff.  And when I say full I mean nearly stuffed to the brim.  The bizarre thing about it was that the whole of the upper floor had been taken down and was lying dismantled amidst the detritus.  The walls were still up but no floor.  The house was a shell and its interior stuffed with ... stuff.  Ladders, half-used paint cans, rusted appliances and work tools, stacks of newspapers (it appeared the newspaper boy had gotten there before us), soiled mattresses, drywall, two by fours, you name it.  What really stuck out to me were the ladders.  There was something incredibly eerie about a house with no upper floor and ladders climbing to nowhere.  Or descending from nowhere.  Either way, whatever the hell it was that my friend and I were expecting to find this wasn't it.  This was a thoroughly dead house, gutted and stuffed like an Egyptian mummy.  A corpse home full of trash for maggots and possessed by some demonic junkyard spirit.I guess, looking back, I was looking for stacks of old comic books or a box of rare and valuable hockey cards, thoughtlessly discarded as I knew sometimes happened.  Something to fire my pre-teen imagination.  What we found was a vision of the Dyatlov Pass incident in the form of a house, mysteriously pulverized on the inside but otherwise intact.

What if we had climbed those ladders?  Is it possible we'd have entered a portal to a harsh and brutal world of flying boulders and swinging axes in a swirling purple void?  Would we have caught a glimpse of the force which pulverized the house and presumably destroyed not only the bodies but the spirits of it's inhabitants?  Doubt not for Bretus have tapped into this force and recorded it.
Bretus play high energy, high voltage doom.  They lead the listener along by the nose and snap necks with their turn on a dime song structures and liquify brains with devastating force.  There's an anger in the guitar tone, a deep growl of warning of a hair trigger than might snap at a moment's notice.
It should be emphasized that Bretus play doom metal.  When the riffs are slowed down they cause whiplash, when there's speed involved the band snaps necks.  Their song structures are top notch, usually starting with a terrifically hypnotic riff, then changing direction playing at half or double speed for the bridge, then changing back just as suddenly.  The most striking example of this is in the superlative "The Dawn Bleeds".  I've tried to replicate that bumpy yet exciting structural ride in this write-up to -ahem- mixed results, but Bretus are expert at it.  Such structures create the impression that this band write many songs, then boil them down on record, fitting the pieces together like a jigsaw, just like Black Sabbath used to do it.  The band is Italian so of course there's an element of horror doom in there as well with ghostly swells of organ at just the right moments.  "The Black Sleep", the instrumental track that closes the album, takes this part of the band's sound and runs with it.  This is where they put on their Goblin shoes and go skull kicking.

If there's one single impression I expect listeners to walk away with after listening to this album it's the kick ass heavy riffs, that fall into place one after another like dominoes.  The next thing the listener will remember are the energetic vocals and song structures that will have you turning your head and doing double takes.

What is it about a band and their music that sets off certain and particular memories or images in the mind?  There's an oaken, organic quality to 'In Onirica' that reminds me of the old tall tree-lined gravel road that led to the strange hollow house.  The structures certainly evoke the spirit of the unexpected and an overall feeling of old horror flicks from some golden summer.  However they do it, Bretus takes me to some strange places.  Real places, or places that were real but are now long gone.  Bretus gives those places life, makes them real once again by piercing the veil of dimension by way of sheer concussive force.
Highlights include: "The Dawn Bleeds" and "Down in the Hollow"
4,5/5


HEAVYWORLDS : http://www.heavyworlds.com/site/index.php/reviews/item/9846-bretus-%E2%80%93-in-onirica

C’è dell’ottimo doom un po’ a tutte le latitudini, e che in Italia siano in tanti a saperci fare con questo tipo di suoni è risaputo. Credo invece che non in molti conoscano una interessante compagine calabrese che nel 2012, a seguito di un mini del 2009 autointitolato, ha pubblicato un valido compendio di stoner/doom ligio alla tradizione e al tempo stesso personale nel ripercorrere schemi ben memorizzati dai devoti del genere.

L’entità a nome Bretus si muove un po’, per certi versi, su terreni calpestati in passato dai Thunderstorm, come loro infatti abbracciano il doom in una connotazione molto vicina all’heavy metal puro e insistono su riff incalzanti e diretti, invece che ridondanti e sfinenti.  L’iniezione di ritmo ed energia canalizza chiare inflessioni di hard rock vivace e dalle chitarre mammut, ma con brio, che ha caratterizzato il modus operandi dei Cathedral, anche se in definitiva i Bretus sono più dannati dei colleghi inglesi e fanno affiorare alle narici un pungente odore di zolfo sotto le vesti di beffardi assalti metallici.

La propensione ad abbracciare le bordate dello stoner metallizzato affiora ad ampi tratti e si impadronisce completamente di “Down In The Hollow”, canzone da headbanging puro almeno per tutta la prima parte. La voglia di scatenarsi, sempre dentro una cornice criptica e posseduta che non cede alla solarità per un istante, è la chiave di volta per entrare in piena sintonia con i pezzi di “In Onirica”. I Bretus del verbo sabbatiano hanno introiettato la vena rock saldata alle seduzioni del male e attorno a questa idea hanno costruito un lotto di canzoni lunghe ma non tortuose, con molti spezzoni arrembanti e con vocals piuttosto di facile presa, sporche e sardoniche di preferenza, un po’ stregonesche un po’ poeta maledetto e impazzito, anch’esse in bilico tra asprezze stoner e stile declamatorio doom metal. L’immersione nel sogno evocata dal titolo del disco è patrimonio di arpeggi e assoli effettati, inseriti a spezzare un impasto chitarristico nel quale affiora, oltre ai tumulti hard, una secondaria vena disturbante, quella dei Saint Vitus per intenderci, ma decisamente sfumata, giusto quel pizzico che ne altera appena appena il gusto. Qualche nota più sporca del consueto fa riecheggiare qualche sentore southern/sludge, alla maniera dei Corrosion Of Conformity e dei Down più easy, in particolar modo nella parte iniziale di “Escape”. I Bretus un po’ ti stordiscono, un po’ ti fanno viaggiare, un po’ ti lasciano camminare su pericolanti ponti con vista sull’Ade, ma non puntano mai in una sola direzione e racchiudono umori stoner, inflessioni heavy e un punta di mistero e astrazione. Ombrosi, ma non tenebrosi, i Nostri avanzano con passo deciso e una elaborazione dei pezzi che non si ripercuote  su un immediato appeal, né li fa deragliare nello sfinimento e nella disperazione. Diventano infine spiritici e un po’ spaziali nella strumentale conclusiva, “The Black Sleep”, quando lasciano fluire compiutamente derive psichedeliche prima utilizzate in modo misurato. Soprattutto, quel che conta veramente è che i Bretus avvincono e fanno venire voglia di esplorare attentamente ogni secondo del disco, di soffermarsi con cura sulle singole sfumature, cosa che nel mondo usa e getta di oggi è un traguardo non da poco.


METALWAVE: http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=4911

I Bretus hanno stoffa da vendere: sanno perfettamente cosa sta succedendo intorno a loro, sanno che certe sonorità sono tornate ad essere amate, il doom vecchia scuola, il metal tradizionale, e soprattutto sanno come elaborarlo e come arricchirlo con tocchi personali, non per forza originalissimi, ma pertinenti e inseriti sempre con grande maestria. La base è dunque proprio quella: doom alla maniera dei Candlemass, e non per forza quelli più classici, ma anche quelli degli anni 90, aperti a contaminazioni più moderniste, ma senza perdere la nera traccia dell'occultismo tipica del genere. Oppure si muovono su aperture ai limiti dello stoner più desertico, più metallico e meno fumato, perciò più credibile. Abili anche nell'inserire siparietti acustici d'effetto che alleggeriscono l'intero lavoro e lasciano lo spazio di far sentire un po' di estro chitarristico quasi folk; come a voler richiamare entità oscure degli anni 70 come i Leaf Hound. Atmosfere magiche e arcane vengono sollevate da salutari arpeggi distorti, e da colpi di sintetizzatori tanto sporadici quanto precisamente inseriti. Macigni di chitarre pesanti mosse da onde lisergiche si manifestano in brani come “Escape” e nella magica chiusura finale e strumentale di “The Black Sheep”, in assoluto il pezzo migliore; puntellato di suoni di organo vintage da rituale maledetto, esaltato da momenti acustici di grandissimo impatto, con stacchi al limite della colonna sonora horror da brividi sulla pelle.
Il tutto imbastito senza eccessi di minutaggio insignificante, sette tracce per quaranta minuti ispirati e mai noiosi, registrati come si conviene: chitarre e basso ricchi e corposi, batteria mastodontica e definita. Se avete amato “Dactlys Glomerata”, e vi sciogliete quando sentite anche solo parlare di heavy psy, questo disco vi conquisterà e vi rapirà.


PURORUIDO : http://puroruido.blogspot.com.ar/2013/02/bretus-in-onirica.html



El Stoner y el Doom juntos. El Doom y el Stoner unidos. Combinación que, en caso de estar bien hecha, resulta casi irresistible en algunos casos; irremediablemente irresistible en otras. Como sea, cuando ambos estilos se unen por la gracia y obra de tipos que saben de la cuestión, los resultados suelen recibir los siguientes calificativos: aplastante. Heavy. Malvado. Oscuro. Hipnotizante. Lisérgico. Bretus merecen que esos calificativos se apliquen su música, y merecen unos cuantos elogios también. Claro, con italianos, y como ya sabemos, en Italia las escuelas del Doom y del Stoner cuentan con maestros avezados en las materias. Entonces, si sos un alumno aplicado y aprendes la lección, y, por sobre todas las cosas, si aprendes a aplicar lo que aprendiste, lo más probable es que tu banda suene asesina. Los Bretus aprendieron la lección, y aprendieron a llevar a la práctica todo lo aprendido. Y buscaron los instrumentos y equipos idóneos para llevar a cabo su empresa, así no corrían el riesgo de sonar ajustado y con buenas canciones, pero con un sonido desinflado que juegue en contra de la música del grupo. Hicieron todo como corresponde, por eso “In Onirica” suena como debe sonar y provoca en el oyente el efecto que debe provocar. Suena pesado porque los instrumentos (en especial las guitarras y el bajo) cuentan con amplificadores que emiten sonidos graves hasta decir basta, y los músicos sacan provecho de eso. Suenan densos porque son capaces de crear atmósferas cargadas de bruma y humedad aplastante. Y, obvio, suenan hipnóticos y malvados, provocando ese trance tan peculiar y típico en este tipo de bandas.

Para ir cerrando, y como para darte una pista de lo que hacen los Bretus, te puedo nombrar a bandas como Orange Goblin y Caronte; éstos últimos me resultan similares en la voz a la Danzig que ambas bandas utilizan. Eso y que ambos son italianos, país en donde este estilo cuenta con bandas de alto vuelo. Bretus vienen para confirmarlo.



TEMPLE OF PERDITION : http://templeofperdition.blogspot.fr/2013/01/bretus-in-onirica.html

In Onirica (2012)  is the first full length album of the four piece band Bretus (founded 2000)  from Catanzaro/Italy. They had two releases before, one demo and one EP in 2008 and 2009.

Bretus basically play a traditional style of stoner doom metal, with an edge of sludge to it. So there’s nothing essentially new to it and yet the 7 tracks of In Onirica caught my attention from the first song and kept it to the last one.
 The combination of breathtakingly well written songs and great vocals is extremely captivating and addictive. There are great melodies, catchy choruses, cool riffing, a lot of tempo and rhythm changes. The atmosphere is mostly dark and eerie, matching the “lovecraftian” themes with a strong touch of 70s stoner sounds.
But the really exciting thing is, paradoxically, the unobtrusive use of all the elements. All the goodies are precious for not being abundant. The riffs are heavy but not massive and totally crushing. The strikes of sludge are tiny bolters, almost mere hints. The atmosphere is “occultish” dark, but never brooding. The production is smooth and clear, yet gritty enough to make the guitar sound filthy –  again just a hint. There’s almost a teasing attitude to this unobtrusiveness which is highly enjoyable.

If you love traditional  Stoner/Doom you should not miss this album. Tightly written songs, strong expressive vocals and this special kind of teasing unobtrusiveness make it captivating and unique.





ZWARE METALN.COM : http://www.zwaremetalen.com/recensie/24867/Bretus-In-Onirica.html

In Italië zijn ze de laatste tijd goed bezig op het gebied van doom en aanverwante metalstijlen. Dit geldt ook voor Bretus, dat haar debuutalbum In Onirica uitgebracht heeft.

De band laat zich niet vangen in een hoekje en speelt nadrukkelijk met diverse stijlen, waaronder doom, stoner en sludge. Hiermee weten ze in ieder geval te bereiken dat het een zeer gevarieerd album is geworden, ondanks het feit dat het tempo nooit echt fors omhoog gaat. De gitaarbasis is lekker vol en stevig, wat voor een prima ondergrond zorgt. Er zijn echter ook wat minpuntjes te vinden, zoals het bijna akoestische tussendoortje Leaves of Grass, wat ik nou niet echt op dit album vind thuishoren. Bij het gebruik van de dubbele basdrums klinkt het niet altijd even soepel, zoals duidelijk naar voren komt in Forest of Pain, maar qua gitaarwerk ronkt dit nummer lekker.

Al met al blijft dit een album om met plezier naar te luisteren. Wat mij betreft mag er op deze manier nog wel meer uit Italië komen. Alleen die namen van de bandleden, kom op zeg!
77/100



SON OF FLIES WEB ZINE: http://christianmontagna.blogspot.it/2012/10/recensione-bretus-in-onirica-cd-2012.html

E' indubbiamente con gruppi come i BRETUS (attivi dal 2000) che possiamo vedere un futuro musicale splendente e di grandi speranze per l'underground nazionale.

In questa formazione militano membri di Meat for Dogs, Glacial Fear, A Buried Existence (gente con esperienza). Da Catanzaro, dal Sud Italia, arrivano diretti e convincenti per spaccarci le ossa. Sto parlando di doom metal vertiginoso che non ha nulla da invidiare a nessuna band più blasonata che si rispetti! Questi quattro musicisti emergono dalle viscere della terra calabrese per risucchiarci in questo incubo allucinato governato da streghe deformi, maligne. L'apertura di "Insomnia" chiarisce immediatamente le idee perché i Bretus unti di grasso giungono al luogo prestabilito, nel sabba nero sguinzagliano i loro lupi dimostrandosi più incazzati e malvagi.

Atmosfere raccapriccianti ricamate a dovere per esaltare questo rituale dagli immani poteri, tramite il quale loro analizzano i rapporti tra le immagini visionarie e le reazioni emozionali suscitate da queste. Una tecnica compositiva ragguardevole, sonorità arrangiate in modo superlativo, atmosfere che cucite insieme li fanno approdare verso lidi lontani. La band mostra punti di contatto con i migliori Cathedral, Pentagram, Electric Wizard e naturalmente Black Sabbath, anche se poi la loro musica presenta svariate diramazioni che mescolao insieme l'epicità, la potenza vibrante dei tempi antichi con momenti "dreamy" accattivanti. Sono intricati i brani dei Bretus e ad ogni ascolto senti quel brivido freddo che ti incide come una lama sulla schiena. Perfetti, ineccepibili, bellissimi. Il vocalist Zagarus raggiunge picchi di alto livello per tutta la durata dell'album dando sempre il meglio di se (provate ad ascoltare "Down the Hollow", "Forest of Pain"), le chitarre di Faunus sono efficaci, energiche, emozionali, groovy, un immune maestria nascosta da una coltre di fumo ma pronta ad assalirvi in qualunque istante. Basso, batteria accompagnano questa danza dandone il giusto vestito. Ci sono momenti più flebili come nella conclusiva "The Black Sleep" dove si ascoltano malattie sonore fatte di chitarre acustiche assurde, tastiere e organo che tinteggiano gli sfondi di un film horror senza fine... Tutti e sette i brani sono come sussurri che arrivano dall'aldilà in modo da consentire ai Bretus di compiere malefici quando torneranno alle loro dimore nelle vostre orecchie. Entrate anche voi nella casa degli spiriti e prendete parte al banchetto.

Dopo il mcd di esordio del 2009 questo nuovo "In Onirica" li rende imperdibili. Il disco è stato registrato presso i Soundfarm Studio ed è attualmente disponibile in formato cd (da giugno 2012) per l'etichetta ucraina Arx Productions, mentre a breve ne arriverà una ristampa in vinile. Complimenti! Supportateli e siate fieri di sapere che i Bretus sono Italiani!





METALITALIA: http://metalitalia.com/album/bretus-in-onirica/



Arrivano da Catanzaro gli italici Bretus, e riescono a rendere la calda città calabra una sorta di grigia Birmingham, con il loro fumoso ed ammaliante stoner-doom. Presentandosi con nomi mutuati da un gruppo black di serie Z, ci saremmo aspettati un sound molto più "raw" e diretto, con molte più influenze estreme e sludge, ma il combo ci prende invece letteralmente in contropiede, in quanto la musica proposta è solo lontanamente accostabile allo standard proposto dal "Southern Records sound" presentando, ai nostri impianti stereo prima e ai nostri padiglioni auricolari dopo, una serie di auliche influenze che passano dalla psichedelia per arrivare dopo un lento viaggio alla musica rock settantiana. Ovviamente non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando di doom, quindi non pensiate nemmeno per un attimo che si tratti di un lavoro "soft" e di semplice assimilazione: le chitarre finalmente non si concentrano solo ed esclusivamente nella ricerca di un'accordatura che permetta loro di far vibrare le fondamenta dell'inferno, ma sono qui impegnate nella ricerca di ottimi riff, per nulla ripetitivi ed anzi dotati di una freschezza strappa-applausi. La voce di Zagarus, poi, è dotata di un'ugola che sicuramente può fare la differenza, emergendo da una sulfurea palude come una sorta di sciamanico incrocio tra Ian Astbury e John Garcia, con la sua vocalità piena e rotonda, un'intonazione ottima ed un controllo che gli garantisce la giusta dosa di teatralità senza apparire ridicolo. Ottimo pure l'uso delle chitarre acustiche, che in questo interessante "In Onirica" rivestono un ruolo da protagoniste, disegnando splendide melodie (che in diversi frangenti ricordano non poco alcune atmosfere evocate dai Down di Anselmo) ed arricchiscono armonicamente un disco in cui per fortuna non esistono solo le frequenze ultra-basse e monotonamente telluriche. Premiamo la durata dei brani che ci spinge a riascoltare volentieri il CD, giungendo alla fine dello stesso senza essere particolarmente provati, purtroppo anche in virtù di una tracklist numericamente scarsa, in quanto "Leaves Of Grass" non è null'altro se non un piacevole ed inutile intermezzo strumentale di due minuti che funge da sorbetto tra una portata e la successiva. Ottima produzione, pulita e perfetta per il particolare genere proposto dai ragazzi, con una grossa unica pecca: probabilmente per scelta (in questo caso, secondo noi errata) la voce del singer è stata messa in secondo piano, al punto che sembra quasi che stia cantando da un limbo distante, alieno dalla realtà "fisica" e terrena degli strumentisti. Voce lontana, che rende la proposta maggiormente particolare ed evocativa, ma che penalizza l'ottima prestazione del cantante calabrese, davvero una freccia in più nella faretra dei nostri doomster. Aggiungendo al problema della voce "onirica" una scaletta di solo sei brani, pur ottimi che siano, non ce la sentiamo di sbilanciarci eccessivamente, trovandoci comunque a disagio nel dover frenare un reale entusiasmo per questa valida band. Un disco da sentire, magari nel sonno, sognando il loro prossimo disco e potenziale capolavoro.

7.5





SPIRIT OF METAL: http://www.spirit-of-metal.com/album-groupe-Bretus-nom_album-In_Onirica-l-fr.html

Développant un Stoner Doom tirant légèrement vers le Sludge pêchu et ambiancé, Bretus est né en 2000 dans la ville italienne de Cataranzo sous l'impulsion de Ghenes, guitariste et bassiste de la formation. Après un EP sorti en 2010, les calabrais signent en 2012 pour un album chez Arx Production, qui dès le premier morceau sonne déjà comme un bon cru pour les amateurs.

Si en soi il n'y a rien de révolutionnaire puisque les habituelles influences du style jouent une fois de plus ici, Black Sab, Cathedral voir Candlemass en têtes, la qualité se retrouve néanmoins au rendez vous. On peut déjà remarquer un travail de composition très sérieux et efficace, les morceaux évitant grâce à divers changements de rythme et de riff toute répétitivité, écueil trop courant des formations de seconde zone du genre. Les Italiens savent ce qu'ils veulent jouer et le font avec talent, quittes à ne rien proposer de nouveau sur le fond. Du très bon "Insomnia" à l'instrumental "The Black Sheep", rien dans le cœur des morceaux ne déroutera véritablement l'amateur du genre, en terrain assez bien connu mais appréciable. Il en est de même pour le timbre du chanteur Zagarus, bien dans le ton de l'album et les canons du style. Efficace, privilégiant un relatif punch à une ambiance plus décadente, le chanteur tire son épingle du jeu et offre une prestation agréable, à l'exception partielle du refrain du titre "Escape" et de ses cris pourtant très catchys typés Stoner Sludge qui m'ont légèrement bloqué, de manière entièrement subjective toutefois.

Là où le groupe parvient à se forger une personnalité plus marquée, c'est dans la mise en place des éléments d'ambiance. Que ce soit la présence de claviers (très importante sur le dernier titre notamment), entre atmosphère mystique et sonorités psychédéliques sans doute moins surprenantes, les passages acoustiques comme sur l'interlude "Leaves of Grass" ou les divers sample naturels nocturnes (loups, chouettes..), Bretus se veut porteur d'une atmosphère relativement personnelle. Si certains éléments auraient pût être approfondis ou améliorés, la formation italienne a du moins le mérite d'avoir su créer sa petite touche propre au groupe, d'autant que celle-ci s'avère très appréciable au final, à l'image de la très sympathique (mais relativement surprenante pour le genre) pochette..

Sorti chez les ukrainiens d'Arx Productions, cet "In Onirica" dispose d'une production très solide et relativement propre, qui symbolise bien l'album dans son ensemble: efficace et racé, bien que pas fondamentalement révolutionnaire. Ceci dit, l'originalité n'est pas forcément ce que l'on attend en général du style en question et les aficionados devraient largement s'y retrouver...





KOZMIK: http://www.kozmik-artifactz.com/shop/product_info.php?info=p7427_BRETUS---In-Onirica-CD.html&XTCsid=568e2d9aa06a39e790a03619e8dc1dee

Italian quartet Bretus have released their much anticipated new album In Onirica and I always had the feeling that this band would release something amazing in the future and now it is finally here. Released by Arx Productions, the seven tracks on In Onirica sound fresh, exciting, passionate and surprisingly unique given that the current state of stoner-doom is gotten very stagnant recently. So it is great that Bretus have put out this album that should take the band to the next level of acceptance within the doom and stoner metal community. What you hear on the album is nothing new but the songs are great, memorable tunes that don't blindly follow a certain blueprint but they don't reinvent anything either. Stylistically the band walk a fine line between traditional doom metal, 70s heavy rock, stoner-metal and sludge but they have a personality that is all of their own making.

- http://www.doommantia.com





ARISTOCRAZIA: http://aristocraziawebzine.blogspot.it/2012/07/bretus-in-onirica.html

Ho avuto modo di apprezzare e condividere il mio apprezzamento per la formazione calabrese dei Bretus già in passato e anche in questa sede, i più attenti ricorderanno infatti la recensione dell'ep "Bretus" pubblicata nel 2010.

Ero quindi in attesa di buone nuove e "In Onirica" è ciò che aspettavo di più, il debutto in formato full-lenght.La band dopo essersi accasata sotto la Arx Productions, label ucraina dell'attento Alex, uno che di realtà interessanti ne supporta parecchie, si vedano Smohalla e Insaniae, ha avuto modo di dare maggior spinta all'uscita di un album che era già pronto per essere immesso all'interno di una scena doom sempre più ricca ed esaltante.Vi ricordate i nomi accostati al sound del combo in passato? No? Bene allora ripartiamo da lì: Black Sabbath, Saint Vitus, Goatsnake ai quali potreste ovviamente affiancare altri noti come Down, Candlemass e Orange Goblin.

In poche parole un orgasmo composto di pressione, profondità ed epicità doom, di asprezza sludge ed eleganza blues perché la paternità di quella decade seventies magica e illuminante come nessun'altra è impossibile non tirarla in ballo.

Partendo da questo presupposto comprenderete che l'album non possegga una sola anima dominante bensì sia un contrastarsi di mood classici con altri orientati a calcare la mano sulle correnti sviluppate nel periodo nineties a fare da collante nei pezzi.

Prendete a esempio le due canzoni in apertura "Insomnia", perfetto connubio di maestosità heavy e pesantezza lisergica sludge, e "The Dawn Bleeds", nella quale la venatura blues è maggiormente accentuata, sono lì pronte a dirvi: cosa stavate attendendo se non questo? Le composizioni si arricchiscono di carisma groove in "Down In The Hollow" ma dove c'è la botta, c'è anche la carezza che ti stranisce e infatti vien fuori la più classica delle divagazioni psichedeliche a renderne più "drogaticcio" l'incedere.

Trip intrapreso e non conclusosi lì dato che con "Leave Of Grass", il pezzo più breve del platter con i suoi due minuti e poco più di durata, i Bretus decidono di apportare una riduzione dell'intossicazione di ottani sfruttando una combinazione acustico/elettrica che manda letteralmente il cervello in pappa e vien da domandarsi cosa accadrà dopo?

Il seguito è solo un'estensione di ciò ch'era il prima, si torna sui propri passi lasciando che sia nuovamente il blues a infettare il sound in una barcollante "Escape", si piantano saldamente in terra colonne di cemento epico in "Forest Of Pain" e una fine degna di tanta scorpacciata affidata alla stella in esplosione denominata "The Black Sheep" racchiude in sé in toto le correnti influenza del platter, avvalendosi di una mole atmosferica esagerata grazie al supporto dei synth tipicamente seventies oriented.

"In Onirica" non ha una nota fuori posto, gl'ingranaggi girano perfetti e all'unisono, gli assoli, i ritornelli, la prestazione vocale, non vi è davvero nulla al quale poter muovere una critica, i Bretus hanno prodotto un vero e proprio "capolavoro" del made in Italy e il lavoro di Gianluca Molè nei Soundfarm Studio lo valorizza in pieno.

L'acquisto di un disco simile è immancabile, se poi siete fra i tanti che dicono (o millantano) di supportare la scena nostrana, non avrete proprio scuse, dovrete far vostro "In Onirica", in caso contrario le troppe parole "recitate" a mo' di preghiera risulteranno similari a quelle di tanti amanti del pop che vivono di discografie scaricate, non è accettabile!



MIDWINTER FIRES: http://www.midwinterfires.com/2012/06/review-bretus-in-onirica-2012/



Italy's Bretus is such a fascinating creature…few notes after the beginning of the opener "Insomnia" the vigor of its stoner/sludge doom energy hits vehemently your face. Released by expert Arx Productions, the seven tracks "In Onirica" shows all the band's ability to manipulate the genre (recalling masters such as Cathedral, Black Sabbath) with a huge dose of creativity, maturity and personality, with a fantastic, powerful production. Riffing and rhythmic session are so intense, listen to the following "The Dawn Bleeds" to believe. "Down in the Hollow" surprises two times the listener, first with a bizarre guitar intro, then with a great, fast, exciting sequence, which lead to a slow part, simply stoner at its best. Again, the band's skills are evident, musicians are able to control the "musical matter" with a huge competence, and the track is absolutely a highlight. "Leaves of Grass" is an odd, warm, fascinating clean guitars instrumental with some nice short electric phrases. Brilliant. "Escape" incarnates the true stoner attitude, beautiful riffing, solid structure and superb vocals (the chorus is so captivating), another highlight characterized by a second part sooooo doomy…great song. But surprises don't end, so"Forest of Pain" awaits with its ominous, captivating atmospheres, great rhythm for a song full of energy. Instrumental "The Black Sleep" perfectly concludes with its variety an inspired album, an excellent work performed by a band I'd really like to see on stage. Think they really could become a big thing. Don't miss this release, believe me, it's so refreshing, energizing, exciting, revitalizing, stimulating!

9/10





THE PIT OF THE DAMNED: http://thepitofthedamned.blogspot.it/2012/06/bretus-in-onirica.html

Da Catanzaro giungono degli ululati nella notte. E dicono chiaramente "E' finalmente arrivato l'album dei Bretus, 'In Onirica'!", quindi prendetene ed ascoltatene tutti, miei cari seguaci del metallo oscuro. L'ingannevole packaging d'ispirazione naturalista e in font celtici, devo dire che mi ha spiazzato subito, in quanto mi aspettavo di trovarmi davanti un mutamento di sound vicino ai Mael Mordha. Non preoccupatevi, i rilievi psichedelici sono rimasti, ma c'è comunque un'inafferabile atmosfera uggiosa di boschi, verdi campagne incontaminate e druidi che si passano spinelli. Tutti elementi che richiamano anche una grande band del passato, i Pagan Altar. Difatti i Bretus non si discostano molto dal primo doom metal, e riescono a renderlo più personale, più tagliente e più pesante. Le composizioni vanno oltre all'apparente riffone colmo di droga e spessosità. Radicati all'interno delle strutture possiamo incontrare splendidi assoli anni '70, arpeggi delicati, un basso che sa gestirsi bene nel non risultare scontato, e delle tastiere responsabili dell'ambiente etereo che circonda tutta questa pubblicazione. Coglie subito la mia attenzione la voce, esattemente quella che chiunque voglia ascoltare del buon doom classico cerca. Le tracce sono varie e frutto di una grande creatività, addirittura "Leaves of Grass" mi ricorda molto le sonorità di "Led Zeppelin III" mentre accosto la chitarra di "Down in the Hollow" a "Utopian Blaster" dei Cathedral. Ma il quartetto calabro non si ferma qui, e in chiusura passano ad uno scenario più colorato e psichedelico, chiudendo con "The Black Sleep", 8 minuti di delirio che richiama gruppi precursori del doom come i Black Widow. La produzione tende ad oscurare i suoni ed a tagliare le tonalità, ma questo contribuisce a creare l'atmosfera cupa ideale per questo disco. Un debut eccellente, per tutti gli amanti del doom classico, caratterizzato da una vena psichedelica.

80/100





IYEZINE: http://www.iyezine.com/recensioni/1904-bretus-in-onirica.htm

Giuntomi dopo un'audace quanto improbabile, fino a qualche anno fa, triangolazione Catanzaro - Donetsk - Genova, il cd dei Bretus si rivela di valore direttamente proporzionale al numero dei chilometri (reali e virtuali) percorsi.

L'esordio su lunga distanza della stoner band calabrese è l'ennesima gemma preziosa che si va ad aggiungere alla già cospicua collezione di cui si fa vanto la scena italiana in questo 2012 smentendo, almeno dal punto di vista strettamente musicale, chi da tempo ne recita il "de profundis"…

"In Onirica" inizia con una serie di ululati che introducono "Insomnia", brano che nella sua alternanza tra doom classico e momenti più psichedelici delinea quello che sarà il tema che ci accompagnerà lungo l'intera durata dell'album: pezzi mediamente lunghi ma non prolissi, ritmi cadenzati ma non pachidermici, riff pesanti ma non monolitici, con tutti i musicisti sempre in bella evidenza e naturalmente predisposti a variazioni di tempo e di atmosfere perfettamente amalgamate al contesto.

"The Dawn Breeds" e "Down in The Hollow" si mantengono al livello qualitativo dell'opener mentre "Leaves Of Grass" è un piacevole intermezzo psichedelico strumentale.

Il riffone che apre "Escape" ci ricorda prepotentemente che ci si muove comunque in territori doom, per quanto le sonorità care a Saint Vitus e Candlemass siano costantemente arricchite da venature psichedeliche e prog; "Forest Of Pain" è un ulteriore traccia di estremo valore, dall'incipit che sfiora il blues per poi dipanarsi in passaggi più rocciosi e di rara intensità.

Tutto questo basterebbe e avanzerebbe per definire "In Onirica" un album del tutto riuscito, ma l'autentico valore aggiunto arriva con il brano di chiusura, lo strumentale "The Black Sleep", otto minuti di delirio dark-psichedelico, graziati dal prezioso contributo dell'hammond a cura dell'ospite Gabriel Gigliucci.

Un consiglio, forse superfluo, che mi sento di fornire, è quello di gustare l'album nella sua interezza, cosa tutt'altro che complessa visto che il quartetto ha contenuto la durata complessiva entro i quaranta minuti. Zagarus con la sua voce evocativa e perfetta per il genere, Ghenes e Faunus sempre incisivi alle quattro e sei corde, coadiuvati dal fondatore della band Neurot, qui in veste di ospite, e Sest con il suo efficace lavoro percussivo, compongono una squadra vincente nella quale il collettivo spicca molto più delle comunque notevoli doti dei singoli.

Quest'album possiede secondo me, tra gli altri pregi, quello di essere appetibile anche per un pubblico non di "settore", intendendo con questo che, anche chi non fosse avvezzo alle tipiche sonorità del doom, potrà apprezzare compiutamente la grande musica racchiusa all'interno di "In Onirica".

8/10



PEST WEBZINE: http://pestwebzine.com/index/july_2012/0-567

If you don't know this band, by this album's intro you would never guess you're dealing with a Stoner Doom band but you'll rather bet for a Black or Pagan Metal one. So I did and I was wrong, of course. Although Bretus were formed in 2000, "In Onirica" is their debut album, after 12 years of existence. Well, maybe they had some time off in the meantime, but that still doesn't explain how come from 2000 to 2008 they have no release out, what kind of band existence is this? Anyway, "In Onirica" contains 7 tracks totaling 40 minutes of old-school Doom Metal with Stoner influences reminding of Doom gods like Cathedral, Saint Vitus and Black Sabbath, and I don't say this only because the abovementioned bands are the forefathers of this genre, Bretus have managed to really capture and even exploit those types of composition so that the final result sounds both dusty old and fresh. The good production on this album plays an important role on the overall impression but the most important thing is that they show commitment to not only copy the masters but develop and refresh those ideas. I guess this album will be a real treat for old-school Doom Metal followers so if you're one of them get this album immediately, you won't be disapointed.

Reviewed by Adrian

Rating: 8.5/10



ITALIA DI METALLO: http://www.italiadimetallo.it/recensioni/7703/bretus/in-onirica

Con un sinistro ululato si apre il nuovo disco dei Doomster Bretus, sulla scena ormai da un pò, con una bella formazione consolidata.

Ad aprire le oscure danze è Insomnia, Doom Downtempo con quel sapore stoner che gli inglesi Cathedral han seminato e tante band, Bretus compresi han raccolto.

Si prosegue con il bell'incedere di The Dawn Bleeds, brano classico stonereggiante che definisce ancor di più la passione che questi ragazzi hanno per il genere, con una bella prova vocale di Zagarus.

D'improvviso un arpeggio folgorante apre le danze di Down in The Hollow, sapore settantiano nel riffing, bellissimo rallentamento centrale con quei trilli di chitarra che rimandano a tempi passati.

Davvero bella la produzione, calza a pennello al genere, anche nelle chitarre acustiche di Leaves Of Grass, brano ricercato e particolare, per un pubblico che sa ascoltare, così come nel successivo Sabbathiano Escape.

Personalmente il brano che preferisco è Forest of Pain, in cui oltre allo stile della band ne vengono fuori dei suoni di Basso davvero stupendo con degli arrangiamenti ben fatti.

Chiude questo piccolo capolavoro del doom la strumentale Black Sleep, una chicca con tanto di suoni di tastiera tra l'oscuro e l'hammond

Da avere per tutti coloro ascoltino Doom , fatto di cuore e passione.

8/10



MONDOMETAL: http://www.mondometalwebzine.com/Recensioni/InOnirica.php

Sono trascorsi ben dodici anni dal lontano punto zero in cui Bretus prese vita e, attraverso i suoi quattro avatar, quest'anno vede la luce il secondogenito e primo full length "In Onirica", uscito in versione disco per l'etichetta ucraina "Arx Productions", mentre per i più nostalgici ne uscirà una versione in vinile per la "Blood Red Records" il prossimo settembre. Registrato ai "Soundfarm Studios" di Gianluca Molé (Glacial Fear, A Buried Existence, Zora) che ne ha curato l'intero missaggio e mastering, "In Onirica" è un lavoro poliedrico che trasmuta in quaranta minuti elementi del doom di Saint Vitus, Sabbath, Goatsnake, Candlemass e tanti altri, con il southern/slug dei Down (principalmente), a cui si aggiungono iniezioni di psycho e dark ambient.

La particolarità di questo disco è che tutti questi elementi si possono assaporare distintamente in ogni brano, in grado di trasmettere una notevole dose di personalità al sound dei Bretus: le chitarre arrugginite dal fuzz che introducono l'opener "Insomnia" diventano più grasse e groovy in "Down in the Hollow", mentre la voce, elemento che personalmente mi ha colpito in assoluto, è ricca di pathos e dotata di una versatilità in grado di mutare, in "Escape", in harsh vocals che trasmettono malessere.

Perla nera del platter è la conclusiva "The Black Sleep", pezzo strumentale a mo' di film score, che trasuda dark ambient con una vena psichedelica, insaporito senza tralasciare un buono stoner/doom che regge le battute finali.

"In Onirica" è un lavoro ben scritto e performato, ha il suo retrogusto vintage e si spinge su lidi sperimentali in grado di arricchire il sound e renderlo ancora più piacevole: Materia Oscura del doom made in Italy.

Voto: 8



HEAVYMETAL SPOTLIGHT:http://heavymetalspotlight.blogspot.co.uk/2012/06/168-bretus-in-onirica.html

In Onirica is the promising debut full-length by Italian doom-metal outfit Bretus. I'd not heard of the band until they sent me a download of the album and asked me to review it, and, today, about a month later, I've gotten round to reviewing it. From the very onset of the music, it became apparent that the band are a force to be reckoned with.

Sound wise, Bretus seem to sit on the line between being bluesy, psychedelic and "stoner" doom and something more epic and traditional. Crushing and head-nodding, but also imbued with a thoroughly clean feeling, with tones which are murky, but also have a wide open and clear-headed. The kind of doom which you don't have to take any drugs to fully enjoy. The production of the album, especially, is extremely agreeable, sounding very, very natural and really bringing everything together in the most wholesome way possible - to be vague, the production is simply nice, certainly ticking all of the boxes for what I look for in production - the guitars sound organic, clear, but also pleasingly enveloping, in that quintessentially doomy way, and the drums sound fresh and un-tampered with. The songs are solidly written, with massive riffs which are very much larger than life, memorable and often very well written. The whole album feels like that; solid, professional, and very much a cohesive, complete sounding work.

The album isn't entirely mono-stylistic however, and there's definitely enough diversity and experimentation to keep the album interesting and engaging. While consistent, the songs also journey through a fairly interesting range of experimentation, with twists of many styles here and there; acoustic sections, and darker, almost occult sounding parts which differ from the albums typically epic, somewhat light sound. The occasional more energetic, higher-tempo material also kept my attention, and certainly gave the album an injection of force and movement. The album also shows plenty of imagination, with songs like the closing instrumental "Black Sheep", aptly named for sticking out from the rest, bordering on the insane, with all manner of keyboard work, tempos and styles mashed into one splendidly mind-boggling track. The vocals, throughout the album, have an epic, melodic egde, but also possess a toughness which keeps the music a little rough around the edges, to good effect - Bretus may have made an epic doom album, but it's definitely not over-the-top, at least, not in a bad way.

I'm impressed by Bretus, and I can safely say I recommend their music to anyone who likes doom in all it's forms. In Onirica is a solid, very complete sounding album, and is fantastically well-rounded. If the band can keep up the quality of this release, they will achieve great things.

8/10



ITALIAN METAL: http://www.italianmetal.it/recensioni/archivio-recenti/1976-bretus-in-onirica

La sempre attiva scena doom italiana si arricchisce in questo 2012 con il debutto dei Bretus, formazione proveniente da Catanzaro e attiva dall'inizio del nuovo millennio che, dopo un demo e un EP, si presenta con 'In Onirica', full-length in uscita per Arx Productions / Blood Rock Record (la prima per la versione CD, la seconda per quella vinile). Il combo calabro è autore di un particolare doom ispirato ai grandi del genere ma influenzato da psichedelia, sludge, heavy settantiano e naturalmente dalle atmosfere orrorifiche che da Lovecraft a Bava hanno fin dagli albori dato le tematiche a queste sonorità.La band si forma nel 2000 per idea di Ghenes (basso) principalmente come un progetto in studio, a cui si unisce Neurot alla chitarra e nel 2008, con l'aiuto di Zagarus (voce) e Sest(percussioni), viene registrato un demo da quattro tracce. Due anni dopo è la volta del primo EP, pubblicato dalla MadDie Records, che ci presenta cinque nuovi brani che ricevono buoni responsi dalle webzine. Nel frattempo la line-up vede l'ingresso del nuovoFaunus alla chitarra, che va ad unirsi a Ghenes, Sest e Zagarus. Con questa line-up iniziano le registrazioni ai Soundfarm Studios di Gianluca Molè di quello che sarà il loro debutto: 'In Onirica'.Ululati orrorifici ci aprono la strada a "Insomnia", un heavy-doom massiccio e dal retrogusto psichedelico, forte di atmosfere plumbee ma mai soffocanti: la traccia si presenta imolto lineare nei 4 minuti iniziali, per poi prendere una piega inaspettata sul lungo finale fra lo strumentale e una ripresa più cadenzata, ma non meno lenta, del tema centrale. Anche "The Dawn Bleeds" si presenta divisa in due parti, la prima molto in linea con il classico doom sempre distante dalla lentezza propria del genere, la seconda invece viene introdotta da una lunga sezione strumentale fino alla ripresa della prima parte. Particolarissima è "Down in the Hollow", traccia che incarna pienamente lo spirito heavy metal pur con qualche rimando al doom settantiano, mentre "Leaves of Grass" è un semplice ma godibile intermezzo di chitarra in vista delle ultime tre canzoni. "Escape" riprende la vena un po' doom un po' stoner del gruppo, qui presente con potenti riff e un cantato lontano dai classici, mentre "Forest of Pain" propone una delle melodie più particolari dell'album, un buon brano che ben miscela le varie influenze, anche quelle più psichedeliche, del combo. Infine troviamo "The Black Sleep", probabilmente il brano più entusiasmante del disco: si tratta di una strumentale di quasi 8 minuti in cui i nostri includono allucinate tastiere e splendide parti di chitarra, fra riff e melodie soffuse, il tutto a comporre uno dei brani più ispirati dei Bretus.Una buona sorpresa in definitiva questo disco di debutto della band calabra: supportati da una registrazione professionale e con tante buone idee, 'In Onirica' renderà soddisfatti coloro che cercano sì sonorità tradizionali, ma capaci di rendersi uniche e ben riconoscibili. Unica pecca del disco è probabilmente la breve durata, 40 minuti scarsi per soli sette brani (di cui un intermezzo da 2 minuti), ma si tratta probabilmente di una scelta ben voluta dalla band. In ogni caso date una chance a questo nuovo gruppo se i generi citati sono di vostro gradimento: la versione CD, già disponibile, si presenta con un breve booklet, mentre per la versione vinile occorrerà attendere fino a settembre.

7,5/10



DOOMMABBESTIA: http://doommabbestia.blogspot.it/2012/06/bretus-in-onirica.html

In Italia qualcosa inizia a muoversi per davvero......ebbene sì, il gruppo di cui parliamo oggi è originario della Calabria ed esattamente di Catanzaro. I Bretus nascono nel 2000 dalla mente di Ghenes ma bisognerà aspettare il 2008 per le prime registrazioni e nel 2010 arriva il primo MCD dall'omonimo titolo sotto MadDie Records . Nel 2011 la band entra in studio per le registrazioni di In Onirica che vedrà la luce nel 2012 sotto Arx Productions, etichetta Ucraina, scelta un po' inusuale ma non per questo di minor valore.

Le tenebre raggelano il nostro animo fin dall'inizio, lupi che ululano e ci catapultano all'interno di una foresta, completamente soli......dove solo la fievole luce della luna può farci da guida ed è questo lo stampo che la band ha volutamente dato all'intera produzione. Ottimo cocktail di Doom classico mischiato a sprazi di progressive e psichedelia, quasi a voler rievocare dei mostri sacri come i Cathedral.

La traccia d'apertura, "Insomnia", ci catapulta direttamente nella mischia mettendo in mostra le ottime qualità della band, la voce calda di Zagarus cavalca potenti riff che portano la nostra mente a ritrovarsi realmente all'interno di quella foresta sopra citata e l'unica soluzione è proseguire nell'ascolto per ritrovare il sentiero, rimanendo sempre in allerta perchè le creature della notte sono in agguato. Con "The Dawn Bleeds" e "Down in The Hollow" i Bretus mettono in evidenza la loro vicinanza alle sonorità classiche, la prima di stampo Sabbatthiano mentre la seconda più vicina al metal più "classico" con sottili sprazi progressive a fare da contorno. Il nostro viaggio continua con una piccola pausa dove sarà possibile rifiatare grazie alla chitarra acustica di "Leaves of Grass" .

"Escape" e "Forest of Pain" scorrono lisce come l'olio e non discostano dalle caratteristiche della band già citate confermando quanto questo viaggio nell'oscurità debba essere assolutamente percorso in quanto toccasana per la mente di chi ascolta. L'ultimo passo verso la luce è dato da "The Black Sleep" , brano interamente strumentale e più complesso a livello strutturale dove vengono messe in evidenza le ottime qualità dei musicisti che riescono ad inscatolare un piccolo gioiellino. Si passa dallo spirito progressivo anni '70 fino al sound del Doom classico, davvero un brano che chiude in bellezza un lavoro davvero ottimo.

Siamo riusciti ad uscire dalle tenebre che avvolgevano la foresta in cui ci trovavamo e i Bretus hanno accompagnato questo intenso viaggio come la miglior colonna sonora accompagna un film.....beh, che dire a questa band........Doom On!



HARDSOUNDS: http://www.hardsounds.it/recensione.php?id=8446

A cos'è dovuta la scelta dell'etichetta ucraina? Sarà che tutte le altre hanno problemi di udito? O forse la stessa band ha voluto affrettare i tempi di uscita, preferendo questa piuttosto che qualcuna più dedita a questo settore? Fatto sta che 'In Onirica' suona maledettamente bene, e ci auguriamo che brani come l'energica strumentale posta in chiusura (che in alcuni frangenti si allontana ai territori cari ai Bretus) o la massiccia "Forest Of Pain", riescano a trovare ampi spazi ove urlare la loro rabbia. Non è un lavoro complesso, è un doom tradizionale dove si pesca sull'immediatezza di giganti quali Saint Vitus o anche i Down. Sprazzi non invadenti di psichedelia fanno capolino qua e là, mentre è l'ottima opener a nostro avviso a rappresentare la cima di questo lavoro: immediata, costruita su una buona sezione ritmica. Un genere in cui i nostri hanno deciso di buttarsi a capofitto consci del fatto di poter trovare un degno seguito. E siamo sicuri che ciò accadrà nei prossimi mesi.





VASKARC(UNGARY): http://www.vaskarc.hu/articles.php?article_id=681

Az olasz Bretus egy 2000-ben alakult doom metál formáció, In Onirica c. lemezük pedig egyben a nagylemezes bemutatkozásuk, bár 2008-ban és 2009-ben egy demó és egy EP formájában már elkészítették viszonylag komolyabb volumenűnek mondható anyagaikat. Hogy a zenekar nyolc évig mit csinált, hogy még demók sem készültek, jó kérdés, nagy eséllyel mások dalait játszhatták... Ámde itt a nagylemez ettől a négy csuklyás fazontól, amin érdemes volt a Bretusnak időtlen időkig ücsörögnie, ugyanis a doom metál hívek számára egy igazi ínyencséggel szolgálnak a srácok. A lemezt a lejátszóba téve, egyszer csak arra lettem figyelmes, hogy valami füstöl...Szerencsére nem az apparátus, hanem az In Onirica dalai akarnak felrobbanni...

Elsőre talán túl könnyű véleményt mondani az In Oniricáról, hisz Marco Veraldi személyében ezúttal is egy Ozzy típusú énekest kapunk a milliónyi pályatárshoz hasonlóan, bár kevésbé nyavajgósan és magasan, illetve az okkult és tradicionális doom metálra jellemző, sebességet csak hírből ismerő mélyrehangoltan bizsergő-zsibbasztó riffek mellé, kimondottan erős atmoszférával és hangulattal, fogósnak aligha nevezhető, viszont hatásos és már-már mágikus-spirituális töltetű dalokkal, amikbe azért őszintén szólva könnyedén bele tud az ember révedni. Bizonyos tekintetben tehát idézi a Bretus a legszebb Black Sabbath, Lord Vicar, Count Raven-féle hagyományokat, ám a csavar abban rejlik, hogy a Calabriai srácok gyakorta átcsúsznak arraa a groove-központú, szólózós, délies-ízű stoneres felségterületre, aminek mai napig a Sleep és a Down a nagy királyai, így pedig már mindjárt nem annyira egydimenziós a kép...Ráadásul mindkét irányt tekintve rendben van a zenekar, ha a fülledt misztikumra és az ősi sötétségre van szükség akkor abban jók, ha a groove-oknak kell húzniuk és a húroknak füstölögniük, akkor abban...Tradicionális anyag lett az In Onirica, amibe azért sikerült egy kis fiatalosságot is belecsempészni, bár azok, akik ezt a muzsikát igazán hitelesen el tudják játszani, azok már igencsak benne vannak a korban! Azért egy kis kísérletezésre is jutott idő a végén, a záró The Black Sleep színes gömbökkel álmodó szintetizátoros/hammondos/elektronikus súlytalan lebegése valami érdekes anyag végterméke lehet, amit még a stúdióba menet szívhattak a srácok, kicsit bele akartak szagolni a 60-as évek pszichedelikus és space rockjába is...

Mivel a Bretussal hasonszőrű zenekarokat tényleg csak a legapróbb nüanszok választják el egymástól (sokszor csak az Ozzy-féle énekhang milyensége, haha...) így akik jobban képben vannak az eféle zenék terén, azoknak talán még hangsúlyosabbak lehetnek ezek a kis nüanszok...Márpedig az olasz srácok a maguk szűkre szabott keretein belül egy jó kis lemezt készítettek, amire biztosan nem fog az ember mérföldkőként tekinteni, ám kétségkívül egy tartalmas kis ajándék ez a hagyományos doom és stoner zenék iránt elhivatottak számára! Ötletekből nem volt hiány az In Oniricán, bár a két legenda, azaz a Black Sabbath és a Down hatása elég markánsan terelgette a zenekart végig ezen a hét szerzeményen....Atombiztos és egységes nyolc pont ez itt kérem, így aztán különösképpen felesleges is lenne a jobb momentumot kiemelni, hisz végig nagyon rendben van amit hallunk, bár mind az Escape nyüglődő énektémája és vezérdallama, mind a the Black Sleep önkívülete kelleti magát a többszöri újrahallgatásra...

8/10



STEREOINVADERS: http://www.stereoinvaders.com/index.php?option=com_content&view=article&catid=3:underground&id=7602:bretus-in-onirica&Itemid=16

Calabresi, con un EP all'attivo, nati per diffondere lo stoner/doom nell'underground - così dicono - e scarsamente interessati alla dimensione live; i Bretus oggi approdano al proprio full-lenght di debutto con "In Onirica, pubblicato dalla label ucraina Arx Production. Già l'artwork che ci introduce all'ascolto lascia pochi dubbi sulle atmosfere collose e i colori caldi che i Bretus intendono incollarci addosso. Oltre a cactus e deserto, anche la letteratura dell'orrore classica e la cinematografia dello stesso genere sono una importante fonte di ispirazione per la band. Insomma, i Bretus amano lo stoner e il doom, ne adorano ogni cliché, ogni stereotipo, ogni abitudine e riferimento, e a quelli si attengono per imbastire il proprio discorso musicale, badando bene di non uscire dal seminato, ma semmai spargendo a piene mani tutti gli ingredienti giusti affinché il loro "In Onirica" possa accontentare i cultori più intransigenti del filone. Il calderone ribolle, con lunghe songs dalle ampie porzioni strumentali a tutto "trip", siete pronti ad assaggiarne una romaiolata?



The New Noise: http://www.thenewnoise.it/bretus-onirica/

Spetta agli ululati aprire il secondo capitolo della saga Bretus, realtà stoner doom nata in seno alla sempre attiva scena catanzarese. Se già il primo capitolo aveva incuriosito, tanto che i Bretus erano finiti su varie compilation (a partire dall'Italiana Desert Sounds per raggiungere persino gli States), questo secondo assalto conferma come la band sappia diversificare la propria matrice stoner per aprirsi verso lidi psych e hard-rock, a rendere In Onirica un lavoro fedele alle radici ma non monocromo, chiaramente legato ad una scena specifica eppure non privo di appeal per ascoltatori non ortodossi. Sin dall'iniziale "Insomnia" si capisce di trovarsi di fronte a un lavoro solido nella scrittura e negli arrangiamenti, non del tutto originale eppure forte di una buona personalità e di una notevole padronanza della materia. Nonostante le molte spezie che arricchiscono le sette composizioni, l'ascolto procede in maniera scorrevole e riesce ad alternare senza troppi scossoni brani ricchi di atmosfere desertiche, potenti assalti hard e cavalcate psych all'interno di una scrittura dinamica e, al contempo, coesa, segno di una formazione matura e rodata. La stessa scelta di chiudere le ostilità con uno strumentale dimostra la voglia di mettersi in gioco e giocare tutte le carte del mazzo, qualità imprescindibile quando si sceglie un linguaggio che definire ormai esplorato in ogni suo angolo appare come un vero eufemismo. La realtà è che, finita la sbornia di formazioni stoner e posatasi la polvere, si può oggi ricominciare a parlare di alcune realtà come i Bretus con la giusta prospettiva e la necessaria lucidità. Se, come ormai appare evidente, l'Italia si prepara ad un interessante ritorno a questi suoni, i Bretus dovrebbero avere garantito un proprio posto sotto i riflettori, questo almeno il nostro augurio.....





NTERVIEWS



ARISTOCRAZIA: http://aristocraziawebzine.blogspot.it/2012/07/bretus.html

METALLIZED: http://www.metallized.it/articolo.php?id=1544

SONS OF FLIES: http://www.christianmontagna.blogspot.it/2013/01/intervista-bretus-le-radici-del-doom_7881.html









REVIEWS/INTERVIEWS 2008-2011





DOOM METAL FRONT: http://doommetalfront.blogspot.com/2010/08/bretus-st.html?spref=fb


BRETVS kommen aus der italienischen Stadt Catanzaro und liefern mit ihrem Mini-Debut eine recht gelungene Mischung aus traditionellem Doom, Heavy Rock, bluesigem Stoner und einer Prise Sludge ab. Marko (Gesang), Ghenes (Bass), Neurot (Gitarre) und Sest (Schlagzeug) streifen mit dem Song „Sitting On The Grave" die Musikgründe von Cathedral und ihrer Landsleute von Doomraiser, schauen während „From The South" bei Trouble vorbei, machen mit „Dark Cloaks Arrive" eine kurze instrumentale Pause bei Down, um danach „In Onirica" wieder auf Trouble zu treffen. Zuguterletzt entführt mich das Riffing von „The Only Truth" noch in die Heaven And Hell Ära von Black Sabbath, womit die Doom-Reise einen würdigen Abschluss findet. Das morbid-ästhetische Cover Painting stammt von der irischen Künstlerin Guerrilla-Sgraffito, die bereits auf Veröffentlichungen von Ocean Chief, The Wounded Kings, Procession, Moss und Seamount für die passende optische Stimmungsuntermalung sorgte. Die MCD von Bretus gewinnt dadurch neben den von H.P. Lovecraft inspirierten Lyrics an Tiefe, auch wenn sie das Genre nicht neu erfindet. Solide und unterhaltsam ist sie aber allemal und als Hommage an die aufgezählten Musikstile sowie Filmregisseure wie Mario Bava zu verstehen (man höre dazu das italienisch-sprachige Movie-Sample am Beginn des Openers). 7,5/10 (by Mo)))urner)


TRANSLATE:

I BRETVS provengono dalla città italiana di Catanzaro e forniscono col loro minicd di debutto una miscela piuttosto vincente di Doom tradizionale, heavy rock, stoner blues e un pizzico di sludge. Marko (voce), Ghenes (basso), Neurot (chitarra) e Sest (batteria) toccano con la canzone "Sitting On The Grave" i territori musicali di Cathedral e Doomraiser

loro compatrioti, guardano ai Trouble su "From The South", fanno una

breve pausa strumentale alla Down con "Dark cloaks arrive", poi con "In

Onirica" di nuovo ad incontrare i Trouble. Alla fine ma non meno

importante sono rimasto rapito dal riff di "The Only Truth" ancora in

stile Black Sabbath epoca "Heaven & hell" che da a questo viaggio

doom una degna conclusione. Il morboso quadro di copertina è dell'

artista irlandese Guerrilla Sgraffito, che ha già pubblicato le uscite

di Ocean Chief, The Wounded Kings, Procession, Moss and Seamount la

quale realizza un' adeguata immagine di sfondo. Il MCd dei Bretus

perciò convince con l'aggiunta di testi ispirati alla profondità di HP

Lovecraft, anche se non reinventano il genere. Solido e divertente, ma

è sempre da intendersi come un omaggio agli stili musicali elencati

così come a registi come Mario Bava (basta ascoltare l'intro campione

del film all'inizio della opener). 7,5 / 10 (Mo))) Uri)



STEREO INVADERS: http://stereoinvaders.com/index.php?option=com_content&view=article&catid=3:underground&id=4725:bretus-bretus-&Itemid=16


Il project Bretus ci fu sottoposto da Marko, già conosciuto sulla nostra webzine con gli Uranium 235. I lidi calcati dal vocalist sono qui quelli dello Stoner e del Doom, con alcune chiare citazioni all'old school e allo Psychedelic. EP decisamente interessante, che pesca a piene mani dai più caleidoscopici filoni del genere, riuscendo a convincerci e ad incidere. Per prima cosa, ciò che su tutto spicca, è la capacita di colorare atmosfere evanescenti ed oniriche. Estasi che sa di esalazione conturbante ed oppiacea, cadenze che gustano di urlo lancinante, vortice di emozioni che tutto innalzano. Le accelerazioni e le suite di chitarre ci abbagliano, piglio che ci contamina e che poi assimiliamo, come calore che abbraccia, e che respiriamo come polvere del deserto. Dietro a questo sentore e sensazione, tipiche dello stoner, si nascondono una moltitudine di colori, esoterica citazione che evoca spiriti che si credevano perduti. La tempesta così si muove, sbuffando tutta la sua reazione e mostrandoci le meraviglie che da epoche passate, ora riaffiorano alla luce del sole. Luoghi di culto di antiche divinità dal fascino incontaminato ci permettono di ammirare scritture di ere passate. Lasciamoci allora ipnotizzare dai Bretus, project project da cui ci aspettiamo molto e che ci auguriamo producano ancora qualcosa di nuovo. Complimenti ragazzi, avanti così!



ARISTOCRAZIA WEBZINE: http://aristocraziawebzine.blogspot.com/2010/10/br

etus-dark-cloacks.html


La Calabria continua a mostrarsi regione attiva e propositiva, i Bretus differiscono però dalle realtà che vi abbiamo già presentato fra le quali ricordo Zora, Land Of Hate e Carnal Gore per il semplice fatto che i ragazzi sono legati a un altro movimento musicale: lo stoner/doom.

La formazione prende vita nel 2000 dalla mente Ghenes (basso) che in accoppiata con Neurot (chitarra) inizia a dar forma ai primi pezzi, la line up viene completata con gli inserimenti di Sest (batteria) e Marko (voce), ciò da ulteriore spinta alla nascita del demo partorito nel 2008.

Passa un solo anno e il motore si riavvia, le direttive sono quanto di più classico e piacevole un'amante dello stile possa ritrovare, le influenze di casa Sabbath, lo stoner di Wino e soci così come la psichedelia desertica dei Goatsnake si convogliano in unico flusso che da come risultante i cinque brani dell'ep "Dark Cloacks".

Non c'è nulla di nuovo sotto il sole e del resto il territorio già battuto lo si deve sempre e comunque saper interpretare e far proprio ed è nel carattere che i Bretus hanno una delle qualità migliori, s'impongono con l'opener "Sitting On The Grave" e "From The South" grazie a un riffato imponente e massiccio, scuro, andante, dai toni seveties accentuati dove la voce è libera di stagliarsi sopra alternando a un buon clean fasi grattate maligne e "urlando" quando ne sente il bisogno.

Suonano pesante, suonano cadenzatamente pesanti con la batteria pestata a rimarcare l'incedere come un piede che affonda volutamente la propria figura nel terreno, è quindi in un certo senso prevedibile quanto apprezzabile l'innesto di uno strumentale che spezzi le catene solide portando in rilievo la vena più sognante e atmosferica ed ecco quindi arrivato il turno di "Dark Cloacks Arrive".

La canzone ammanta l'ascoltatore ricoprendolo con un velo grigio fitto e malinconico tessuto dal mood tristemente acustico che la rende particolarmente affine a dare un degno riposo dalla frenesia che il resto del mini platter ha in dote, pausa breve ma intensa.

Con "In Onirica" è il groove fornito dal comparto ritmico a fare la voce grossa, basso e batteria si compattano e la chitarra infila un riffone dietro l'altro con l'innegabile Iommi a ispirazione, vorrei anche vedere, suonare questo genere e non amare i Black Sabbath sarebbe una contraddizione alquanto folle, "The Only Truth" infine accresce la sensazione di heavy impact aggiungendo altra carne al fuoco, la svolta verso una direzione più eighties e un cambio in corsa nella parte centrale la rendono coinvolgente e gli assoli s'incastrano alla perfezione nell'intelaiatura creata, "Dark Cloacks" finisce e un sorriso di soddisfazione rimane sul viso.

Ben prodotto e con una discreta cura per quanto riguarda gli arrangiamenti, è una bella presentazione quella messa in atto dai Bretus, se le coordinate su cui in futuro continueranno a muoversi manterranno la stessa energia e riusciranno a inserirvi un minimo di personalità propria nei brani (la derivazione in questo caso non è una colpa ma un credo) potrebbe scappar fuori un gran disco.

Non ci resta quindi che attendere e seguirne il percorso, ragazzi siete avvisati: una volta tirato il sasso non si può nascondere dietro la mano sia chiaro!




ITALIA DI METALLO: http://www.italiadimetallo.it/recensioni/3415/bretus/dark-cloaks


I Bretus sono una band catanzarese voluta e ideata dal mentore e attuale leader Ghenes. Formatisi già nel 2000, e dopo vari cambi di formazione, nel 2008 assieme a Neurot, Marko e Sest, giunti, quindi, a una certa stabilità, i Nostri, oramai maturi, decidono di comporre una manciata di brani degni di una meritevole produzione discografica.

Nel 2010 giunge l'opportunità artistica tanto bramata, la Maddie Records pubblica l'attesissimo l'Ep d'esordio dal titolo Dark Cloaks.

Sin dalla sua genesi il progetto Bretus intendeva omaggiare, nelle sue diverse sfumature, il genere doom-stoner, finalizzando quest'opera alla sola produzione artistica, tralasciando volutamente l'esposizione in sede live.

L'Ep in questione non mostra, e direi, non cerca nessuna forzata innovazione, nel genere sopra citato, difatti, rimandi alle band capostipiti, che ne hanno canonizzato gli schemi compositivi, sorgono automaticamente nello scorrere delle tracce.

Nell'ascoltare i cinque brani, e dopo una traccia introduttiva dall'incedere psych-folklorico, si possono apprezzare brani ruvidi e violenti, all'insegna di un putridissimo rock, in cui voce graffiante e rabbiosa, riffing monolitici e rocciosi, si abbandonano ad architetture sonore dall'andamento cadenzato, di evidente sabbathiana memoria.

Insomma e per concludere, tutto ben fatto, ben realizzato ma nulla di così trascendentale e quasi al limite della fanatica emulazione. Attenzione però, i Bretus ci avevano avvisato, ergo, nessuna nuova proposta, solo un omaggio ben articolato.


Nicola Pace



DOOMMANTIA: http://earthdogsvisionsofdoom.blogspot.com/2010/03/bretus-bretus-mcd.html

Bretus originally took shape back in 2000 by guitarist Ghenes as a homage to the greats in the Doom Metal scene starting with Black Sabbath to the modern era of bands like Cathedral, Trouble, Saint Vitus but there was also a deep love for horror movies especially the soundtracks so the concept of Bretus was born. Along with another guitarist Neurot in 2008, they recorded some tracks and Bretus started to make a name for themselves in the Doom underground. With vocalist Marko and drummer Sest they developed a sound that while not exactly original, it has a timeless, classic quality that is instantly accessible. After a long, almost painful wait, a 5 track CD is now available. The CD gets on its way with a horror movie spoken word sample in Italian, the following riff that is unleashed in monumental in its delivery, classic Doom in every sense possible and sounding like a cross between Black Sabbath, Saint Vitus and early Cathedral. This track called "Sitting On The Grave" has two killer riffs of the highest quality, the opening main riff that sounds familiar yet original and another riff that comes in 2/3 of the way into the song. Another monster, chunky riff that pushes the song up to a dramatic climax. At that with some fine wailing solo work and you get the complete package. Next is "From The South" and its also based around some solid riffing and some great melody lines and solo work. Plenty of crunch and crashing drums provide the balls of the track along with some unforgettable vocal phrasing. Devastatingly heavy, catchy and a total Stoner Doom burner, this is the real deal. There is no weak point in the band and they sound like a band that should be huge within the Doom scene, you get the feeling you are listening to a band that you have been hooked onto forever even though this is pretty new stuff. The only band i can think of they fits into the same mindset is "Orchid", you just get instantly hooked by the tunes and grooves. Track three is "Dark Cloaks Arrive" which is a classy instrumental interlude in the tradition of other timeless instrumentals from the 70's like Black Sabbath's "Laguna Sunrise" etc. A gentle strumming acoustic guitar and melodic, folksy note runs produce a floaty, cosmic vibe that is soothing to the ear and a nice break between the heavy duty Doom tunes."In Onirica" is up next and it has a killer, twisting riff that gyrates around the solid rhythm section of the band. Its another riff line that has been done before but its done here with so much conviction, it doesn't sound recycled at all. Another interesting solo is featured before the tune gets shifted down a gear creating a swirling vortex of a groove. "The Only Truth" is the final track and its more of a "Heaven And Hell Sabbath era" riff line that runs through this track. The vocals echo that of classic Metal front-men but without sounding like anyone else, the track has a infectious tempo change about halfway in. At this point, its pure old school headbanging Metal complete with another wailing solo. Yet another tempo change and riff pattern before you are treated to yet another great solo creating different and unique sound textures. The ending riff is total Doom rock greatness that is unbelievably catchy and when the track comes to its grinding halt, you are left with the feeling you have just heard something that is a instant classic. Like bands like Orchid, Witchcraft and the like, Bretus make no apologies for their worshiping of the Doom / Stoner greats of the past and the present, in fact they embrace that sound and do it some great justice. The only sad fact is that the EP is so short, a full length album is something that needs to be made and soon. The world needs more bands like Bretus as they are the true essence of Doom Metal. All the ingredients of what is needed are all here, not only for a Stoner Doom release but also just a straight ahead, no bull Heavy Metal CD. Great riffs, a rock solid rhythm section, powerful vocals and great production. I get the feeling this is only the beginning of a band that in the next couple of years will become a big influence in the Doom Metal underground and beyond. Essential!

9.5/10




METAL EMPIRE: http://www.metal-empire.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=1945


Questo è un ep che ho ascoltato veramente con piacere. I Bretus non ci propongono niente di nuovo sia chiaro, ma sono dei discreti compositori e sanno creare delle songs sempre piacevoli e interessanti, come ogni band Hard'n Heavy dovrebbe fare.

Si parte con le chitarre acustiche di Dark Cloak, fatta di melodie sognanti e visionarie, che ci introducono al primo vero pezzo dell' ep From the South che più Black SabbathIn Onirica, canzone più lenta e cadenzata dove il cantato si fa più aggressivo. Il pezzo raggiunge il suo apice nella parte conclusiva, grazie ad enormi (sì, enormi) riff di chitarra. Stupendo l'intro di Sitting on the Grave (indovinate che film è?) dove il cantante ci stupisce sfoggiando uno stile alla Nocturno Culto, che non si fa affatto disdegnare. Bellissima la traccia conclusiva che conferma quanto ho scritto all'inizio.

Se non avete niente di nuovo da dire, fate delle belle canzoni e i Bretus fanno delle belle canzoni.




AUDIODROME: http://www.audiodrome.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=6023


Ennesimo progetto nato in seno al manipolo di musicisti che agitano Catanzaro (Glacial Fear, Uranium 235, Land Of Hate, Zora, A Buried Existence, tanto per dire), il progetto Bretus è prima di tutto una testimonianza d'amore per gli anni Settanta e per i suoni "stonati".

Marko, Ghenes, Neurot e Sest prendono in prestito gli elementi fondanti di generi quali doom, stoner e psichedelia per amalgamarli all'interno di una formula espressiva sulfurea e totalmente dominata dalla centralità del riffing roccioso, fulcro attorno al quale si avviluppano inni alle divinità pagane Black Sabbath, Obsessed, Saint Vitus, Trouble e ai loro sacerdoti Witchcraft, Church Of Misery, Goatsnake. Il risultato di questa messa sacrilega è contenuto in cinque brani in cui le varie componenti si sovrappongono e mescolano per dare vita ad un suono, se non originale, tuttavia dotato di buona personalità e guidato da un'evidente passione per la materia trattata. La chitarra è, come già sottolineato, il motore della macchina Bretus, una vera e propria maestra di cerimonie capace di passare dal riff all'assolo con assoluta disinvoltura e senza mai perdere il proprio ruolo fondante. Eppure la riuscita dei brani risiede nell'insieme degli elementi e nel contributo delle altre parti in causa, nell'amalgama finale che rende Dark Cloaks lavoro piacevole e a tratti in grado di sorprendere l'ascoltatore, vuoi per la padronanza del linguaggio, vuoi per la capacità di costruire brani non banali e dotati della giusta spinta. Con un briciolo in più di voglia di osare e di staccarsi dagli schemi i Bretus potrebbero davvero rivelarsi una gradita sorpresa. Da tenere d'occhio.




Recensione AA.VV. Desert Sound vol. III:

http://www.stereoinvaders.com/index.php?option=com_content&view=article&catid=3:underground&id=2737:aa-vv-desert-sound-vol-3&Itemid=16


La concorrenza, il portale stoner rock Perkele, ci offre questa doppia compilation di bands stoner doom per un totale di ben 28 brani con i quali immaginare di trovarsi nel pieno del deserto dell'Arizona, tra cactus, scorpioni, sole cocente e dune bronzee, incerti se sopravvivere per tornare a casa a divorarsi un film di Russ Meyer o abbandonarsi alla spiritualità dei Signori del Deserto, portatori di una nuova era di psichedelia chimica. I patiti del genere non avranno che l'imbarazzo della scelta nel selezionare con fremente e certosina attenzione le band più significative e interessanti in questa ampia cornucopia di sonorità "all'americana" (ma le band sono tutte italiane). Personalmente ho messo gli occhi e gli orecchi su Godwatt Redemption; sui Bretus così simili agli Spiritual Beggars di "Another Way To Shine"; sugli Electric Swan, epigoni dei Molly Hatchet; sui maliziosi e sensuali Oak's Mary di "Sexy Girl"; sugli Evilgroove di "Smell The Burn", groovosi come un incrocio tra Fireball Ministry ed Helmet degli esordi; sullo sgangherato stoner motorheadiano dei Cosmotron di "Gila Monster"; sulla drammaticità sabbathiana dei Sesta Marconi di "Skeletons Party". I Gum provengono evidentemente da un background di stampo black, ciononostante il riffing propende per sentieri doom stoner. E sorvolo per motivi di spazio su figure dal contorno già netto e definito come i carismatici Doomraiser, Thomas Hand Chaste, o gli Atomic Workers, che certamente non hanno bisogno di ulteriori presentazioni o encomi da parte del sottoscritto. Doppio disco, oltre due ore di musica, tutta italiana, scaricabile gratuitamente dal portale Perkele (seguite il nostro link), esattamente come gli altri due volumi precedenti; allora, cosa aspettate a fare il pieno di stoner doom e psichedelia?




PERKELE:http://www.perkele.it


BRETUS - "Demo"


Nelle parole del leader Ghenez (riff-mastermind e chitarrista ritmico) i Bretus nascono per omaggiare l'adorato genere doom e non (almeno per ora) come live band. Ci sentiamo di dire che trascurare questa seconda parte potrebbe rivelarsi un errore, visto che il quartetto calabrese è una realtà da tenere in netta considerazione, almeno a giudicare dalle quattro tracce del loro primo demo: un'eruzione di fiotti di magma che assumono le forme di pesi massimi come Corrosion of Conformity, Cathedral, Bongzilla, Year Zero, Orange Goblin, Entombed, Goatsnake e Down, cioè un'incandescente massa di minerali fusi pronta a cospargersi nell'ambiente circostante.

Dunque dalle faglie più inaccessibili del nostro sottosuolo arrivano altri musicisti riottosi, consacrati ad un assalto stoner-doom dalla corteccia primitiva, ma che gode di un'esecuzione potentissima e un songwriting maturo, e soprattutto quel perverso feeling di annerito blues metallico, genuino condensato di forza d'urto crusty e dinamismo ritmico.

La registrazione è bella grezza ma sempre godibilissima, e sputa dritta in faccia ad ogni menzognero ritocco che pretenderebbe di addomesticare l'incontrollata risposta degli amplificatori, permettendo di seguire a dovere le linee strumentali nella loro frenesia heavy, proprio come quei platter stoner-doom di formazioni misconosciute che spremevano il cervello degli ascoltatori nella seconda parte degli anni 90, quando la ricerca dell'esaltazione dell'individuo era sublimata nell'elettricità di acidi riff post-sabbathiani e durissimo sostrato psichedelico.

"Vision" e "Survive Now" ci catapultano in un universo arcigno e rabbioso, fatto di riff basilari e incorruttibile sezione ritmica, scivolamenti mesmerici e continui break, con il ruggito di Marko che mette i brividi, magari non il massimo della perfezione formale, ma di sicuro efficace nel donare l'appeal adatto col suo screaming ribassato.

Il pezzo da applausi è comunque la misantropica, tirata e avvolgente "You know the People" in cui i nostri si lanciano a mille lungo un infernale doom psicotico che include sequenze da trip, con la massa umana stipata lungo le rive dello Stige in attesa del giusto supplizio, e "Fight Your Pain" è l'ultima tempesta mentale che materializza l'immondo Yog-Sothoth, tra bassi distorti, strofe cavernose e letali solismi psych.

Non si inventa nulla di nuovo anche se il gruppo è decisamente valido, molte soluzioni sono già state scolpite indelebilmente nello scorso decennio e pure con più classe dai colossi del genere, ma che ci siano dei riconoscimenti per i Bretus.




METALBETA: http://www.metalbeta.it/bretusalbum.html

I Bretus prendono forma nella mente di Ghenes già nel 2000. Il gruppo è nato innanzitutto con la voglia di omaggiare un genere (doom/stoner/psichedelico) e i suoi maggiori interpreti. Insieme a Neurot vengono composti alcuni pezzi e solo nel 2008 si arriva alla loro registrazione grazie anche al fondamentale aiuto di Marko alla voce(Land Of Hate) e Sest alle percussioni. I Bretus non nascono come 'live' band ma con la voglia di far conoscere i pezzi ai numerosi appassionati sotterranei. Con queste parole citate nella bio introduco i Bretus,band di Catanzaro che ci presenta con questo demo omonimo quattro tracce di autentico stoner/doom grezzo e malato.Non essendo il mio genere potrei tranquillamente sbagliare,ma devo dire che la band ci sa fare,omaggiando band del calibro di Black Sabbath,Pentagram e Cathedral su tutti con il singer Marko che ancora una volta sorprende,con la sua timbrica vocale in continua variazione,adattandosi perfettamente alla proposta della band.

Inutile dirvi che i pezzi tirano tutti alla grande,semplici e lineari,ideali per una violentissima scampagnata rock piena di alcolici,peccato che a detta loro,non si esibiscono dal vivo,potrebbero far scapocchiare molti ragazzi nei loro live.

L'ennesima band calabrese da rispettare,che insieme a Land Of Hate,Zora e tutta la cattiva compagnia,hanno creato una scena invidiabile!E ve lo dice uno che venendo da una provincia di idioti,e menefreghisti sa di cosa parla.

Vi raccomando di seguirli,sentiremo sicuramente parlare di loro in futuro!

Doom On!




intervista su StonerRock.com (USA)

a questo indirizzo : http://stonerrock.com/forums2/allposts.asp?Forum=ap883406056&ID=2365368&StartAt=0


Bretus from Italy is the brainchild of Ghenes.If you make a visit to their Myspace page i am sure you will enjoy the riffs from this band.Something about this part of the world that keeps coming up with great heavy bands and Bretus are no exception.Enjoy the interview.


EARTHDOG:First of all tell us how you got together and your main influences.

GHENES:Bretus is born from my idea (Ghenes). actually we are only a studio band because the other components play in other bands. but in the future we think about organizing us. however our influences are various. personally listen everything. if I must tell you the groups that inspire me I would say: Black sabbath of course, Trouble, first Pink floyd, Cathedral and horror film music... and many others.

EARTHDOG:Your music seems to have a lot old school s t y l e in your music,what this accidental or is the old school sound a major influence?

GHENES:f you feels old school music in the Bretus i don't know but surely the seventies bands inspire me. I always prefer the old music to the new sounds. i live in the past ah ah!!!

EARTHDOG:Is says on your myspace page the band is not born as a 'live' band.Does this mean you are going to be a recording band only?

GHENES:live concerts are not a fundamental thing. it's difficult for me to organize a live show but if had to happen we would do it with pleasure. for now it is all right.

EARTHDOG:What is the Doom scene like in your native Italy.I have heard a lot of bands from there and they all sound really good.

GHENES:in italy the stoner doom bands live in the underground and it is very difficult to play around. even if there are many great bands like Ufomammuth Doom raiser and many others... and that they would deserve more exposure. even out of italy.

EARTHDOG:Did you always play this kind of music and if not what s t y l e did you play before?

GHENES:actually I (Ghenes) play in a punk rock band (Meat for dogs)since 1993. Neurot plays in several blues bands, Marko and Sest play together in a thrash band (Uranium 235). Marko also sings in a death / thrash band (Land of hate).

EARTHDOG:You also say on your Myspace that the band is a homage to Doom/Psychedelic/Stoner Rock.That pretty much sums up my page on here as well.What is it about Doom that you love so much?

GHENES:i love the dirt sound of doom, the fact that is not a technical music. for me is almost like punk. direct music essential and full of very beautiful and deep atmospheres.I am also impassioned of horror b movie and doom is the perfect soundtrack.

EARTHDOG:What plans have you got for future recordings and is there any record deals awaiting?

GHENES:we are about to record two new tracks. we don't care about deals or other. we play for having a good time togheter. if something happens it is alright otherwise my life it doesn't change at all.

EARTHDOG:always ask this and it may seems like a boring question but i am always curious as to what people are listening too so what has been your playlist lately?

GHENES:no problems Ed:


1) High on fire - Death is this communion

2) Acrimony - Tumuli shroomaroom

3) Down - Over the under

4) Orange goblin - Healing through fire

5) Grand funk - Red album

6) Alice Cooper - Love it to death

7) Converge - No heroes

8) Danzig - Danzig

9) Jesu - Conqueror

10) Napalm death - Smear campaign

EARTHDOG:Doom Metal has always been in the underground which i always have like about it. Is it still very underground in Italy because bands over there seems to have a bigger profile than bands in the USA.

GHENES:many people write me saying that italian bands are great but me I don't explain the reason. surely being still underground there is strong passion. italy is also the country of the best horror b movie directors therefore I think that is something that we have in the Dna... I think...

EARTHDOG:How do you write and what inspires you to write music?

GHENES:I love to play. love the senzation to create something from nothing. I live in a small village there are not many things to do. surely an excuse to stay together with my friends and to share moments of passion. my principal inspiration is the same music.

EARTHDOG:Finally tell everyone what do you want to achieve with Bretus?

GHENES:as I said before for now we play and we have a good time. it would be enough for me that in the middle of all these bands (many of course) someone remembered this small Italian group.


thank you very much Ed for the attention and your support. talk to you soon . best wishes. Ghenes





intervista su Slowburn.cl (CILE)

a questo indirizzo:

http://www. slowburn. cl/www. slowburn. cl/Bretus_Report. html


Discussione Bretus + intervista nella DOOM ROOM (USA)

a questo indirizzo: http://groups.myspace.com/thedoomroom

Nessun commento:

Posta un commento